Il reverse engineering con l’apprendimento automatico svela come una parte stampata in 3d è stata creata : addio al segreto industriale

REVERSE ENGINEERING DI PARTI COMPOSITE STAMPATE UTILIZZANDO L’APPRENDIMENTO AUTOMATICO
UN TEAM DI RICERCATORI DELLA TANDON SCHOOL OF ENGINEERING DELLA NEW YORK UNIVERSITY HA PUBBLICATO UNO STUDIO CHE DESCRIVE LA VULNERABILITÀ DELLA PRODUZIONE DI PARTI STAMPATE IN 3D RINFORZATE CON FIBRA DI CARBONIO. LA VULNERABILITÀ NON È CORRELATA ALLA DURABILITÀ O AD ALTRE CARATTERISTICHE OPERATIVE – RIGUARDA LA POSSIBILITÀ DI FALSI DI PRODUZIONE, POICHÉ NEI PROCESSI DI PRODUZIONE DIGITALE I FILE CAD E LE TRAIETTORIE DEGLI STRUMENTI STAMPATI SONO SEGRETI COMMERCIALI PREZIOSI.

Gli studi condotti dalla New York School of Engineering, guidata dal professore di ingegneria meccanica e ingegneria aerospaziale, Nihil Gupta, mostrano che i percorsi degli estrusori durante la stampa 3D di parti rinforzate con fibre possono essere facilmente riprodotti utilizzando l’apprendimento automatico e un tomografo computerizzato. Ciò significa che la progettazione di tali parti può essere scoperta, rubata e riprodotta usando il reverse engineering, che è un problema estremamente grave, ad esempio per l’industria aerospaziale, in cui la proprietà intellettuale è protetta in modo molto rigoroso.

Un recente articolo pubblicato sulla rivista Composites Science and Technology dimostra l’uso di questo metodo sull’esempio di una parte composita rinforzata con fibra di vetro. È stato scansionato usando la tomografia computerizzata e quindi le microstrutture del modello scansionato sono state studiate usando l’apprendimento automatico. È stato riferito che l’errore nella dimensione della parte replicata era entro un terzo del percento della dimensione dell’originale.

Be the first to comment on "Il reverse engineering con l’apprendimento automatico svela come una parte stampata in 3d è stata creata : addio al segreto industriale"

Leave a comment