Il rapporto Hype Cycle per le tecnologie emergenti 2017 di Gartner

La stampa 4D è in aumento, lo afferma il rapporto  “Hype Cycle per le tecnologie emergenti” 2017 di Gartner

Nell’ambito del ciclo Hype 2017 per le tecnologie emergenti, la società di ricerca tecnologica Gartner ha individuato tre “megatrends” nei prossimi cinque o dieci anni. Sono: l’intelligenza artificiale ovunque, le esperienze trasparenti (compresa la stampa 4D) e le piattaforme digitali.

Il rapporto Hype Cycle per le tecnologie emergenti fornisce ciò che Gartner definisce una prospettiva “cross-industry” sulle tendenze tecnologiche che le aziende possono utilizzare per migliorare le proprie performance. Concentrandosi sulle tecnologie che potrebbero produrre profitti in un periodo dai cinque ai dieci anni, la relazione di previsione futura è probabilmente una delle risorse più affidabili del settore.

Semplicemente, il rapporto non è solo un lungo elenco di numeri e cifre. Infatti, il tutto può essere più o meno visualizzato in un grafico che traccia le fasi “hype” della tecnologia corrente.

Quest’anno, Gartner continua con le sue arti divinatorie nel mondo delle tecnologie. Ma c’è un assente notevole, con la stampa 3D praticamente fuori dal quadro. Invece, vediamo tecnologie come IoT, robot intelligenti e apprendimento macchina che guidano l’onda di popolarità.

“Gli architetti d’impresa che si concentrano sull’innovazione tecnologica devono valutare queste tendenze di alto livello e le tecnologie presenti, nonché il potenziale impatto sulle loro attività”, ha dichiarato Mike J. Walker, direttore della ricerca di Gartner.

Questo significa che le aziende dovrebbero abbandonare le loro imprese di stampa 3D? Probabilmente no. Due anni fa, i rapporti di Gartner del 2014 e del 2015 hanno segnalato che “Enterprise 3D Printing” aveva raggiunto la pendenza dell’illuminazione, il periodo in una vita di una tecnologia che segue sia il picco delle aspettative che il conseguente tratto della disillusione. La relazione del 2014 ha mostrato il “Consumer 3D Printing” che scivolava appena sopra le aspettative di picco di inflazione, con il 3D Bioprinting che aumentaval’innovazione Trigger.

Nel 2017, una pratica consolidata come la stampa 3D non può più essere considerata una tecnologia in divenire. C’è però una menzione per la stampa 4D, generalmente considerata come una forma di stampa 3D in cui i materiali stampati possono adattarsi e trasformarsi dopo la fase di produzione, che è inclusa nei megatrend “Transparently Immersive Experiences”.

Nella relazione Gartner, la stampa 4D si trova proprio all’inizio dell’ Hype Cycle, ai piedi della pendenza del Trigger. La sua designazione suggerisce che passeranno “più di 10 anni” prima dell’adozione della tecnologia.

“La tecnologia continuerà a diventare più centrata sull’uomo fino al punto in cui introdurrà la trasparenza tra le persone, le imprese e le cose”, afferma la relazione del megatrend Transparently Immersive Experiences. “Questa relazione diventerà molto più intrecciata in quanto l’evoluzione della tecnologia diventa più adattabile, contestuale e fluida all’interno del luogo di lavoro, a casa e nell’interazione con le imprese e le altre persone”.

Altre tecnologie all’interno di questo megatrend oltre alla stampa 4D includono la realtà aumentata (AR), l’interfaccia computer-cervello, la casa collegata, l’incremento umano, l’elettronica dei nanotubi, la realtà virtuale (VR) e le visualizzazioni volumetriche.

Nei due altri megatrends, il rapporto afferma che la AI ​​”sarà la classe di tecnologie più distruttiva nei prossimi dieci anni a causa di un potere di calcolo radicale, di quantità quasi infinite di dati e di progressi senza precedenti nelle reti neurali profonde”. Le Digital Platforms, D’altra parte, porteranno  “le basi per i modelli di business completamente nuovi che stanno formando il ponte tra l’uomo e la tecnologia”.

Walker aggiunge: “Oltre al potenziale impatto sulle imprese, queste tendenze rappresentano un’importante opportunità per i leader delle architetture aziendali di aiutare i leader aziendali e IT a rispondere alle opportunità di business e alle minacce digitali, creando risultati puntuali e diagnostici per la firma che guidano le decisioni di investimento “.

Il modello Hype Cycle (lett. ciclo dell’esagerazione) è una metodologia sviluppata da Gartner, società di consulenza, ricerca e analisi nel campo dell’Information Technology, per rappresentare graficamente la maturità, l’adozione e l’applicazione di specifiche tecnologie.

Phase
Description
1
Technology Trigger(Innesco della tecnologia)
Una nuova tecnologia potenzialmente dirompente viene avviata. Lo sviluppo di primi Proof of concept e l’attenzione dei media scatenano una notevole pubblicità. Spesso non esistono ancora prodotti utilizzabili e non c’è prova della validità commerciale della tecnologia.
2
Peak of Inflated Expectations(Picco delle aspettative esagerate)
La pubblicità iniziale dà luogo ad una serie di storie iniziali di successo – spesso accompagnate da un sacco di casi di fallimento. Alcune imprese agiscono; anche se molte non lo fanno.
3
Trough of Disillusionment(Trogolo della disillusione)
L’interesse nella tecnologia svanisce quando la sperimentazione e l’implementazione non producono i risultati sperati. I produttori della tecnologia entrano in crisi o falliscono. Gli investimenti continuano solo per quelle imprese sopravvissute grazie al miglioramento delle tecnologie di prodotto per soddisfare gli utenti precoci o [early adopter].
4
Slope of Enlightenment(Salita dell’illuminazione)
Incomincia a diffondersi ampiamente e a cristallizzarsi la consapevolezza di come la tecnologia possa avvantaggiare le imprese in diversi modi. Gli sviluppatori della tecnologia creano prodotti di seconda e terza generazione. Un numero crescente di imprese finanzia progetti pilota, mentre quelle conservatrici restano prudenti.
5
Plateau of Productivity(Altopiano della produttività)
L’adozione della tecnologia è la principale tendenza che prende sempre più piede. Vengono stabiliti più dettagliatamente i criteri di valutazione dell’affidabilità dei fornitori. L’applicabilità e la rilevanza della tecnologia per il mercato di massa stanno chiaramente producendo frutti.
Non sono mancate numerose critiche all’Hype Cycle di Gartner, soprattutto da parte di coloro che sostengono che esso non rappresenti un ciclo, che il risultato finale non dipende dalla natura della tecnologia in sé, che il modello non abbia fondamento scientifico, e che non tiene in considerazione dei cambiamenti temporali relativi alla velocità alla quale la tecnologia si sviluppa. Un’altra critica è che il “ciclo” non produce benefici in termini di sviluppo e marketing di nuove tecnologie, ma fornisce solamente commenti su tendenze in atto. A differenza, ad esempio, dell’analisi del technology readiness level (o livello di prontezza tecnologica), specifici svantaggi sono:

Con i termini (soggettivi) disillusione, illuminazione e aspettative non può essere descritto oggettivamente o chiaramente lo stato attuale di una tecnologia.
I termini sono ambigui nel senso che potrebbero indurre in errore le persone sull’utilizzo della tecnologia. Gli utenti non vogliono restare delusi, per cui dovrebbero stare alla larga da tecnologie che si trovano nella fase del “Trough of Disillusionment”?
Non viene proposta alcuna prospettiva d’azione per far passare una tecnologia allo stadio successivo.
Appare come una specie di sistema elastico che produce una risposta immediata molto semplificata generalizzabile attraverso un’equazione differenziale. Forse, si potrebbe dire qualcosa in più formulando il modello con soluzioni conformi al comportamento osservato.

 

Be the first to comment on "Il rapporto Hype Cycle per le tecnologie emergenti 2017 di Gartner"

Leave a comment