Il Rapporto 3D Hubs di Gennaio 2016 sull’andamento della stampa 3d mondiale

3D Hubs e il  Trends Report di gennaio 2016  della stampa 3d nel grande mondo 3D
L’emozione delle vacanze può essere superato, ma, come previsto, l’industria della stampa 3D sta già preparando un anno tutt’altro che indifferente.rating qualita delle stampanti rapporto 3d hubs gennaio 2016 Prima ancora di togliere gli ornamenti dall’albero Natale e spazzare via gli aghi di pino ancora profumati, sta già premendo una nuova linea di prodotti che escono   ovunque ci voltiamo. Questo è  evidente in questo momento con il CES 2016 di Las Vegas e con la vagonata di comunicati stampa che arrivano da tutte le parti.
Nuove macchine, concetti, e piani sono entusiasmanti, ma non c’è niente di più eloquente dei numeri e questo è quello che ci auguriamo di poter avere da 3DHubs ogni mese.

E il Rapporto Mondiale delle  Tendenze della  stampa 3d per gennaio 2016 parte  con una sorpresa in quello che è da sempre la categoria più significativa  le stampanti desktop  “Più Votate “. ‘ La PowerSpec 3D Pro è salita subito al primo  posto dal nono di dicembre,  battendo la Prusa Steel  che passa al secondo posto. Un altro ‘scalatore’ prende il  terzo posto ed è la  Afinia H480, che sale di  due posizioni. La Robox si aggrappa al quarto posto e con la  Form 1 si chiudono i primi cinque posti.
Da notare  la Zortrax M200 (# 6) e la Form 1+ (# 18) scese un po ‘  ma che stanno ancora accumulando un certo numero di recensioni stellari.
3D Hubs ha anche presentato la relazione per il nuovo anno con una nuova categoria. ‘Materiali Popolari’ che indica il valore medio degli ordini per materiali di stampa 3D comuni. Non a caso, le materie plastiche sono responsabili degli ordini meno costosi.  3DHubs  riporta che l’ordine medio in ABS è di 34,30 dollari,  mentre l’ordine medio del PLA è di 31,40dollari . Le Stampe in resina mostrano una media di   50,70 dollari per ordine.
In termini di materiali di stampa 3D industriali, il nylon SLS  fa circa  80 dollari a ordine,  POLYJET è a 93,4 dollari per ordine. Anche l’arenaria  è  sulla lista  con l’ordine medio di 100 dollari. Il bianco è il colore di stampa dominante con un incremento del 28,2%.
Per le stampanti industriali la lista è di solito un po’ più consistente, e questo mese non fa eccezione, come si vede con l’Objet Eden260 che mantiene  il primo posto, con la ProJet 460Plus e  la  Projet 3500 HDMax in seconda e terza posizione, la  3DS ProJet 660 è al quarto posto ,   insieme ad una nuova arrivata,  la EOSINT P 760 che salta dritta al quinto posto.
Per  la categoria ‘Trending Printers’ La Form 2 è al primo posto, ovviamente.
“E ‘ sul mercato solo da un paio di mesi e  diventa subitp la nostra stampante  trend, con una crescita del 133,3%  ,” afferma 3D Hubs . “Ci aspettiamo  che rimanga in questa lista per un bel po ‘se ha la stessa longevità dei modell precedenti.”
La LulzBot TAZ 5, in lista da diversi mesi, è salito al secondo posto, con laDuplicator I3 al terzo posto , e mostrando una notevole crescita del 20%. La cosa più notevole è che la CraftBot ha scalato  18  posizioni  sulla lista per arrivare al sesto posto.
Per quanto riguarda ‘Città top nella stampa 3d ‘   New York, ha raggiunto 400 stampanti (che è anche il numero  di McDonald aperti a New York). Chicago mostra la crescita più rapida, e con un occhio curioso sul Canada, vediamo che Toronto è ancora nono.
Per quanta riguarda  ‘la distribuzione dei modelli di stampanti ,’  3D  Hubs consiglia a tutti di fare attenzione in quanto vi è in realtà un cambiamento piuttosto significativo in questa categoria con la  i3 Prusa che sorpassa la Ultimaker 2 dopo nove mesi di attesa. Scala anche la Zortrax M200 che è ora al  5 posto . La MakerBot entra come capofila, con 3000 unità nella categoria  ‘Distribuzione fra i Produttori di stampanti, “con Ultimaker e 3D Systems che seguono.
La categoria  stampanti 3D per regione,   vede che il Nord America che rimane in testa , e mentre la MakerBot Replicator è forte lì  come in Sud America, viene superata in altre aree come l’Europa e l’Asia.
Questo mese, nel sistema 3d Hubs sono cresciuti di 500 nodi,  arrivando  a 25.000 in totale. Ed è molto emozionante vedere alcune nuove aree  che si affacciano nella rete, come 3D Hubs fa notare che ora è anche possibile stampare in 3D nelle Channel Islands, incluse Jersey and Guernsey.

Be the first to comment on "Il Rapporto 3D Hubs di Gennaio 2016 sull’andamento della stampa 3d mondiale"

Leave a comment