Il prototipo formula 1 2021 stampato in 3d

LA FORMULA 1 E LA FIA UTILIZZANO LA PRODUZIONE ADDITIVA PER TESTARE L’AUTO DEL 2021

La Formula 1 (F1), il principale campionato mondiale per le corse automobilistiche e il suo organo di governo, la Fédération Internationale de l’Automobile (FIA), hanno utilizzato la produzione additiva per aiutare a determinare il design, le regole e i regolamenti delle sue auto 2021.

Ogni stagione di F1, la FIA emette nuovi regolamenti per i veicoli che partecipano al campionato. Le nuove regole vengono testate utilizzando prototipi di modelli di auto implementati. Il mese scorso, il veicolo del 2021 è stato sottoposto a numerosi test in galleria del vento utilizzando un accurato modello in scala del 50% prodotto con l’aiuto della produzione additiva.

I test della galleria del vento sono stati eseguiti da un gruppo di consulenza indipendente della Sauber , una società svizzera di ingegneria automobilistica, che utilizzava la propria struttura per la galleria del vento. L’uso della produzione additiva per creare modelli in scala ha offerto numerosi vantaggi al team di sviluppo. Pat Symonds, Chief Technical Officer di F1, ha dichiarato che “il 50% è un buon compromesso in quanto possiamo ancora ottenere un buon livello di dettaglio sul modello ma abbiamo ancora delle distanze. È vero che in questi giorni i team hanno teso ad aumentare di più del 60% “.

“LA MODELLAZIONE PRESENTA VANTAGGI IN QUESTO, MA LE MODERNE TECNICHE DI PRODUZIONE, IN PARTICOLARE LA PRODUZIONE ADDITIVA E ROBA DEL GENERE, CONSENTONO OGGI DI REALIZZARE MODELLI DEL 50% MOLTO PRECISI”.

Per la stagione 2021 Nikolas Tombazis, Head of Single Seater Technical Fatters della FIA, ha dichiarato che la federazione ha espresso il desiderio di “infrangere le regole”. Questo al fine di spingere all’estremo le attuali normative, identificando lacune e conseguenze non intenzionali. Un obiettivo significativo per le regole del 2021 ruota attorno all’incoraggiare i corridori a superarsi a vicenda. Di conseguenza, è stato riferito che la FIA ha completato una quantità senza precedenti di ricerca e sviluppo sulla fluidodinamica computazionale (CFD) per aiutare a realizzare i suoi veicoli 2021. Sono stati eseguiti test in galleria del vento per aiutare a confermare i dati prodotti dalla ricerca CFD.

Il test iniziale è stato completato a gennaio 2019, dove un modello in scala del 60 percento 2018 è stato testato in galleria del vento. Nel marzo successivo, un altro test è stato effettuato utilizzando un modello 2021 con ruote da 13 pollici, tuttavia le normative 2021 richiederanno presto che tutte le auto da F1 debbano utilizzare ruote da 18 pollici in pista. Un modello del 50 percento dell’auto del 2021 con le ruote da 18 pollici correttamente montate è stato quindi testato nella galleria del vento della Sauber a luglio.

F1 ha fornito un video che illustra i test in galleria del vento del modello in scala 2021 del 50 percento in esecuzione per la prima volta con pneumatici da 18 pollici, un processo spesso mantenuto confidenziale dall’organizzazione. Il sistema di rastrello automatico della galleria del vento della Sauber può essere visto muoversi dietro la macchina per misurare il flusso d’aria o “scia”. La scia viene monitorata in modo che F1 e FIA ​​possano tentare di migliorare la capacità delle auto di seguirsi, e successivamente sorpassare l’altro veicolo. Un elemento significativo della misurazione della scia del veicolo del 2021 risiede nella produzione di un modello dettagliato in scala del 50 percento abilitato dalla stampa 3D.

Le auto in scala 100 per cento sono state vietate per i test in galleria del vento in F1 a causa dell’enorme costo di produzione del modello. I team di F1 hanno invece adottato principalmente modelli del 60 percento per i test in galleria del vento, tuttavia F1 e FIA ​​hanno sfruttato i vantaggi della produzione additiva per produrre un modello dettagliato su scala del 50 percento, senza sacrificare la precisione. Una dimensione più piccola significa più spazio nella galleria del vento dietro l’auto, consentendo un’ispezione dettagliata della scia dell’auto.

Molti team di corse di F1 ora integrano la produzione additiva per la prototipazione e la produzione di parti che migliorano le prestazioni dell’auto. Più di recente Jabil , una società americana di servizi di produzione in tutto il mondo, ha annunciato una partnership con il Team Renault F1 per produrre parti di auto stampate in 3D per la sua auto da F1 in competizione nel Campionato mondiale di Formula 1 2019.

Esistono anche collaborazioni di lunga data nella stampa 3D tra Stratasys e McLaren , Willians ed EOS , Sauber e Additive Industries e Ferrari e Magneti Marelli .

In una precedente intervista con l’industria della stampa 3D Robert Fernley , ex vice team Principal di Force India (ora noto come Racing Point F1), ha spiegato come i team di F1 si stanno muovendo sempre più verso la stampa 3D per parti di uso finale piuttosto che semplicemente prototipare.

Be the first to comment on "Il prototipo formula 1 2021 stampato in 3d"

Leave a comment