Il processo AXIOM che unisce la stampa 3D con lo stampaggio ad iniezione

Il processo AXIOM combina la stampa 3D con lo stampaggio ad iniezione, richiesto dalle esigenze di COVID-19

La pandemia COVID-19 ha cambiato il mondo come una volta lo conoscevamo in molti modi, a partire da un rinnovato valore per la buona salute e non per sudare le piccole cose; tuttavia, per coloro che sono stati colpiti dal coronavirus, la storia è molto diversa. Noto per essere un’esperienza spaventosa anche per le persone che possono essere considerate in buona forma, questo virus potenzialmente pericoloso per la vita spesso significa ricovero in ospedale. Dato che i posti letto nelle aree hotspot come New York si sono riempiti di capacità, la carenza di dispositivi di protezione individuale (DPI) è stata ben nota e diffusa.

Mentre gli utenti medici e la comunità open-source in tutto il mondo sono stati estremamente intraprendenti nella stampa 3D di dispositivi medici molto necessari come i ventilatori , aziende come la Hybrid Manufacturing Technologies hanno intensificato per produrre i volumi necessari negli Stati Uniti per i DPI. Il produttore con sede a Mckinney, Texas, ha annunciato lo sviluppo di una nuova tecnica chiamata AXIOM, che combina la stampa 3D con lo stampaggio ad iniezione.

I vantaggi della stampa 3D continuano a essere scoperti e ampliati all’interno del regno medico. A volte, tuttavia, la combinazione di tecnologie tradizionali e progressive può essere estremamente efficace per realizzare i componenti necessari. Il processo AXIOM ( A utomated e X trusion I nto an O pen M old) è accompagnato dalla testa AMBIT ™ XTRUDE in una fresatrice.

Sebbene gli appassionati di stampa 3D attualmente godano di vantaggi come l’accessibilità economica e l’accessibilità di hardware, software e materiali, lo stampaggio ad iniezione è ancora spesso la prima scelta per gli utenti che cercano una migliore finitura superficiale e qualità delle parti. La stampa 3D può anche essere utile per la produzione di piccoli volumi, ma la fabbricazione di grandi quantità potrebbe non essere sempre realistica, soprattutto rispetto allo stampaggio.

“Questi fattori sono stati evidenziati nei recenti sforzi per affrontare la carenza di DPI derivante dalla pandemia di COVID-19”, ha dichiarato il team Hybrid Manufacturing Technologies in un recente comunicato stampa.

Il processo AXIOM funziona in tre fasi: fresatura, riempimento e finitura. Ciò consente di fabbricare rapidamente parti in plastica come gli schermi facciali durante improvvisi picchi e la domanda di picco da parte della comunità medica, specialmente durante una pandemia virale. Ci vuole meno di un minuto per produrre una parte in polipropilene, con superfici lisce per una facile sterilizzazione, un requisito fondamentale in ambito medico.

“Abbiamo unito la stampa 3D, la lavorazione e lo stampaggio in un nuovo modo per integrare le catene di approvvigionamento con l’aumento della domanda. Ciò significa produrre parti polimeriche senza strati o rugosità superficiale associate alla stampa 3D a velocità prossime allo stampaggio ad iniezione. ” ha dichiarato il Dr. Jason Jones, CEO, Hybrid Manufacturing Technologies.

Be the first to comment on "Il processo AXIOM che unisce la stampa 3D con lo stampaggio ad iniezione"

Leave a comment