Il più vecchio prosciutto del mondo compie 116 anni e viene scansionato (ancora)

Il più vecchio prosciutto del mondo ottiene una stampa 3D aggiornata di sé per il 116 ° compleanno

PD Gwaltney Jr. potrebbe essere stato un po ‘eccentrico, ma era certamente un pensatore creativo e pieno di risorse. Gwaltney, la cui famiglia era un importante produttore di carne suina salata tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, scoprì un prosciutto stagionato che era stato mal riposto per due decenni. Invece di buttarlo fuori o, per fortuna, cercando di mangiarlo, Gwaltney ha fatto quello che chiunque avrebbe fatto, ovviamente: ha messo un collare e un guinzaglio e ha iniziato a viaggiare con esso, chiamandolo il suo prosciutto domestico e usandolo come esempio di l’abilità dell’azienda nel curare le carni. Erano davvero bravi, perché il prosciutto esiste ancora oggi, con orgoglio con la distinzione del prosciutto più antico del mondo.

Questo fine settimana, il prosciutto compirà i 116 anni e festeggerà come chiunque vorrebbe – con una festa rockin ‘. La città natale del prosciutto di Smithfield, in Virginia, ospiterà la festa annuale, completa di torte, attività per le feste, una visita dalla bookmobile della biblioteca locale e un regalo speciale per il prosciutto – un ritratto stampato in 3D di se stesso.

Non è la prima volta che il prosciutto viene scannerizzato in 3D e stampato in 3D. Meno di tre anni fa, Bernard Means, PhD, professore di antropologia presso la  Virginia Commonwealth University School of World Studies, ha  visitato il prosciutto nella sua attuale sede nell’Isola di Wight County Museum  e lo ha scansionato in 3D insieme alla più antica arachide del mondo , anch’essa per gentile concessione di Gwaltney. Il prosciutto e l’arachide furono successivamente stampati in 3D. Ora, in onore del suo compleanno, il prosciutto viene scansionato in 3D e stampato di nuovo.

Il ragionamento alla base della scansione e della stampa 3D va oltre il semplice augurio del buon compleanno al prosciutto: avere stampe 3D di un oggetto così popolare del museo significa che le stampe possono essere manipolate e passate in giro, in modo che i visitatori del museo possano esaminare il prosciutto da vicino. Permette anche a Dr. Means, che sta guidando anche il secondo sforzo di scansione 3D e di stampa 3D, per tenere traccia di quanto bene regge il prosciutto. Pensa ad un normale controllo: se Dr. Meisters 3D esegue scansioni e 3D stampa nuovamente il prosciutto tra qualche anno, sarà in grado di vedere se si è ridotto o si è deteriorato del tutto. È trattenuto per così tanto tempo, quindi immagino che continuerà a essere forte per gli anni a venire.

Se ti stai chiedendo che odore ha un pezzo di carne essiccata dopo 116 anni, il dottor Means non può darti una risposta esatta, perché, come puoi immaginare, un prosciutto di 116 anni probabilmente non ha l’odore di niente altro.

“È un odore che non potresti descrivere” disse. “Non è un odore di albicocca.”
La scansione 3D del prosciutto più antico del mondo è anche disponibile per il pubblico online, nel caso in cui desideri stampare in 3D tu stesso. Puoi anche seguire le attività del prosciutto (o la sua mancanza) sul Ham Cam sul sito web del Museo Provinciale dell’Isola di Wight, o seguirlo su Twitter . Sì, il prosciutto più vecchio del mondo ha il suo account Twitter, perché non dovrebbe? Potrebbe essere un vecchio prosciutto, ma è alla moda con le nuove tecnologie.

 

Il prosciutto più antico del mondo risale al 1902 ed è esposto ininterrottamente all’Isle of Wight County Museum a Smithfield, in Virginia. Puoi imparare di più sul prosciutto e vederlo 24 ore al giorno su Ham Cam  . Il prosciutto è stato scansionato in 3D il 27 giugno 2018 con un Go! Scan 50. La riflettività dell’etichetta in ottone del prosciutto gli ha impedito di essere scansionato correttamente e quindi non fa parte di questo modello. Per gentile concessione del Museo della Contea dell’Isola di Wight.

 

Be the first to comment on "Il più vecchio prosciutto del mondo compie 116 anni e viene scansionato (ancora)"

Leave a comment