Il Pentagono desecreta il progetto di un sciame di droni intelligenti stampati in 3d lanciati da aerei da combattimenti ecco il video

Il Pentagono diffonde un video segreto di un sciame di droni stampato in  3D lanciati da aerei da combattimento

Nonostante tutti i suoi segreti e i progetti classificati, non è certo una novità che l’esercito degli Stati Uniti sia un convinto sostenitore della stampa 3D. Quasi ogni dipartimento dei militari sta usando e sperimentando la stampa 3D in una forma o nell’altra; proprio all’inizio di quest’anno, la marina ha adottato la stampa 3D in uno dei loro centri di guerra, mentre l’esercito ha annunciato la sperimentazione di  droni di ricognizione stampati in 3d e personalizzabili. Ma la stampa 3D va ben oltre la semplice realizzazione di prototipi, come la nuova versione del Pentagono dimostra. Hanno appena rilasciato dei filmati precedentemente classificati di uno sciame di droni 3D stampati in fase di lancio da un jet F-17 da combattimento che si muove a 430 miglia orarie.

Naturalmente l’esercito americano è noto per il suo uso di droni in zone di combattimento, ma la stampa 3D è stata raramente coinvolta. Il filmato rilasciato, che può essere visto qui sotto, è stato girato sopra i cieli dell’Alaska la scorsa estate. Questi micro-droni, che vengono lanciati come contenitori di paracadute che si rompono per far uscire i droni con eliche grandi dei pollici, sono intesi per essere programmati per volare come uno sciame con una sola mente. Essi possono essere lanciato dai caccia F-16 e F / A-18. Un concetto davvero futuristico che evoca immagini di sciami di locuste che cancellano il sole sui campi di battaglia.

I test sono stati promettenti. Il Washington Post, che ha condiviso il filmato, ha rivelato che gli esperimenti sono stati condotti dallo Strategic Capabilities Office (SCO) – un’organizzazione che era molto segreta fino a questa ultima comunicazione. Secondo quanto riferito il dipartimento è stato costituito nel 2012 con lo scopo di capire come contrastare le crescenti minacce cinesi e russe, e si è capito che stanno lavorando su diversi progetti classificati. La loro comparsa in pubblico segue un programma di rinnovamento al Pentagono, che è alla ricerca di nuovi modi per adattarsi alle nuove situazioni. Essi sono anche alla ricerca per rafforzare i rapporti con imprese ad alta tecnologia, in parte attraverso il nuovo Defense Innovation Advisory Board.

Resta inteso che la  SCO ha il compito di creare nuove “modalità” per il Pentagono, riferendosi al gergo di calcio, con la creatività e l’ingegneria e la conoscenza delle istituzioni private e governative. L’istituto è guidato dal fisico William Roper, che ha un background in difesa missilistica. “Ho lavorato sempre su progetti classificati per tutta la mia carriera, quindi tutto questo è nuovo per me e  davvero vorrei poter tornare indietro”, ha detto a proposito del nuovo approccio. “Non si possono vincere le guerre se tutto è fuori dalla porta, ma non si possono scoraggiare le guerre se tutto è segreto.” Alcuni di questi dettagli circa la SCO sono stati rilasciati in un recente discorso del Segretario della Difesa Ash Carter, che ha discusso su alcuni  problemi per il bilancio 2017, tra cui una richiesta di 902.000.000 $ per la SCO.

In quel discorso, ha anche parlato di questi affascinanti brulicanti micro-droni, come solo una delle tecnologie autonome su cui SCO sta lavorando. E sono molto impressionanti. “In aria, si sviluppano micro-droni che sono veramente veloce e molto resistenti”, ha detto Carter nel suo discorso. “Possono volare attraverso forti venti ed essere lanciati  dalla parte posteriore di un jet da combattimento che si muove a Mach 0.9, come hanno fatto nel corso di un esercizio operativo in Alaska lo scorso anno, oppure possono essere lanciati  in aria da un soldato in mezzo al deserto iracheno. ”

Ha continuato col dire che questa è solo uno delle applicazioni della tecnologia autonoma, che si basa anche su un uso intelligente dell’elettronica e delle tecnologie esistenti. “Per esempio, i micro-droni […] utilizzano molti componenti commerciali e sono effettivamente stampati in 3D  e si basano su alcuni degli stessi algoritmi di intelligenza artificiale che in una forma molto più primitiva erano sul lander Mars ,”  . I droni sono in fase di test dal 2014.

Mentre le specifiche dei droni sono ancora classificate, si prevede che questi droni saranno utilizzati per la sorveglianza e per confondere il nemico. Il fatto di essere stampati in 3d, costano solo una frazione di altri tipi di UAV, e pesano solo un chilo ciascuno. Come abbiamo visto nella clip, essere lanciati  da un jet a 2.000 piedi dal suolo non è un problema per questi droni. Una volta liberi, guadagnano la conoscenza della situazione. Durante l’esercizio in Alaska, 150 test sono stati fatti con i droni con  72 che hanno coinvolto gli aerei da combattimento.

Secondo il direttore Roper, i droni sono parte di un progetto chiamato Perdix, dal nome di un personaggio della mitologia greca che è stato trasformato in una pernice. Il programma costa circa   20 milioni di dollari  e la stampa 3D vi è pesantemente coinvolta. Finora, i risultati sono buoni  e le parti stampate in 3d sono in grado di sopportare le immense pressioni in gioco in fase di lancio da un aereo da caccia. Sembra che la stampa 3D diventerà parte integrante dei droni militari del futuro.

Be the first to comment on "Il Pentagono desecreta il progetto di un sciame di droni intelligenti stampati in 3d lanciati da aerei da combattimenti ecco il video"

Leave a comment