Il nuovo triplo estrusore Bioprinter dell’Allevi 3

Allevi presenta il nuovo triplo estrusore Bioprinter Allevi 3
La società di bioprinting Allevi di Philadelphia è  stata fondata nel 2014, allora nota come BioBots. Il suo obiettivo è rendere la biostampa facile – un compito non piccolo, poiché la bioprinting è sempre stata una procedura complessa e avanzata. Ma i bioprintessori desktop di Allevi sono progettati per essere facili da usare e versatili, pur restando potenti. Allevi è diventata un’azienda globale con clienti in laboratori in tutto il mondo e le sue bioprintessioni e bioink sono state utilizzate in alcune ricerche pionieristiche.

Allevi sta ora introducendo la sua ultima stampante 3D, la Allevi 3, che si unisce alle Allevi 1, Allevi 2 e Allevi 6 – così come Allevi ZeroG, il primo bioprinter 3D nello spazio . Secondo l’azienda, Allevi 3 consente agli utenti di “stampare qualsiasi linea cellulare, in qualsiasi geometria per qualsiasi applicazione che si possa immaginare”. Come gli altri bioprotettori 3D di Allevi, l’Allevi 3 è progettato per essere facile da usare, un plug-and -play machine con protocolli predefiniti per tutti i bioink e tutorial facili da seguire. Allevi offre anche molto supporto per aiutare i clienti con qualsiasi necessità o problema che potrebbero avere.

La versatilità è un’altra caratteristica di Allevi 3. Ogni estrusore ha una gamma di temperature completa da 4 ° C a 160 ° C e gli utenti possono controllare ogni parametro di stampa utilizzando il software Allevi. Dispone inoltre di una piattaforma aperta per le possibilità di personalizzazione completa. La stampante è in grado di stampare in 3D con qualsiasi materiale, dal collagene ai materiali termoplastici. Altre possibilità includono soluzioni matrigel, alginato, grafene, vetro di carboidrati e altro ancora.

L’Allevi 3 ha tre estrusori, da cui il nome, che consente agli utenti di fabbricare tessuti complessi in un semplice passaggio. Il piano di stampa è dotato di controllo della temperatura da RT-60C per mantenere le cellule vitali per periodi più lunghi e per contenere capsule di Petri, piastre per pozzetti e vetrini. La stampante offre la calibrazione automatica, rendendola ancora più facile da usare, e gli utenti possono scegliere di curare i loro bioink sia alla luce visibile che ultravioletta. Gli estrusori hanno due LED separati nelle gamme di 365nm e 405nm e l’intensità della luce può essere regolata da 0 a 20 mW / cm2.

Gli estrusori e la piastra del bioprinter 3D sono intercambiabili per rendere la macchina a prova di futuro, permettendole di evolversi con cambiamenti nella tecnologia di bioprinting. Il sistema è completamente aperto – accetta siringhe Luer Lock da 5 mL ed è compatibile con tutti i kit di bioink che Allevi offre sulla sua piattaforma.

Alcune specifiche dell’Allevi 3:

Dimensioni: 16 x 14 x 14 pollici
Peso: 22 libbre
Precisione XY: 1 micron
Precisione Z: 1 micron
Risoluzione di stampa: 150 micron
Volume di costruzione: 9 x 13 x 6 mm
Secondo Allevi, la nuova stampante 3D è stata ispirata dal lavoro dei clienti dell’azienda in tutto il mondo. Allevi è orgoglioso dei progressi che i suoi clienti hanno fatto con l’uso dei suoi bioprinters e afferma che “Crediamo che tutti abbiano il potenziale per cambiare il corso della medicina.” Ci sono numerose aziende di bioprinting nel mondo, e mentre ciò rende per una forte concorrenza, si potrebbe sostenere che più aziende ci sono, meglio è, mentre gli scienziati lavorano per eliminare la lista d’attesa dei donatori di organi, creare nuovi farmaci e trattamenti per la malattia, e altro ancora. Chissà cosa potrebbe essere realizzato con Allevi 3?

Be the first to comment on "Il nuovo triplo estrusore Bioprinter dell’Allevi 3"

Leave a comment