Il nuovo Campus di produzione additiva Safran proceda nella costruzione

Il nuovo Campus di produzione additiva Safran da 12.500 mq è sulla buona strada per l’apertura nel 2021
Ospiterà fino a 50 stampanti 3D di produzione

Il colosso aerospaziale Safran sta portando tutte le sue attività di produzione additiva sotto lo stesso tetto in un nuovo sito chiamato Safran Additive Manufacturing Campus. La costruzione di questa fabbrica del futuro è iniziata a marzo ed è sulla buona strada per ospitare fino a 50 stampanti 3D di livello produttivo che lavorano con polvere metallica o altra materia prima, sciolte da un raggio laser o altri mezzi.

Per un pioniere aerospaziale come Safran, questa rivoluzione della produzione offre molti vantaggi in termini di abilitazione di nuovi progetti, maggiore flessibilità, peso e risparmio di materiale. Anche per Safran, l’accesso alle funzionalità interne di stampa 3D in metallo significa anche la possibilità di rompere il monopolio e la sua dipendenza dalle società di forgiatura e fusione, con la possibilità di realizzare parti complesse in modo più economico rispetto alla lavorazione meccanica. Oltre a produrre parti che sarebbero altrimenti impossibili da realizzare utilizzando le tecnologie convenzionali.

Accelerare e ottimizzare per aggiungere valore
Safran sta ora cercando di sfruttare ulteriormente il potenziale della produzione additiva, un’area su cui lavora da quasi 20 anni. Oggi la tecnologia AM ha raggiunto la maturità e alcune aziende stanno iniziando a impiegarla per produrre parti di produzione. Ma per accelerare il processo, ogni fase doveva essere portata sotto lo stesso tetto, dalla progettazione e sviluppo all’ingegneria e fabbricazione.

Questo è ciò che ha ispirato la creazione del Safran Additive Manufacturing Campus, una nuova entità dedicata. “AM implica molto di più della semplice stampa 3D”, spiega François-Xavier Foubert, CEO di Safran Additive Manufacturing Campus. “Gran parte del valore aggiunto risiede nel design e nelle finiture. Per fare un salto in avanti nei tassi di produzione e nella competitività, dobbiamo ottimizzare l’intero processo e riunire le funzioni precedentemente ospitate in strutture separate. “

Il nuovo campus aprirà le sue porte a Le Haillan, vicino al sito della ceramica di Safran. Coprendo circa 12.500 metri quadrati (135.000 piedi quadrati) di superficie, ospiterà attività di ricerca, progettazione, sviluppo, ingegneria e produzione, oltre a funzioni di supporto. La fabbrica avrà fino a 50 stampanti 3D in grado di gestire una vasta gamma di materiali (alluminio, titanio, leghe e polimeri a base di nichel) per realizzare parti diverse (palette, strutture, custodie, attrezzature, ecc.).

“La dimensione digitale sarà anche onnipresente”, afferma François-Xavier Foubert, “perché AM si basa su un sistema di produzione digitale integrato, dalla progettazione alla fabbricazione”. Ultimo ma non meno importante, la linea sarà classificata come “a basse emissioni di carbonio” e alimentata esclusivamente da elettricità o recupero di calore residuo.

In definitiva, il campus prevede di avere circa 200 dipendenti che lavorano in un ambiente su misura per la produzione additiva. Vi sono numerose posizioni da ricoprire, nella ricerca e tecnologia, nella produzione e in molte altre aree. “AM richiede un nuovo know-how, in particolare nella progettazione e nel controllo delle linee di stampa 3D”, sottolinea François-Xavier Foubert. “Stiamo per istituire una struttura di formazione per supportare l’upskilling dei dipendenti che si uniscono a noi e di quelli che lavorano nel gruppo AM. Stiamo anche creando partnership con scuole di ingegneria per formare gli specialisti di domani. “

La costruzione è iniziata a metà aprile e dovrebbe essere completata entro la fine del primo trimestre del 2021.

Be the first to comment on "Il nuovo Campus di produzione additiva Safran proceda nella costruzione"

Leave a comment