Il motore a vapore Boulton-Watt di James Watt stampato in 3d

GLI STUDENTI DELL’UNIVERSITÀ DI GLASGOW CREANO TRIBUTO STAMPATO IN 3D A JAMES WATT

Un gruppo di studenti dell’Università di Glasgow ha stampato in 3D un modello in scala del pionieristico motore a vapore Boulton-Watt di James Watt, che segna il bicentenario della sua morte.

Costruito per oltre cinque mesi da membri della società studentesca JetX della School of Engineering, si ritiene che il modello sia il più grande modello di lavoro realizzato additivamente di questo progetto mai realizzato.

James Watt ha creato il suo rivoluzionario motore a vapore nel 1765 mentre lavorava come costruttore di strumenti all’università di Glasgow. Lì ha iniziato a migliorare un motore a vapore di Newcomen scoprendo che avrebbe potuto renderlo notevolmente più efficiente aggiungendo un condensatore separato. Il suo lavoro ha portato alla creazione del primo motore a vapore pratico al mondo, aiutando a dare il via alla rivoluzione industriale.

Per commemorare la morte di Watt 200 anni fa, la società JetX ha deciso di impiegare la sua esperienza di ingegneria e stampa 3D per produrre un modello in scala del suo famoso design.

Il modello di motore ha una lunghezza di circa un metro e utilizza oltre 150 parti stampate in 3D. Il processo ha richiesto in totale 845 ore di stampa, consumando oltre 2,2 km di filamenti di stampa. Mentre l’originale è stato eseguito a vapore, il modello stampato in 3D utilizza una marcia in più per muoversi e dimostrare la gamma di movimento del motore con il semplice tocco di un pulsante.

La società JetX Engineering è un club per appassionati di motori a reazione e offre agli studenti di ingegneria la possibilità di progettare, sviluppare e costruire modelli dei tipi di motori utilizzati nell’industria aerospaziale moderna.

Da quando la società è stata fondata nel 2014, i suoi membri hanno utilizzato con successo la stampa 3D per creare due modelli di motori a getto sub-scala, tra cui X-Plorer 1 , che ha richiesto 2.901 ore di stampa 3D.

Chris Triantafyllou, presidente di JetX, ha guidato la progettazione e la costruzione del recente modello di motore Watt. Gli ultimi cinque mesi sono stati molto impegnati “, ha detto Triantafyllou,” ma siamo davvero soddisfatti del modello finale. “

“L’intero processo di costruzione ha utilizzato un sacco di pratiche di progettazione e prototipazione che abbiamo appreso nel corso degli anni di sviluppo di modelli di motori a reazione”.

Parti stampate in 3D utilizzate nel motore a getto in scala ridotta X-Plorer 1. Foto tramite la società studentesca JetX.
Il modello sarà esposto alla Biblioteca dell’Università di Glasgow da giovedì 6 giugno nell’ambito di una mostra pubblica che esplora la vita, i risultati e l’eredità di Watt. Colin McInnes, James Watt Chair dell’Università e professore di scienze ingegneristiche, ha dichiarato: “Il team JetX ha raggiunto qualcosa di straordinario con la costruzione di questo modello, che è un tributo adeguato alla visione di James Watt in questo bicentenario”.

“Il motore è stupefacente e attribuisce a JetX la loro immaginazione, dedizione e diligenza, non solo in questo progetto, ma anche nei loro progetti di motori jet autogestiti. La School of Engineering è entusiasta di instillare negli studenti l’importanza del pensiero creativo nell’ingegneria e JetX è un esempio lampante di come la creatività possa ispirare entusiasmanti nuovi progetti. “

Be the first to comment on "Il motore a vapore Boulton-Watt di James Watt stampato in 3d"

Leave a comment