Il Gruppo Marchesini la stampa 3d e il gruppo Stratasys

Marchesini Group, produttore di macchine per l’imballaggio, stampa in 3D migliaia di componenti funzionali con tecnologia Stratasys
“La produzione additiva è parte integrante della produzione del Gruppo Marchesini.”

Marchesini Group, produttore italiano di macchine per l’imballaggio, ha prodotto migliaia di parti funzionali utilizzando la tecnologia di produzione additiva Stratasys .

La società ospita 12 macchine Stratasys in una struttura di stampa 3D dedicata presso la sede di Pianoro, con due sistemi multi-materiale PolyJet accompagnati da dieci piattaforme FDM (Fused Deposition Modeling), tra cui una Fortus 900mc, quattro Fortus 450mc e cinque macchine F270. Questa flotta di tecnologia di stampa 3D rende Marchesini uno dei maggiori clienti di Stratasys in Europa e ha permesso alla società di implementare un’attività produttiva completamente personalizzata.

Ciascuna delle sue macchine per l’imballaggio è prodotta in modo specifico per l’industria o i processi del cliente, con la stampa 3D che gioca un ruolo fondamentale nei suoi processi di produzione su richiesta.

“La produzione di parti complesse e personalizzate con metodi di produzione tradizionali si è dimostrata estremamente costosa e dispendiosa in termini di tempo, il che non è più adatto alle crescenti esigenze del settore dell’imballaggio di oggi”, ha commentato Mirko Fortunati, responsabile del coordinamento delle officine meccaniche del Gruppo Marchesini. “È importante sottolineare che per la nostra attività la produzione additiva di Stratasys ci ha permesso di superare questi problemi e adottare un modello di produzione personalizzato. L’integrazione delle nostre stampanti 3D FDM di livello industriale nel nostro processo di produzione ha drasticamente ridotto i tempi di consegna dei pezzi da alcune settimane a qualche giorno. Avere questa capacità di produzione su richiesta consente ai nostri ingegneri di sfruttare la maggiore libertà di progettazione che la stampa 3D consente, consentendo a Marchesini Group di ottenere risultati di qualità superiore per i nostri clienti. “

Marchesini ha utilizzato la stampa 3D durante la progettazione, lo sviluppo, la produzione e la manutenzione delle sue macchine automatiche per l’imballaggio. Tra i componenti da fabbricare in modo aggiuntivo vi sono custodie protettive, sistemi di supporto per cavi e scatole di derivazione, che vengono stampati utilizzando materiali termoplastici resistenti, come il filamento Stratasys FDM Nylon 12CF o la resina ULTEM 9085, anziché lavorati con materiali metallici. Per Marchesini, ha contribuito a ridurre il peso di alcune parti del 30%, aumentando la velocità e la produttività nel suo sistema di imballaggio robotizzato, ad esempio, e rispettando gli standard del settore. Si dice che i pezzi di ricambio vengano consegnati in tempi record grazie alla stampa 3D, mentre la tecnologia PolyJet consente all’azienda di affrontare progetti complessi che combinano materiali duri e simili alla gomma in un singolo componente.

“È corretto affermare che la produzione additiva è parte integrante della produzione del Gruppo Marchesini”, ha affermato Fortunati. “Nel solo 2019, abbiamo registrato un totale di 22.480 ore di funzionamento per le nostre apparecchiature di stampa 3D FDM, pari a quasi 15 ore al giorno. Per le nostre due stampanti 3D PolyJet, per un totale di 1.700 ore di funzionamento, l’equivalente di circa otto ore al giorno. Mentre continuiamo ad espandere queste tecnologie attraverso il nostro processo di progettazione e produzione, possiamo aspettarci che queste cifre siano ancora più elevate in futuro. “

Be the first to comment on "Il Gruppo Marchesini la stampa 3d e il gruppo Stratasys"

Leave a comment