Il Giappone e la stampa 3d : 17 aziende su 20 usano la stampa 3d

Rapporto IDC Giappone: stampa 3D principalmente utilizzata per produzione, trasporto, macchinari elettrici
Il gigante giapponese della ricerca IDC (International Data Corporation) ha pubblicato i risultati del suo sondaggio nazionale sulla stampa 3D. Tra i dati, il sondaggio ha rivelato che l’85,7% delle aziende intervistate utilizza stampanti 3D per realizzare prototipi.

Questa settimana stiamo imparando molto sul mercato asiatico della stampa 3D. Solo pochi giorni fa abbiamo esaminato un recente rapporto IDC sulla stampa 3D e la produzione additiva nella regione Asia-Pacifico . O, più specificamente, la regione APEJ: Asia-Pacifico eccetto il Giappone .

Ma che dire del Giappone stesso? Fortunatamente, l’IDC ha svolto i suoi compiti anche lì e ha appena pubblicato i risultati di un gigantesco sondaggio sulla stampa 3D condotto nel paese tecnologicamente avanzato.

I risultati del sondaggio non contengono previsioni finanziarie sul settore della stampa 3D in Giappone, ma forniscono una visione affascinante di come le aziende stanno facendo uso della produzione additiva … e di come si aspettano di utilizzare la tecnologia nei prossimi anni.

Tra i risultati è stata la rivelazione che le applicazioni più popolari per la stampa 3D nel settore manifatturiero sono la produzione di macchinari per la produzione domestica, macchinari per il trasporto e macchinari elettrici.

Il sondaggio IDC rivela anche altre cose su come le grandi aziende utilizzano attrezzature di produzione additiva. Ha scoperto che la maggior parte delle informazioni di stampa 3D raccolte da queste aziende proviene da risorse online. Ma solo alcuni tipi di informazioni possono essere facilmente trovate. Le informazioni sui materiali, ad esempio, sono facilmente ottenibili, ma le informazioni sui prezzi delle stampanti 3D e sui suggerimenti per la modellazione sono più scarse.

IDC stesso pensa che questo potrebbe essere un problema nella scena della produzione additiva domestica e raccomanda che coloro che sono nel business tentano di correggerlo. “Per accrescere il mercato della stampa 3D giapponese, è necessario avere una conoscenza adeguata delle stampanti 3D”, ha affermato Tomoko Mitani, analista senior presso IDC Japan.

Il sondaggio rivela inoltre che circa l’85,7% di queste aziende utilizza le proprie stampanti 3D per fabbricare prototipi. In termini di utilizzo della stampa 3D come strumento per i processi di produzione tradizionali, il 67,8% delle aziende utilizza stampanti 3D per produrre maschere e strumenti speciali, ma pochissime aziende rispondenti affermano di aver utilizzato stampanti 3D per realizzare stampi.

Questi dati rivelano molto sull’industria della stampa 3D giapponese come lo è ora, ma il sondaggio ha anche messo in discussione le aziende partecipanti riguardo alle loro previsioni per il futuro della produzione additiva.

Secondo IDC, circa la metà degli intervistati pensa che le stampanti 3D cambieranno i processi di sviluppo, progettazione e produzione in futuro, mentre solo il 28,1% pensa che la stampa 3D cambierà il processo logistico. (Potrebbe essere una brutta notizia per la società di stampa 3D e logistica giapponese Yamato , che ha creato una piattaforma per la stampa 3D on-demand di dispositivi medici.)

Per quanto riguarda la velocità con cui la produzione additiva potrebbe prendere piede nell’industria manifatturiera nazionale, più della metà degli intervistati ritiene che il processo di adozione della stampa 3D sarà “graduale”, mentre circa il 30% prevede una “rapida” diffusione delle stampanti 3D e servizi di stampa 3D.

Una società di stampa 3D giapponese a cui prestare attenzione è JAMPT Corporation , una società costituita lo scorso anno da Sojitz Corporation e Koiwai Co., Ltd. che promette di offrire il primo servizio di produzione di additivi metallici “one-stop” del Giappone.

Be the first to comment on "Il Giappone e la stampa 3d : 17 aziende su 20 usano la stampa 3d"

Leave a comment