Il Cranio di un Ittiosauro di 200 milioni di anni fa stampato in 3d

Cranio di mostro marino di 200 milioni di anni riprodotto con stampa 3D

I misteri nascosti all’interno di un cranio preistorico di rettili marini sono stati rivelati utilizzando le tecnologie di scansione CT e di stampa 3D . Il grande cranio apparteneva a un ittiosauro, un dinosauro che vagava per gli oceani circa 200 milioni di anni fa. Ricercatori dell’Università di Manchester, dell’University College di Londra e dell’Università di Cambridge hanno collaborato al progetto per creare un modello digitale che sia il primo del suo genere, sebbene il cranio lungo un metro sia stato scoperto 60 anni fa da un agricoltore.

“È la prima volta che una ricostruzione digitale di un cranio e di una mandibola di un grande rettile marino è stata resa disponibile per scopi di ricerca e per il pubblico. Anche se nel Regno Unito sono stati dissotterrati migliaia di fossili di ittiosauri, questo esemplare è particolarmente importante e insolito perché è conservato tridimensionalmente e contiene ossa del cranio che sono esposte raramente “, riferisce l’Università di Manchester.

La tecnologia di tomografia computerizzata (CT) ha permesso ai ricercatori di vedere all’interno del cranio, rivelando aree che solitamente non sono conservate nella maggior parte dei fossili, come spiega l’autore principale e il paleontologo dell’Università di Manchester Dean Lomax: “La prima volta che ho visto questo esemplare ero perplesso per la sua eccellente conservazione. Gli ittiosauri di questa età (Giurassico primitivo) sono di solito “pancaked”, il che significa che sono schiacciati in modo che la struttura originale del cranio non sia conservata o sia distorta o danneggiata. Quindi avere un teschio e porzioni dello scheletro di un ittiosauro di quest’età conservato in tre dimensioni, e senza che nessuna roccia circostante lo oscuri, è qualcosa di molto speciale. “

Dopo un primo esame, il gruppo di ricerca ha notato che sono presenti diverse ossa della scatola cranica, che sono raramente conservate in campioni simili, ma solo il lato sinistro è stato preservato. Così la scatola cranica sinistra è stata scannerizzata con microtomografia alla Cambridge University dalla co-autrice, la dott.ssa Laura Porro; l’immagine è stata quindi specchiata prima della stampa 3D per creare una scatola di metallo completa.

L’analisi di ricostruzioni di fossili stampate in digitale e in 3D consente una maggiore accessibilità ai dati preservando i fossili originali. Porro afferma: “La scansione TC ci permette di guardare dentro i fossili – in questo caso, potremmo vedere lunghi canali all’interno delle ossa del cranio che originariamente contenevano vasi sanguigni e nervi. Le scansioni hanno anche rivelato la storia della cura dell’esemplare dalla sua scoperta negli anni ’50. C’erano diverse aree ricostruite in gesso e argilla, e un osso era così ben modellato che solo le scansioni rivelavano una parte di esso era un falso. Infine, c’è il potenziale per ricostruire digitalmente il cranio in 3D. Questo è difficile (e rischioso) fare con le ossa fossili originali, fragili e molto pesanti; Inoltre, ora possiamo rendere la ricostruzione 3D liberamente disponibile per altri scienziati e per l’educazione “.

La stampa 3D potrebbe essere la tecnologia di domani, ma sta risolvendo puzzle vecchi di milioni di anni. Lomax riferisce: “Ci vuole più di mezzo secolo per studiare e descrivere questo ittiosauro, ma è valsa la pena aspettare. Non solo il nostro studio ha rivelato informazioni interessanti sull’anatomia interna del cranio di questo animale, ma le nostre scoperte aiuteranno gli altri paleontologi ad esplorare la sua relazione evolutiva con altri ittiosauri “.

Be the first to comment on "Il Cranio di un Ittiosauro di 200 milioni di anni fa stampato in 3d"

Leave a comment