Il CERN e le unità di deumidificazione di Solukon per i componenti stampati 3D in lega di titanio

La stampa 3D in metallo richiede generalmente molto lavoro, anche dopo che la parte è stata stampata. Non solo i supporti devono essere rimossi, ma la polvere in eccesso deve essere ripulita dalla parte – ed è più facile a dirsi che a farsi, dato che la polvere da stampa 3D in metallo è pericolosa da maneggiare, per una cosa, e per un altro molte parti sono progettate con canali e vuoti dove la polvere può rimanere intrappolata. Per risolvere questi problemi, la società tedesca Solukon Maschienbau GmbH  ha sviluppato una serie di macchine che rimuovono automaticamente la polvere dalle parti metalliche stampate 3D. Le macchine ruotano e vibrano le parti stampate in 3D, liberando la polvere in eccesso.

L’Organizzazione europea per la ricerca nucleare ( CERN ) è ben nota per il suo lavoro con Large Hadron Collider, ma l’organizzazione fa molto lavoro anche con la produzione additiva – spesso parti di stampa 3D per i suoi acceleratori di particelle . Per un’organizzazione così impegnata, l’efficienza è fondamentale, quindi il CERN ha ora implementato le unità di deumidificazione automatica di Solukon per pulire parti metalliche fuse al laser prodotte con leghe di titanio reattivo.

“La rimozione delle polveri è una fase critica della produzione additiva per l’applicazione Ultra-High-Vacuum”, ha affermato Romain Gérard, Additive Manufacturing Engineer presso il CERN. “Abbiamo osservato che i residui di polvere, successivamente sinterizzati durante il trattamento termico, agiscono come spugne intrappolando i gas e rilasciandoli a un tasso molto basso. L’unità di spappolamento automatizzata SFM-AT300 di Solukon garantisce un’alta qualità di depurazione con un ambiente sicuro per la polvere di titanio e niobio. ”
Le macchine per la decontaminazione di Solukon rimuovono la polvere rapidamente ed economicamente, con un risparmio di tempo fino al 90 percento. Le operazioni di spurgo automatico e programmabile rendono le macchine facili da usare e il loro design è anche di facile manutenzione. I sistemi offrono un alto grado di protezione dall’accumulo di polveri pericolose e dall’infusione di gas inerte per prevenire un’atmosfera esplosiva. Forniscono anche una gestione del materiale inerte per evitare la contaminazione con l’ossigeno. Le macchine presentano un design robusto per un funzionamento ininterrotto e risultati di pulizia riproducibili per processi di produzione certificati, oltre a una comoda gestione delle parti. Sono adatti all’uso con componenti di tutti i sistemi di produzione presenti sul mercato.

“I requisiti elevati per i risultati di sicurezza e pulizia fanno del CERN un cliente esemplare per Solukon. La combinazione della reattività della polvere di titanio usata e delle complesse strutture interne delle parti lo rende perfettamente adatto ai nostri sistemi “, ha dichiarato Andreas Hartmann, CEO e Direttore tecnico di Solukon.
Con i sistemi di depolverazione installati, il CERN può stampare in modo più sicuro ed efficiente le parti di stampa 3D per i suoi acceleratori di particelle, semplificando la produzione di queste parti e risparmiando sui metodi di produzione tradizionali.

“Attraverso la rotazione programmabile della parte e la piastra di costruzione attorno a uno o due assi, il materiale di costruzione non fuso viene rimosso da vuoti complessi e strutture di supporto”, ha affermato Dominik Schmid, CEO.
Attualmente Solukon ha le sue macchine installate negli Stati Uniti, in Europa e in Asia.

Be the first to comment on "Il CERN e le unità di deumidificazione di Solukon per i componenti stampati 3D in lega di titanio"

Leave a comment