Il Centre Hospitalier Universitaire de Bordeaux (CHU de Bordeaux) è diventato uno dei primi ospedali al mondo ad aggiungere uno Stratasys J750 alle sue strutture

Il Centre Hospitalier Universitaire de Bordeaux (CHU de Bordeaux) è diventato uno dei primi ospedali al mondo ad aggiungere uno Stratasys J750 alle sue strutture. Utilizzato dall’équipe chirurgica del Dipartimento di urologia e trapianto di rene del CHU de Bordeaux, il sistema viene applicato per fabbricare modelli dettagliati di organi a colori.

L’obiettivo generale di questa stampante 3D è migliorare la chirurgia di rimozione del tumore renale fornendo modelli per la pianificazione chirurgica, la comunicazione e l’addestramento del paziente. Finora, i risultati di questo piano sono stati incoraggianti, dimostrando che, in media, i modelli stampati in 3D hanno aiutato i pazienti a comprendere meglio il loro intervento chirurgico fino al 50% rispetto a quando si utilizza una semplice scansione 2D.

“Descrivere la rimozione del tumore renale con una scansione o un diagramma 2D lascerà inevitabilmente un po ‘perplessi la maggior parte dei pazienti”, commenta il professor Jean-Christophe Bernhard del CHU de Bordeaux. “Presentarli con un modello stampato in 3D che mostra chiaramente il tumore li mette a proprio agio e consente al paziente di capire esattamente cosa faremo.”

“Effettivamente”, continua, “la ricerca iniziale sui questionari per i pazienti mostra che avere modelli stampati in 3D aumenta la loro comprensione dell’intervento fino al 50%, quindi è un vantaggio considerevole in termini di cura generale del paziente.”

La stampante 3D J750 è diventata un punto fermo della linea di prodotti Stratasys dal suo lancio nel 2016 . Sistema PolyJet a più colori e multi-materiale, la macchina produce modelli di alta qualità con una combinazione di caratteristiche chiare e opache. Queste funzionalità hanno permesso alla macchina di avere un posto prezioso nelle applicazioni che richiedono una comunicazione chiara e, come tale, sono state successivamente convalidate per l’uso in ospedali con il software Mimics inPrint autorizzato Materialise .

Ad aprile 2019, anche il sistema è stato convalidato da Pantone , il che significa che i colori che produce possono essere abbinati al sistema di corrispondenza Pantone riconosciuto a livello internazionale.

Il J50 è stato acquisito da CHU de Bordeaux con finanziamenti dell’Unione Europea, del Consiglio Regionale della Nouvelle Aquitaine e della Fondazione dell’Università di Bordeaux . La sua prima implementazione in ospedale è stata nell’ambito di un progetto chiamato Rein 3D Print.

Rein 3D Print è un protocollo pilota guidato dal dipartimento per determinare se i modelli stampati in 3D possono migliorare la comprensione dei pazienti sottoposti a chirurgia in giornata. La paziente Carole Ridel è una delle prime persone a prendere parte al progetto. Spiegando il processo dopo aver avuto l’operazione, Ridel ha “immediatamente sentito più rassicurata” di quanto non avesse fatto in precedenti interventi chirurgici dopo aver visto il modello stampato in 3D del suo rene. “Vedere una rappresentazione così realistica mi ha permesso di capire il processo molto meglio di una scansione MRI”, aggiunge. “Ho notato che i tumori erano sulla parete esterna del rene, piuttosto che all’interno dell’organo stesso, quindi sono stato confortato dal rendermi conto che la situazione non era così grave come avevo immaginato.”

Oltre a Rein 3D Print, il team CHU de Bordeaux sta esaminando altre aree in cui la tecnologia può potenzialmente migliorare l’assistenza ai pazienti. Da un lato, il professor Bernhard spiega: “Avere un modello stampato in 3D che comprende il tumore del rene del paziente, le arterie principali e i vasi – ciascuno con un colore diverso – fornisce un quadro accurato di ciò che vedremo durante le operazioni”.

A sua volta, aggiunge, “La capacità di visualizzare la posizione specifica di un tumore in relazione a questi altri elementi, tutti in tre dimensioni, facilita notevolmente la nostra pianificazione chirurgica e non è facilmente raggiungibile da una scansione 2D.”

Un’immagine così chiara è particolarmente preziosa per il team quando prende in considerazione complessi interventi chirurgici sul tumore o durante la formazione di studenti di medicina nel processo.

Stampa 3D negli ospedali

I modelli anatomici stampati in 3D si stanno rivelando un’applicazione preziosa nel settore medico. Pertanto, un certo numero di parti interessate del settore della stampa 3D hanno iniziato a lanciare le proprie iniziative e servizi per consentire a ospedali e medici di accedere a queste funzionalità. Alcuni ospedali, come CHU de Bordeaux, hanno anche iniziato a far crescere le proprie strutture di stampa 3D interne, un movimento indicativo del potenziale futuro offerto alla stampa 3D in medicina.

Notando l’aumento dei modelli anatomici stampati in 3D, nel 2018 la Radiological Society of North America (RSNA) ha pubblicato una serie di linee guida, suggerendo approcci standard alla loro produzione.

Be the first to comment on "Il Centre Hospitalier Universitaire de Bordeaux (CHU de Bordeaux) è diventato uno dei primi ospedali al mondo ad aggiungere uno Stratasys J750 alle sue strutture"

Leave a comment