Il bioprinting a laser diretto

La nuova tecnica di bioprinting 3D ‘direct laser’ di UBC in grado di ottenere una risoluzione ultra-fine

Ricercatori dell’Università della British Columbia in Canada stanno sviluppando una nuova tecnica di biostampa 3D che potrebbe essere utilizzata per produrre strutture tridimensionali da biococcoli viventi e che potrebbe essere utile per trattare le persone con gravi ustioni, per lo studio degli organi stampati e i modelli di crescita tumorale. Il metodo di bioprinting basato su laser è in fase di sviluppo presso il campus di Okanagan di UBC.

La nuova tecnologia di bioprinting si chiama “bioprinting laser diretto” e consiste in un setup a diodi laser a basso costo che solidifica le strutture da un materiale idrogel biocompatibile. Queste strutture di idrogel possono essere stampate in una varietà di schemi complessi e reticolati e possono quindi essere infuse con cellule viventi, risultando in un tessuto vivente bioprintato.

Keekyoung Kim,  il professore di ingegneria che sta sviluppando la tecnologia di bioprinting, ha dichiarato: “Uno degli obiettivi finali dell’ingegneria biomedica è quello di ricreare tessuti vitali, sani e viventi. Le applicazioni sono sconcertanti e potrebbero andare dall’aiutare le persone che soffrono di malattie come gravi ustioni o insufficienza d’organo a creare tessuti artificiali per la ricerca di malattie come il cancro “.

Cosa distingue l’innovativa tecnica di bioprinting dai metodi esistenti? Bene, secondo i ricercatori di UBC, la tecnica di bioprinting a laser diretto è in grado di creare tessuti artificiali a una risoluzione molto più elevata rispetto ai processi esistenti. Oltre ad avere risoluzioni fini, le strutture 3D in idrogel sono state in grado di supportare cellule viventi con un’efficacia del 95%.

“Il pattern tissutale, che ha caratteristiche estremamente fini e una buona vitalità cellulare, dimostra con fermezza che il nostro sistema ha un reale potenziale per creare tessuti funzionali e ingegnerizzati”, ha spiegato Kim. “Sono entusiasta di ciò che questo potrebbe portare alla ricerca biomedica”.

Una delle prime applicazioni per la tecnologia di bioprinting, afferma Kim, riguarderà la ricerca sul trattamento del cancro. Le strutture di tessuto stampato in 3D saranno adatte per l’alloggiamento e la crescita delle cellule tumorali, che possono quindi essere utilizzate come modelli biologici per la ricerca e il test sul cancro.

Nell’ambito della ricerca sul cancro, i modelli biologici 3D stanno acquisendo importanza, in quanto forniscono un ambiente più realistico per la crescita e la crescita delle cellule tumorali, rendendole così più efficaci per lo sviluppo di trattamenti.

Un recente progetto di ricerca che coinvolge la tecnologia di biostampa 3D ha esplorato la capacità del tessuto stampato in 3D di supportare e alloggiare cellule sane. Questo esperimento, scritto di recente sulla rivista  Advanced Healthcare Materials , riguardava la stampa di una struttura di idrogel che “incapsulava una linea comunemente usata di cellule di cancro al seno”.

Alla fine, Kim e il suo team interdisciplinare (tra cui il professore di ingegneria Jonathan Holzman e il professore di chimica Fred Menard) sperano che il metodo diretto di bioprinting laser consentirà ai ricercatori medici di promuovere la ricerca sul trattamento per una serie di problemi di salute.

“La stampa di bio-tessuti applica conoscenze in biologia, chimica e microfabbricazione verso le scienze della salute”, ha aggiunto Holzman. “Penso che il nostro recente successo nella stampa di tessuti biologici sia nato dalla natura multidisciplinare del nostro team”.

Lo sforzo di UBC di sviluppare un metodo di bioprinting 3D per la costruzione di colture cellulari tridimensionali non è unico. A giugno, BioServe Space Technologies, un centro di ricerca affiliato alla NASA in Colorado, ha annunciato i suoi piani per bioprintare le strutture cellulari 3D nello spazio allo scopo di promuovere la ricerca sul cancro.

Be the first to comment on "Il bioprinting a laser diretto"

Leave a comment