Il BFF, un sistema di biostampa 3D per la Stazione Spaziale Internazionale di Techshot e nScrypt

Zero Gravity Bioprinter è pronto per la consegna alla Stazione Spaziale Internazionale

Una cosa incredibile è accaduta due anni fa, quando Techshot e nScrypt hanno  lavorato insieme per stampare in 3D un cuore umano – a gravità zero . Le due società sono state le prime a stampare in 3D strutture cardiache e vascolari a gravità zero utilizzando cellule staminali umane adulte. Perché dovrebbero fare una cosa del genere, potresti chiedere? Il ragionamento è molto più che “perché possono”, poiché la biostampa 3D a gravità zero è in realtà più semplice ed efficace di quanto non sia sulla Terra.

Il bioprinting basato sulla terra richiede bioink densi e viscosi che possono contenere sostanze chimiche o altri materiali necessari per fornire supporto strutturale. La mancanza di gravità nello spazio, tuttavia, significa che possono essere utilizzati bioink più sottili e puri, così come ugelli di stampa più sottili, consentendo una maggiore precisione e controllo. Quando il primo organo umano vitale è stampato in 3D, potrebbe accadere molto bene nello spazio.

Dopo che nScrypt e Techshot hanno ottenuto il successo con la bioprinting zero-G, hanno iniziato a lavorare su 3D BioFabrication Facility, o BFF, un sistema di biostampa 3D per la Stazione Spaziale Internazionale. La BFF può stampare in 3D tessuti spessi e organi usando cellule staminali adulte. La stampa avverrà su uno strumento di assemblaggio Bio nScrypt 3D o BAT; il bioink verrà stampato in una cassetta specializzata per la coltura di bioreattori progettata da TechShot e condizionata nel TechShot ADvanced Space Experiment Processor (ADSEP). Il BFF e l’ADSEP sono programmati per il lancio sulla ISS nel febbraio 2019.

La stampante nScrypt BAT 3D offre movimento ad alta precisione e controllo di erogazione estremo e utilizzerà lo SmartPump brevettato da nScrypt, che ha un controllo volumetrico di picolitre 100 e utilizza ugelli superfini, fino a 10 micron, per erogare biomateriali. Ciò consente il posizionamento altamente controllato e ripetibile del bioink, necessario per stampare i dettagli fini di tessuti e organi.

“Soprattutto quando si tratta di qualcosa di importante come il tessuto, è fondamentale posizionare la giusta quantità di materiale nella posizione corretta ogni volta”, ha dichiarato Ken Church, CEO di nScrypt. “Questo è ciò che le nostre macchine offrono e ciò che ha contribuito al nostro successo nella bioprinting e in altre applicazioni. Questo è un momento emozionante per la scoperta e, soprattutto, un momento di impatto per coloro che stanno seriamente cercando soluzioni per far crescere il tessuto vascolarizzato spesso, che è la base per un organo completamente stampato. ”
La prima stampa completa, dopo le prove iniziali, sarà una patch cardiaca per cuori danneggiati. Le cellule verranno stampate nella cassetta del bioreattore e il bioreattore fornirà quindi la perfusione media per fornire sostanze nutritive e rimuovere le tossine dal tessuto, mantenendolo in vita fornendo stimoli elettrici e meccanici per incoraggiare le cellule a diventare battiti del tessuto cardiaco.

Il BFF potrebbe essere davvero un BFF di un astronauta; oltre alla stampa 3D di tessuti per persone sulla Terra, può stampare prodotti farmaceutici e persino cibo su richiesta per le persone sulla Stazione Spaziale Internazionale.

“Siamo molto entusiasti di vedere questo progetto, e tutto ciò che può fornire, prendere vita”, ha dichiarato il presidente e CEO di Techshot, John C. Vellinger. “Con l’obiettivo di produrre di tutto, dagli organi, ai prodotti farmaceutici, fino forse al cibo, il BFF ha la capacità di migliorare la vita delle persone sulla terra e aiutare a consentire l’esplorazione dello spazio profondo”.

Be the first to comment on "Il BFF, un sistema di biostampa 3D per la Stazione Spaziale Internazionale di Techshot e nScrypt"

Leave a comment