IAM 3DHUB a Terrassa a Barcellona

A Terrassa, a circa 30 km a nord di Barcellona, ​​ una foresta montana protetta ospita non solo splendide vedute della campagna spagnola, ma un centro tecnologico incentrato sulla gestione e l’avanzamento dei progressi. Il Leitat Technological Centre , fondato nel 1906, accreditato da ACCIÓ e riconosciuto dal Ministero dell’Economia e della Competitività, è ora sede dell’International Advanced Manufacturing 3DHUB ( IAM 3DHUB ). Il nuovo centro di collaborazione, fondato dai partner tecnologici Leitat, HP , Renishaw e Coniex , e con Fira Barcelona e IN (3D) USTRY , si apre ufficialmente oggi, con una missione e una visione.

“Accelerare l’adozione e lo sviluppo di tecnologie di produzione additiva e stampa 3D nei settori manifatturieri dell’Unione Europea come modo alternativo di progettare, sviluppare e produrre nuovi prodotti e servizi competitivi che rafforzino la loro competitività”, si legge nella dichiarazione di missione di 3DHUB.

“Definito come centro di innovazione digitale e centro di competenza nella produzione additiva e stampa 3D fornirà alle PMI un” One-Stop “Shop per valutare, guidare e soddisfare tutte le loro esigenze in AM”, recita la visione.
Dopo la conclusione dell’affollato Summit HP Global Innovation tenutosi questa settimana in giro per Barcellona, ​​ho apprezzato l’opportunità di visitare lo IAM 3DHUB in vista dell’inaugurazione di oggi. Sandra Pérez Martínez, Business Development, Leitat e Iolanda Montserrat Siles, Pianificazione e operazioni strategiche 3D, HP,  hanno visitato attraverso la nuovissima struttura per dare un’occhiata interna alle sue offerte e una discussione su un futuro collaborativo.

“Stiamo mettendo in comune le nostre conoscenze, le nostre risorse, la nostra energia e la nostra volontà di trasformare l’industria utilizzando e producendo tecnologie di produzione additive”, mi ha detto Montserrat.

“Questa è un’organizzazione privata e abbiamo deciso che avevamo bisogno di strutture. Abbiamo due piani, l’apertura di questa settimana. È una nuova struttura per guidare questa visione. L’attenzione è di portata internazionale, che ha un impatto su molti paesi europei “.
Il 3DHUB ha la missione di accelerare l’adozione e lo sviluppo della stampa 3D, ha aggiunto Pérez.

“Il polo dell’innovazione è già riconosciuto dall’Unione Europea. Questo è un punto di riferimento per le aziende che cercano di adottare la produzione additiva, che serve dall’inizio alla fine della catena del valore. Stiamo collegando questo ecosistema. Stiamo lavorando per aggiungere più partner “, ha detto.
Attualmente IAM 3DHUB ha un ingombro di 700 metri quadrati, inclusi laboratori condivisi, e l’impresa collaborativa sta già cercando di ampliare la portata e l’ingombro. Una grande espansione è già in vista per il 2019, con uno spazio di 12.000 metri quadrati pianificato a Barcellona, ​​e Montserrat ha notato che ora possono confermare che ci sarà più spazio e più giocatori coinvolti, in attesa di ulteriori buoni risultati novità in arrivo sui progressi.

Guardando a questa fase iniziale, IAM 3DHUB offre cinque aree principali di interesse, come la coppia esposta, tra cui:

Sperimentazione e test
Soluzioni end-to-end
Affari e tutoraggio
R & D
Istruzione e formazione
Pérez mi ha guidato attraverso ognuna di queste sfaccettature, sottolineando che il benchmarking delle tecnologie e dei processi di produzione additiva è un obiettivo importante, poiché i partner lavorano per valutare e convalidare le capacità di produzione della stampa 3D. IAM 3DHUB offre incubatori e linee pilota per convalidare la produzione su scala industriale, compresa la metrologia in questo spazio, nonché i laboratori aggiuntivi disponibili tramite Leitat. L’aspetto business e mentoring offre competenza per entrambe le start-up, con strategie go-to-market e per lo sviluppo della supply chain per accelerare l’adozione in organizzazioni più consolidate.

“Poiché è un nuovo modo di produrre, non c’è abbastanza standardizzazione o certificazione; C’è molto lavoro da fare per ridimensionare la produzione additiva alla produzione “, ha detto Pérez.
La linea pilota disponibile su IAM 3DHUB include sei stampanti Jet Fusion 3D di HP – con altri due sistemi posizionati al livello inferiore accanto ai sistemi di stampa 3D metallici di Renishaw – dove un team lavora per mostrare le capacità a livello di produzione e creare le migliori pratiche disponibili per clienti e potenziali adottanti.

“È molto diverso gestire una produzione piuttosto che otto stampanti contemporaneamente”, ha osservato Montserrat. “Stiamo aiutando nelle operazioni non solo nella tecnologia, ma come gestire la produzione con le stampanti farm. Ovviamente, anche il software è una parte importante di questo, e ci concentriamo anche sulla formazione. ”
La formazione e il tutoraggio sono fattori critici per accelerare l’adozione, sia per gli studenti che per le imprese e i dipendenti stabiliti. Mentre l’adozione affronta una barriera significativa a causa della mancanza di risorse, IAM 3DHUB si concentra sulla fornitura di assistenza per servizi end-to-end completi, sottolinea Montserrat. Attraverso l’esempio, l’impianto pilota e le crescenti risorse in termini di software, laboratori, hardware e materiali disponibili presso il 3DHUB consentono una comprensione sul campo di ogni area della stampa 3D.

Tra gli hardware disponibili presso la struttura, oltre ai sistemi industriali HP e Renishaw, vi sono FDM di Stratasys, SLA di Formlabs e l’estrusione di plastica di BCN3D Technologies, nonché un sistema BCN3D modificato che funziona con inchiostri conduttivi. Le apparecchiature ausiliarie e di post-elaborazione comprendono sabbiatrici e lucidatura vibrazionale di Coniex, un sistema di tintura di DyeMansion, fresatura CNC, forni, refrigeratori e molto altro. Tutti i sistemi sono installati con l’intento di mostrare ed educare sul potenziale per le applicazioni del mondo reale.

“L’impianto pilota al piano di sopra ha sei sistemi MJF configurati come potrebbero essere in un business, quindi possiamo mostrare agli utenti industriali come potrebbe sembrare”, ha spiegato Pérez del setup.
Montserrat ha aggiunto: “Questa è una delle più grandi installazioni MJF in Europa. Questo è davvero unico in Europa, avendo una fattoria di stampanti in un ambiente di produzione, in un luogo aperto alla tecnologia, all’uso e alla comprensione del suo potenziale. ”

Siamo andati di sopra a questo punto della nostra conversazione per vedere questa installazione di print farm. Lo spazio è stato impostato in modo molto intenzionale per le migliori pratiche nel flusso di lavoro, dall’ufficio di progettazione e area di preparazione del lavoro alla zona di produzione adiacente e lato dedicato post-elaborazione. Uno ScanBox ATOS di Metronic consente il controllo delle parti finali e la creazione di un rapporto finale per i clienti.

“Abbiamo un’area di benchmarking, per mostrare ai clienti quando stanno valutando le nostre tecnologie. Abbiamo un’installazione che supporta il servizio 24 ore su 24, a supporto di tutto il mondo. Riceviamo qui le richieste e le valutiamo; c’è un’enorme varietà di richieste per elaborare approcci e valutare i progetti. I clienti non sempre capiscono come progettare per questo processo, quindi ci assicuriamo che questo sia ottimizzato. Pianifichiamo quali stampanti utilizzare – e un grande vantaggio di questa tecnologia è che possiamo creare più di un lavoro alla volta, la linea è molto efficiente “, mi ha detto Montserrat.

“La disposizione delle macchine qui è apposta, quindi possiamo inviare i lavori in modo appropriato per i bisogni materiali; ogni area supporta materiali diversi. ”
Ognuno dei tre diversi tipi di materiale ha due stampanti MJF 3D dedicate e una stazione di elaborazione. Diverse unità di compilazione sono in uso contemporaneamente per garantire che le stampanti non debbano fermarsi. Seguendo i lavori di stampa, la finitura è all’altezza di ciò che ogni singolo cliente desidera, poiché sono disponibili diverse soglie di qualità, con la lucidatura o la tintura disponibile dopo la pulizia. I report metrologici sono disponibili per i clienti con esigenze di conformità elevate. Il livello inferiore dello spazio include una configurazione di area conferenze per riunioni, presentazioni e formazione, insieme agli altri due sistemi MJF e sistemi metallici. Le parti del campione sono a disposizione in modo che i visitatori possano esaminare parti, superfici, finiture e geometrie.

“Stiamo portando qui i clienti per vedere cosa hanno bisogno di spazio, qualità dell’aria, dimensioni, capacità, personale, materiali – possono capire e pianificare dopo averlo visto qui”, ha spiegato Montserrat dell’importanza della condivisione della conoscenza in un tale formato “Fai il viaggio, e impara da esso, e condividi questa esperienza con i clienti.”
Imparare dal viaggio è una parte fondamentale delle operazioni sottostanti a IAM 3DHUB – come lo èper la produzione additiva come settore più ampio. La comprensione passa attraverso l’esperienza e i progressi derivano dalla comprensione e dalla collaborazione. Con diverse tecnologie sul posto e partner con una varietà di background e focus tecnologici, IAM 3DHUB offre una base agile di operazioni per continuare a costruire su una comunità di conoscenza.

“È come una startup: lavoriamo sempre, impariamo sempre, guardiamo sempre al feedback dei clienti da ogni visita. Questo è molto importante e fornisce molte idee su cui lavorare. Tutte le squadre di R & S di tutti i partecipanti sono collegate qui “, ha detto Montserrat.

Quella mentalità di startup, che è sempre più considerata come grandi aziende globali, ha team più piccoli e agili, focalizzati sulle nuove tecnologie inclusa la produzione additiva, consente un approccio basato sull’apprendimento per migliorare l’adozione.

“Questo è il primo hub di innovazione in Europa dedicato alla stampa 3D”, ha osservato Pérez, aggiungendo che è coinvolto nel programma Orizzonte 2020 dell’UE. “Avere spazi multimarca è vantaggioso per tutti noi e per il mercato.”
La collaborazione e le tecnologie condivise illustrate allo IAM 3DHUB rappresentano un importante passo in avanti per la produzione additiva. Attraverso lo scambio aperto di idee e partecipanti di alto profilo attraverso una varietà di tecnologie, l’industria trarrà vantaggio da un pool di conoscenze ben informato e dall’apertura di tecnologie e processi avanzati a più utenti che potrebbero trarne beneficio. Puntando alle relazioni internazionali, IAM 3DHUB consente un ampio focus europeo poiché la regione continua a dedicare risorse per accelerare l’Industria 4.0 e i suoi componenti.

La stampa 3D industriale rappresenta una chiave importante per il futuro della produzione e un futuro più digitale e agile per l’industria e l’innovazione. L’opportunità di vedere IAM 3DHUB è stata un’esperienza di apprendimento incoraggiante, e sicuramente mi ha lasciato con grande speranza per un futuro aperto e collaborativo nel promuovere e accelerare l’adozione delle migliori pratiche per le nuove tecnologie.

Be the first to comment on "IAM 3DHUB a Terrassa a Barcellona"

Leave a comment