I pastori di renne nomadi nelle comunità indigene del nord e la stampa 3d

Le comunità remote spesso affrontano sfide nell’ottenere le forniture necessarie per la vita quotidiana, per l’ovvia ragione di essere isolate dalle tradizionali catene di approvvigionamento e dagli impianti di produzione. La stampa 3D è stata proposta come soluzione a questo problema, consentendo alle persone di queste comunità di produrre i propri beni e materiali e ridurre la dipendenza da fonti esterne. Le stampanti 3D ad energia solare sono particolarmente utili in queste comunità, poiché spesso hanno un accesso irregolare all’elettricità nella migliore delle ipotesi. In un documento intitolato ” Prospettive di applicazione della stampa 3-D all’economia delle comunità remote: caso herder di renne “, un team di ricercatori applica la stampa RepRap 3D a pastori di renne nomadi nelle comunità indigene del nord.

Questi pastori di renne affrontano una serie di difficoltà tra cui l’isolamento dai centri industriali, il paesaggio e il clima estremi, e le strade povere o addirittura la mancanza di strade del tutto. I ricercatori hanno studiato l’uso di stampanti 3D open source a basso costo per queste comunità e, mentre la comunità può trarre vantaggio da milioni di progetti open source disponibili, lo studio si è concentrato su tre casi studio specifici per le renne: un marchio auricolare, componenti di recinzione elettrica e un accessorio lazo.

Le comunità indigene, sottolineano i ricercatori, stanno già utilizzando alcune tecnologie moderne come computer e GPS, quindi c’è la volontà di accettare tecnologie come la stampa 3D. Gli indigeni come i pastori di renne sono, per necessità, meccanicamente esperti, quindi le stampanti RepRap 3D sono state scelte in quanto possono essere costruite e riparate dall’utente.

Il primo caso di studio riguarda la stampa 3D di marchi auricolari, che sono etichette con codice colore univoco attaccate alle orecchie della renna, che mostrano informazioni come età e proprietà. Il design dei tag è stato realizzato utilizzando il software OpenSCAD.

“Il design dipende da un elenco di variabili che possono essere modificate per alterare il design”, spiegano i ricercatori. “Nel progetto sono state inserite due righe di testo che possono essere modificate per creare numeri identificativi o nomi univoci per ciascun tag e possono essere rapidamente modificate mediante l’uso delle variabili. Il testo è incassato nell’etichetta dell’orecchio, per facilitare la stampa 3D e per impedire che il testo diventi illeggibile. Anche il testo viene ridimensionato alle dimensioni del marchio auricolare, che può anche essere modificato dalle variabili. È possibile, attraverso l’alterazione delle variabili, creare molti tag auricolari completamente unici da un unico file. ”
Il design è composto da due parti: il tag stesso e il piolo utilizzato per tenerlo in posizione. Il tag è stato stampato in 3D usando TPE e il peg è stato stampato usando PLA.

Componente recinzione stampata in 3D
Nel secondo caso, i componenti sono stampati in 3D per recinti temporanei e leggeri costruiti per il parto. Secondo i ricercatori, i componenti in plastica più abbondanti necessari per queste recinzioni elettriche sono gli isolanti. Questi componenti sono stati progettati anche utilizzando OpenSCAD e possono essere facilmente modificati per modificarne le dimensioni, ad esempio lo spessore del fermacavo e il diametro dei fori delle viti per il fissaggio del componente a un palo. Gli isolatori sono stati stampati in 3D in PLA e resi quasi solidali per una maggiore durata.

Il terzo caso studio riguardava un accessorio lazo, che in genere veniva prodotto da hartshorn. I ricercatori hanno progettato il componente in OpenSCAD e lo hanno stampato in 3D in PLA, ancora una volta permettendo di modificarlo facilmente per soddisfare le diverse esigenze di tipi specifici di corde.

Ciascuno dei casi di studio ha dimostrato che la stampa 3D dei componenti ha ridotto in modo significativo i costi per i pastori di renne anziché acquistarli prefabbricati. I risparmi ammontavano a più di $ 2 milioni a livello globale, o una media di $ 307 per gruppo di pastori.

Autori del giornale includono Svetlana V. Obydenkova, Nicholas C. Anzalone e Joshua M. Pearce.

Be the first to comment on "I pastori di renne nomadi nelle comunità indigene del nord e la stampa 3d"

Leave a comment