I genitori ciechi toccano il viso del loro bambino di 6 settimane prima della nascita grazie alla stampa 3d

‘È il tuo bambino, ed è, tipo, wow’: le immagini 3-D degli ultrasuoni consentono ai genitori non vedenti di sentire il viso del loro bambino
Taylor Ellis di Cockeysville, Md., E Rosalie di 6 settimane. Ellis è cieca ma la tecnologia le ha permesso di ottenere un modello in bassorilievo in 3-D dall’immagine ecografica in utero del viso di Rosalie. “Sembra super reale quando puoi sentirlo”, dice, aggiungendo che era come se fosse incinta per la prima volta perché aveva così tanti dettagli.
Taylor Ellis di Cockeysville, Md., E Rosalie di 6 settimane. Ellis è cieca ma la tecnologia le ha permesso di ottenere un modello in bassorilievo in 3-D dall’immagine ecografica in utero del viso di Rosalie. “Sembra super reale quando puoi sentirlo”, dice, aggiungendo che era come se fosse incinta per la prima volta perché aveva così tanti dettagli.
Una delle esperienze più potenti per i futuri genitori è vedere l’immagine del loro bambino tramite ultrasuoni. Ma per i genitori ciechi, quel momento era impossibile.

Ora, tuttavia, la tecnologia sofisticata consente loro di “vedere” i loro piccoli prima che nascano creando un’immagine 3-D da formare a somiglianza del viso del loro bambino.

Ricevere un modello tridimensionale in bassorilievo del viso del suo bambino per posta è stato “davvero emozionante” per Taylor Ellis, 26 anni, una donna cieca a Cockeysville, Md. “Ero un po ‘nervoso all’idea di aprire la scatola”, ha detto Ellis . “Non avevo mai visto una [immagine] 3-D, e ora è il tuo bambino, ed è, tipo, wow.”

L’idea è nata da una procedura sviluppata diversi anni fa presso il Johns Hopkins Hospital di Baltimora per i feti con spina bifida. Jena Miller, ostetrica e chirurgo del Johns Hopkins Center for Fetal Therapy , si è resa conto che una stampa 3-D le avrebbe permesso di ottenere un’immagine chiara delle spine dei bambini che avevano bisogno di un intervento chirurgico in utero per la spina bifida.


Chiamata riparazione fetoscopica del mielomeningocele , l’intervento viene eseguito attraverso due piccole porte nell’utero della madre. I chirurghi in passato hanno aperto l’utero per eseguire l’intervento chirurgico sulla colonna vertebrale del feto. Questa nuova procedura, ha detto Miller, significa che il team chirurgico pratica la chirurgia mininvasiva in anticipo – utilizzando un modello 3-D del bambino nascosto all’interno di un pallone da calcio – “in modo che possiamo conoscere e anticipare il più possibile”.

Ospedali di ricerca come la Johns Hopkins utilizzano da tempo la tecnologia di stampa 3-D per creare modelli di organi umani e cuori fetali per interventi chirurgici, per formare protesi e persino per realizzare separatori di ventilatori, che possono consentire a un ventilatore di trattare più pazienti.

L’uso della tecnologia 3-D per creare modelli del feto per genitori ciechi è stato il frutto di uno degli ecografi ad ultrasuoni dell’ospedale, ha detto Miller.

Gli ultrasuoni 3-D vengono utilizzati solo per quei pazienti che potrebbero aver bisogno di una visione più dettagliata del feto per scopi diagnostici. Quando l’ecografista si è resa conto che stavano facendo una scansione per una madre cieca, ha chiesto a Miller, riferendosi alla creazione di un modello 3-D: “Pensi che questo sia qualcosa che possiamo fare?” Miller ha risposto: “Vedi se riesci a catturare una buona immagine”.

Poiché l’ecografia 3-D non esegue la scansione dell’intero corpo del feto, il team ha deciso che il viso era la scelta più ovvia per un’immagine.

Ellis e suo marito, Jeremy Ellis, anch’egli ipovedente, hanno due figlie, di 5 e 3 anni. Quando sono nati, Taylor Ellis ha detto di avere una visione. Ma da allora, il suo glaucoma è peggiorato, quindi la possibilità di conoscere il bambino n. 3 in questo modo è stato un nuovo mondo.

“Sembra super reale quando puoi sentirlo”, dice. Era quasi come se fosse incinta per la prima volta perché aveva molti più dettagli. L’esperienza degli ultrasuoni può essere frustrante anche per i genitori vedenti, ha detto Ellis, perché i tecnici sono limitati nella quantità di descrizione in tempo reale che possono offrire ai genitori durante la procedura. Se il feto ha un problema, è compito del medico spiegarlo, ha detto.

Miller ha detto di non essere a conoscenza di nessun ospedale, diverso dal Johns Hopkins, che offre questo servizio. Il costo del materiale è stimato in circa $ 1,40 e ogni stampa richiede circa 3,5 ore.

Pamela Lauer, un’insegnante di scuola superiore a Snow Hill, Md., È stato il primo genitore della Johns Hopkins a ricevere una stampa 3-D del viso del suo bambino. È vista, ma dice che aveva bisogno di un test 3-D perché il suo feto aveva sviluppato una cisti congenita che stava colpendo il suo cuore. I medici dovevano posizionare shunt per drenare la cisti e il monitoraggio richiedeva ecografie settimanali fino alla nascita. (Il bambino, che ora ha quasi 4 anni, è sano.)

Trascorrere così tanto tempo alla Johns Hopkins per ottenere gli ultrasuoni e vedere le stampe 3-D ha portato Lauer e suo marito a fare domande sulla stampante 3-D. Dato che i tecnici sapevano di essere interessati, dopo che il figlio era tornato a casa dall’ospedale, hanno inviato una stampa 3D del suo viso.

“È stato fantastico e sorprendente”, dice Lauer. “Sembra lui.”

Per i genitori ciechi, questa nuova possibilità è entusiasmante, ha detto Melissa Riccobono, presidente del Maryland Parents of Blind Children , una divisione della Federazione nazionale dei ciechi, di cui il marito, Mark Riccobono, è presidente. Lei e suo marito sono entrambi ciechi, così come due dei loro tre figli.

Quando aspettava il suo primo figlio, che ora ha 13 anni, i tecnici le hanno dato una stampa da una tecnologia che ha permesso all’immagine di alzarsi un po ‘dalla pagina, una stampa che lei descrive come a 2,5 dimensioni, non 3-D. “È sempre stato un po ‘triste per me non essere in grado di vedere effettivamente quell’ecografia”, dice.

A Melissa Riccobono sarebbe piaciuto avere modelli stampati in 3-D, ha detto. “È un modo davvero fantastico per incontrare quel piccolo essere dentro di te prima di incontrare davvero quel piccolo essere”, ha detto.

Sarebbe un ottimo servizio per molte persone, ha detto.

“Per le famiglie, invece di dover mostrare loro una foto di un’ecografia, quanto sarebbe bello per loro metterci le mani sopra, com’è il bambino ora”, ha detto. Facendo così tanto affidamento sulle immagini, “perdiamo davvero l’opportunità di usare gli altri nostri sensi”, ha detto. “Più che ai ciechi piacerebbe.”

Miller alla Johns Hopkins ha dato una nota di cautela. Mentre poteva immaginare stampe 3-D per feti con palatoschisi o altri problemi che richiedono un intervento chirurgico, l’ecografia è uno strumento diagnostico e “non per divertimento”, ha detto Miller. “Dobbiamo stare un po ‘attenti.”

Le innovazioni in chirurgia sono ciò che “cambia la vita dei bambini”, ha detto Miller. “Ma dovremmo cogliere ogni opportunità per migliorare l’esperienza della gravidanza per le mamme, indipendentemente da cosa siano sfidate.

“Quindi, se si tratta di mamme cieche e possiamo offrire loro un’esperienza unica, dovremmo sempre elevare il loro livello di assistenza”.

Per Ellis, avere un’immagine 3-D significa che è stata in grado di rispondere a una domanda sul suo bambino prima che nascesse il 10 giugno. “Non mi piace il mio naso”, ha detto Ellis. Voleva che il bambino avesse il naso di suo marito. “L’unica cosa che è super distinta, ovvia e perfetta è il naso”, ha detto. “Sembra proprio come quello di mio marito.”

Be the first to comment on "I genitori ciechi toccano il viso del loro bambino di 6 settimane prima della nascita grazie alla stampa 3d"

Leave a comment