I codici QR incorporati nelle stampe 3d per garantire che i componenti stampati in 3D siano autentici

Le parti stampate in 3D medicali e aerospaziali potrebbero essere protette da codici QR incorporati

Gli esperti hanno previsto che entro il 2021 il 75% dei nuovi aerei commerciali e militari conterrà parti stampate in 3D. Ciò rende fondamentale che i produttori trovino un modo infallibile per garantire che i componenti stampati in 3D siano autentici. Le parti contraffatte fanno molto di più che rubare la proprietà intellettuale – possono essere pericolose o addirittura deliberatamente sabotate . Sono state fatte molte ricerche per trovare il modo di assicurarsi che le parti contraffatte possano essere identificate e che le parti originali possano essere considerate autentiche. Un gruppo di ricercatori della NYU Tandon School of Engineering  ha ora creato un nuovo modo per proteggere l’integrità delle parti convertendo codici QR, codici a barre e altri tag passivi in ​​funzioni 3D nascoste all’interno di oggetti stampati in 3D.

Nel documento, intitolato ” Incorporamento dei codici di tracciamento in parti additive di produzione per l’autenticazione del prodotto “, i ricercatori spiegano come sono stati in grado di incorporare i codici in modo tale da non compromettere l’integrità dell’oggetto stampato in 3D o risultare evidente ai contraffattori che tentano di per decodificare la parte. Il team ha sviluppato un modo per “esplodere” un codice QR all’interno di un file CAD in modo che presenti diverse facce false a un dispositivo di scansione. Solo un utente fidato o una stampante conoscono l’orientamento corretto affinché lo scanner acquisisca il codice QR reale.

“Convertendo un tag bidimensionale relativamente semplice in una complessa funzione 3D comprendente centinaia di minuscoli elementi dispersi all’interno del componente stampato, siamo in grado di creare molte” facce false “che ci consentono di nascondere il codice QR corretto da chiunque non lo faccia. so dove guardare “, ha detto Nikhil Gupta, professore associato di ingegneria meccanica.
I ricercatori hanno testato diverse configurazioni, inclusa la distribuzione del codice su tre soli strati dell’oggetto o la sua frammentazione in 500 minuscoli elementi. Hanno usato più tecnologie di stampa 3D e materiali per farlo. Secondo l’autore principale e studente di dottorato Fei Chen, il team ha poi sottoposto a prove di stress le parti e ha scoperto che le caratteristiche incorporate avevano un effetto trascurabile sull’integrità strutturale delle parti.

“Per creare contrasti di codici QR tipici leggibili su uno scanner, è necessario incorporare l’equivalente di spazi vuoti”, ha affermato. “Ma disperdendo questi piccoli difetti su molti strati siamo stati in grado di mantenere la forza della parte entro limiti accettabili”.
Altri membri del team hanno esplorato i vettori di minacce per determinare quali settori dell’industria manifatturiera additiva sono meglio serviti da questa nuova tecnologia. Non deve necessariamente essere applicato a tutte le parti stampate in 3D, ma alcune applicazioni potrebbero trarre grandi vantaggi da esso, a seconda di quanto le parti siano critiche per il funzionamento, ad esempio, di un aeroplano.

“È necessario essere efficienti in termini di costi e abbinare la soluzione al livello di minaccia”, ha affermato Gupta. “La nostra innovazione è particolarmente utile per settori sofisticati e ad alto rischio come quello biomedico e aerospaziale, in cui la qualità anche della parte più piccola è fondamentale.”
Autori del giornale sono Fei Chen, Yuxi Luo, Nektarios Georgios Tsoutsos, Michail Maniatakos, Khaled Shahin e Nikhil Gupta.

Be the first to comment on "I codici QR incorporati nelle stampe 3d per garantire che i componenti stampati in 3D siano autentici"

Leave a comment