HP Jet Fusion 3D 4210 e tre nuovi materiali di stampa

Hewlett-Packard si sta muovendo rapidamente nella stampa 3D. Oggi, il marchio globale ha presentato la sua nuova soluzione di stampa 3D: la Jet Fusion 3D 4210, un aggiornamento di sistema rivolto a una produzione 3D su scala industriale, accanto a un portafoglio di materiali espansi.

Mentre la Jet Fusion 3D 4210 non è esattamente rivoluzionaria da una prospettiva tecnologica: il nuovo sistema continua a utilizzare la tecnologia Multi Jet Fusion di HP, l’efficienza dei costi innovativi è il vero punto di forza. Aumentando il “punto di rottura” dell’industria per la stampa su larga scala 3D fino a 110.000 parti, la Jet Fusion 3D 4210 riduce notevolmente i costi operativi complessivi, aumentando notevolmente il volume di produzione. Secondo  HP, questo significa che il costo più basso per parte (CPP) disponibile finora nell’industria, rendendo il nuovo sistema due terzo più efficiente dal punto di vista della di altri metodi di stampa 3D.

“La nuova soluzione di stampa 3D 4210 consente ai nostri clienti di produrre pezzi di massa utilizzando la tecnologia Multi Jet Fusion HP per il 65% in meno rispetto ad altri processi e sfruttare appieno le economie di scala”, afferma Ramon Pastor, Direttore Generale di Multi Jet Fusion Business di stampa 3D di HP. “I sistemi Jet Fusion 3D di HP hanno raggiunto un punto di inflazione tecnologico ed economico che combina la velocità, la qualità e la scalabilità necessari per accelerare la rivoluzione industriale digitale della produzione”.

La nuova soluzione HP include sia aggiornamenti hardware che firmware per i sistemi Jet Fusion esistenti, che promette di migliorare l’efficienza complessiva degli utenti e aprire la porta per un funzionamento continuo e duraturo. Nell’ambito degli aggiornamenti del sistema è inclusa anche una nuova stazione di elaborazione attrezzata per volumi di materiale più elevati.

La promozione di Jet Fusion prosegue con tre nuovi materiali di stampa 3D. Il Primo è l’ HP High Reusability PA 11, destinato a produrre parti funzionali a basso costo e di alta qualità come protesi, solette, attrezzature sportive, snap fit e cerniere . Questo è un materiale  altamente resistente che vanta eccellente resistenza agli urti e grande duttilità.

Accanto al nuovo materiale PA, HP presenterà presto le perline di vetro HP 12 High Reusability PA 12. Ancora per componenti a basso costo e di alta qualità, i prossimi PA12 perline in vetro sono più adatti per applicazioni con elevata rigidità, come contenitori, alloggiamenti, stampi e utensili. La stabilità dimensionale e la ripetibilità sono tra i punti forti del PA 12 Glass Beads.

Il lancio di nuovi materiali HP si chiude con il 3D High Reusability Polypropylene, un materiale resistente e poco costoso che offre una maggiore flessibilità e una resistenza chimica eccellente. Sia leggero che impermeabile, questo materiale in polipropilene è un buon contro bilanciamento alle nuove PA, aprendosi ad una vasta gamma di applicazioni per la stampa 3D industriale. Tutti i nuovi materiali HP resteranno compatibili con tutti i sistemi di stampa HP Jet Fusion esistenti.

Sebbene non siano ancora disponibili sul mercato, i clienti HP hanno espresso il supporto per i nuovi materiali di stampa. “Siamo stati tra i primi utilizzatori della Multi Jet Fusion di HP e non è mai stato più chiaro che rappresenta il futuro della produzione digitale”, ha dichiarato Corey Weber, co-fondatore di Forecast 3D.

Infine, un gruppo di nuovi partner si è unito alla famiglia HP Jet Fusion, che già include aziende come Arkema, BASF, Evonik, Henkel, Lehmann & Voss e Sinopec Yanshan Petrochemical Company. Come marchio importante nei prodotti chimici tecnici di macinazione e raffinazione specializzati, il gruppo Dressler di Germania può ora contare tra l’ecosistema partner HP. Annunciato come partner HP preferito per lo sviluppo e la produzione di polveri per i sistemi Multi Jet Fusion, Dressler offrirà ai collaboratori dei materiali HP un accesso esclusivo alle proprie capacità di produzione di sferidi.

Inoltre, la società Berkshire Hathaway, Lubrizol, si è unita alla base di partner ampliata di HP. Con uno dei più vasti portafogli di poliuretano termoplastico (TPU) nell’industria, Lubrizol svolgerà un ruolo importante nello sviluppo del materiale HP, oltre a assistere nella produzione di pezzi finali per i sistemi Jet Fusion 3D.

Dow Chemical e DSM sono stati inclusi anche nel grande annuncio di oggi, in quanto due aziende che sono destinate a sviluppare polveri 3D per le stampanti Jet Fusion 3D tramite HP’s MDK (Industry Development Kit). I partner HP esistenti Evonik e Henkel avranno anche un ruolo centrale nello sviluppo della polvere HP. Evonik attualmente sta investendo nell’ampliamento delle capacità polveri e nelle risorse aziendali per supportare la transizione del mercato dalla prototipazione alla produzione a pieno titolo. Henkel, che è stato recentemente annunciata come il primo rivenditore globale HP Jet Fusion, metterà a fuoco i propri sforzi per accelerare l’adozione della stampa 3D, oltre a sviluppare materiali per applicazioni personalizzate.

Alla luce delle grandi notizie, HP ha già aperto i pre-ordini per l’aggiornamento della soluzione 3D 4210 Printing, che si prevede di raggiungere il mercato presto.

Be the first to comment on "HP Jet Fusion 3D 4210 e tre nuovi materiali di stampa"

Leave a comment