Hans Boodt usa le Tractus3D T3500 per produrre i propri manichini

La stampante Tractus3D riduce il tempo di produzione del manichino di Hans Boodt da 8 settimane a 2 giorni

Lo specialista olandese di manichini Hans Boodt utilizza stampanti FDM 3D di grandi dimensioni dalla società olandese Tractus3D, che consente di ridurre i tempi di produzione dei manichini da otto settimane a soli due giorni. La Tractus3D T3500 ha un’altezza di costruzione di 210 cm, ideale per i manichini.

I Manichini sono usati  nei negozi di abbigliamento di tutto il mondo. Ma avete mai veramente pensato a come viene prodotto un manichino, quanto dura il processo e quanto costa?

Secondo Hans Boodt, un’azienda olandese che produce manichini high-end esclusivi per clienti come Karl Lagerfeld, Hermès ed Emilio Pucci, il processo di produzione del manichino prendeva – fino a poco tempo fa – circa otto settimane per venire completato .

Sembra un tempo lungo, ma quando si analizza il processo tradizionale della produzione  il tutto  inizia ad avere un senso. La maggior parte dei manichini per clienti di fascia alta sono scolpiti a mano per produrre una perfezione anatomica, cosa che rende la loro creazione un processo lungo e spesso costoso.

Non è solo il caso di Hans Boodt che si presenta con le sue nuove pose e forme. Ogni cliente desidera il proprio manichino unico con una dimensione, una posa e un colore su misura per la propria collezione. Ciò significa che il produttore di manichini deve trasformare rapidamente un disegno in un prodotto di alta qualità con pochissimo tempo libero.

Di recente, tuttavia, Hans Boodt è stato in grado di ridurre drasticamente il tempo necessario per produrre i suoi manichini. Come? Utilizzando stampanti 3D di grandi dimensioni della  Tractus3D , una società olandese con sede nella piccola città di Ammerzoden.

Stampante 3D T3500 FDM di Tractus3D che stampa un manichino

Con la Tractus3D T3500 , una stampante FDM 3D delta style con un diametro di stampa di 100 cm e un’altezza di 210 cm, Hans Boodt ha potuto stampare in 3D interi manichini in un unico pezzo, eliminando la necessità di fornitori esterni e riducendo i costi di circa 10 cent.

“La stampa 3D ha rivoluzionato il modo in cui lavoriamo con Hans Boodt”, ha affermato il Responsabile dello sviluppo prodotto Coen Viguurs. “Su richiesta, i nostri artisti esperti possono creare manichini con un livello di qualità senza precedenti in pochi giorni utilizzando la stampa 3D.”

Hans Boodt alla fine ha optato per la stampa 3D al fine di migliorare il proprio servizio, ma solo dopo aver considerato altri processi produttivi moderni come la lavorazione CNC. Dopo aver eseguito i calcoli, tuttavia, la società ha determinato che il ridotto esborso iniziale, i minori costi dei materiali e i risultati di alta qualità hanno reso la stampa 3D di gran lunga l’opzione preferibile.

Poiché l’uso della stampa 3D consente a Hans Boodt di spedire i nuovi manichini più velocemente che mai, l’azienda pensa che il suo nuovo processo di sviluppo sarà un’enorme attrazione per le griffe che desiderano ottenere manichini personalizzati di marca sul punto vendita o nello spazio espositivo nel il più breve tempo possibile

Per produrre più manichini stampati in 3D contemporaneamente, Hans Boodt ha acquistato un’intera flotta di stampanti 3D FDM Tractus3D, tutte in grado di fabbricare interi manichini personalizzati pronti per l’uso immediato.

Secondo Hans Boodt, una macchina come la Tractus3D T3500 rappresentava la via di mezzo ideale tra macchine desktop (troppo piccole) e tipiche macchine industriali (troppo costose).  Per 39.500 euro la T3500 è troppo cara per uso personale, ma rappresenta un buon investimento per un’azienda affermata come Hans Boodt.

Be the first to comment on "Hans Boodt usa le Tractus3D T3500 per produrre i propri manichini"

Leave a comment