Hackerloop stampa una protesi a forma di fucile Nerf in grado di sparare proiettili

Il collettivo di ingegneria europeo Hackerloop ha costruito una pistola Nerf stampata in 3D che spara proiettili in risposta alle contrazioni muscolari dell’utente. Lo Swarmfire Nerf modificato utilizza sensori EMG e delle componenti stampate in 3D.

Il collettivo di ingegneria Hackerloop potrebbe aver appena creato il braccio protesico più stravagante della storia. Nel corso degli anni abbiamo visto alcune brillanti protesi stampabili 3D , con disegni ideati per attrarre i bambini creativi, un braccio bionico che spara proiettili Nerf è sicuramente fra il meglio possibile.

Il collettivo, con sede a Berlino e Parigi, ha deciso di creare la protesi fai-da-te dopo aver realizzato che avevano un vantaggio piuttosto ingiusto nelle loro normali battaglie Nerf: il loro avversario aveva solo una mano. Per livellare il  gioco, hanno usato la stampa 3D, l’elettronica e i sensori EMG per costruire un ibrido a pistola a braccio modificato che poteva sparare senza dover premere un grilletto.

La straordinaria protesi Nerf, una pistola ricostruita Swarmfire Nerf, può sparare semplicemente contraendo i muscoli dell’avambraccio.

“L’elettromiografia è un ottimo modo per far comunicare il corpo con l’hardware”, afferma Valentin Squirelo di Hackerloop. “L’abbiamo usato per rilevare gli impulsi elettrici e li abbiamo tradotti in istruzioni per la nostra pistola. Potresti pensare ad altri mille usi. ”

Il collettivo di ingegneria ammette che questo non è il dispositivo più pratico per le persone con disabilità, ma sostiene che non tutto deve essere serio per essere utile.

“Si potrebbe pensare che non sia il primo problema da risolvere per le persone con disabilità”, dice Squirelo, “ma in realtà essere in grado di divertirsi con i tuoi amici con questi meravigliosi giocattoli è anche un vero e proprio punto di svolta”.

Per costruire il braccio blaster, tre elettrodi dovevano essere posizionati su diverse aree del braccio di Huchet, con diversi ingressi che permettevano di rilevare variazioni nell’attività muscolare. L’ampiezza della tensione viene trasmessa al sensore, quindi al microcontrollore simile ad Arduino, e l’Arduino decide se il segnale ha raggiunto una certa soglia considerata un “segnale di fuoco”.

Un segnale di fuoco viene quindi trasmesso alla pistola Swarmfire Nerf modificata, modificata con guaina e involucro stampati in 3D, quindi bang! parte il dardo di schiuma.

Al momento, non è chiaro se Hackerloop stia condividendo gli schemi e i file STL per la protesi Nerf, ma sarebbe fantastico se questo diventasse un progetto open source.

Due anni fa, il produttore Jeremy Chang ha trasformato una pistola Nerf in un fucile d’assalto Halo 5 MA5D stampato in 3D . Meno accessibile, ma comunque molto interessante. Forse qualcuno potrebbe unire i due progetti?

Be the first to comment on "Hackerloop stampa una protesi a forma di fucile Nerf in grado di sparare proiettili"

Leave a comment