Hachtel e Cubicure finanziati nell’ambito del programma “SME Horizon 2020”

Hachtel e Cubicure, specialista della stampa 3D, ricevono finanziamenti per l’innovazione dall’UE

F. & G. Hachtel ha ricevuto finanziamenti dall’UE per l’innovazione e la ricerca. E non solo: il programma “SME Horizon 2020” si concentra su tecnologie dirompenti, vale a dire applicazioni che portano a una completa ristrutturazione di modelli, prodotti o servizi tradizionali. Le PMI e le start-up sono supportate nel lancio sul mercato delle loro innovazioni. Con il partner di cooperazione Cubicure, uno sviluppatore di tecnologie di produzione additiva dall’Austria, la società con sede a Aalen, che conta 50 dipendenti, condivide un finanziamento totale di 2 milioni di euro.

“Ora facciamo parte di un pool di 4.000 grandi aziende provenienti da paesi europei che sono stati nobilitati dall’UE in tutti i settori economici dal 2014 – e probabilmente siamo l’unico specialista tedesco di strumenti e materie plastiche”, spiega l’amministratore delegato Steffen Quaglia orgogliosa.

Nel progetto di finanziamento specifico, lo scorso anno Hachtel e Cubicure sono stati in grado di dimostrare in modo convincente come desiderano utilizzare la stampante 3D per produrre in futuro piccole serie certificate. “Oltre allo stampaggio ad iniezione di materie plastiche e alla costruzione di utensili e stampi, abbiamo aperto una nuova area di business”, spiega Steffen Hachtel. “Con la produzione additiva, siamo in grado di produrre componenti nel più breve tempo possibile e offrire l’intera qualifica e il know-how di un produttore tradizionale.”

La partnership tra le due società risale al 2017. Steffen Hachtel ha seguito le innovazioni nel settore della produzione additiva e ha sentito parlare dell’azienda austriaca. Alla nuova fiera di Francoforte, si è imbattuto nello stand Cubicure e gli ha spiegato la tecnologia della litografia a caldo, che è stata sviluppata a Vienna presso l’Istituto per la scienza e la tecnologia dei materiali e l’Istituto per la chimica sintetica applicata. I materiali a base di fotopolimeri vengono elaborati nella stampante mediante sistemi di fotopolimerizzazione. Cubicure produce sia i materiali che i sistemi di stampa per questo – attualmente Caligma 200, il prodotto dell’azienda .

Steffen Hachtel ha richiesto campioni a novembre 2017 e a dicembre è stata la prima azienda tedesca a ordinare un Caligma 200 per 180.000 euro. “Ho scelto Cubicure perché la litografia a caldo conferisce al materiale una tenacità, rigidità e resistenza alla temperatura particolarmente elevate nel materiale . Cubicure è anche estremamente flessibile quando si tratta di sviluppare nuovi materiali con proprietà specifiche “, afferma Steffen Hachtel. Cubicure è anche molto soddisfatto della fruttuosa collaborazione. “Quando Steffen Hachtel si è avvicinato a noi, era un partner da sogno assoluto”, riferisce Pfaffinger. “Per prima cosa, aveva già esperienza con la stampa 3D e sapeva di quale soluzione avesse bisogno. D’altra parte, convince con il suo vasto know-how nella produzione di utensili e nella tecnologia di stampaggio a iniezione: Steffen Hachtel conosce molto bene la lavorazione e il comportamento della plastica. “E questo è estremamente importante. Infine, Hachtel assume un’altra parte essenziale della cooperazione: la garanzia della qualità.

Progetto faro per Deutsche Bahn
Insieme, le aziende hanno identificato le aree di business in cui potevano presentare la soluzione globale che stavano offrendo, ad esempio la fornitura di pezzi di ricambio per il trasporto ferroviario. Le compagnie ferroviarie europee hanno identificato la necessità di oltre un milione di pezzi di ricambio che potrebbero essere fabbricati con materiali polimerici utilizzando la produzione additiva. Di solito sono necessarie solo piccole tirature di alcune centinaia di pezzi per ogni parte, ma allo stesso tempo dovrebbero essere disponibili rapidamente: un’area di applicazione ideale per i processi additivi. Tuttavia, i requisiti del settore ferroviario sono immensi. Molti requisiti speciali si applicano ai componenti per quanto riguarda le proprietà o le superfici dei materiali, specialmente nell’abitacolo. Inoltre, c’è spesso che non c’è più documentazione sui componenti – a volte il materiale è addirittura sconosciuto. “Alcuni della Deutsche Bahn utilizzano sistemi che hanno più di 30 anni”, riferisce Steffen Hachtel. “Non ci sono disegni, nessunoDati CAD , niente di più. “

È qui che entrano in gioco i servizi relativi alla tomografia computerizzata (CT), che Hachtel ha perfezionato negli ultimi 12 anni. Con il loro aiuto, i set di dati possono essere ricostruiti e preparati in modo ottimale per la stampa 3D, come Dr. Markus Pfaffinger conferma: “Hachtel è un pioniere nel campo della CT industriale – un grande vantaggio nella digitalizzazione dei pezzi di ricambio e realizzati per il progetto ferroviario. Quindi prendiamo un componente esistente, forse anche rotto, digitalizziamo e possiamo modificare il modello in CAD. Quindi viene generato un record di dati, che è direttamente nella stampante 3Dpuò essere inserito e prodotto. ”Per garantire non solo la geometria e l’adattamento, ma anche la qualità delle parti indurite, il CT di Hachtel viene utilizzato per convalidare il processo di stampa 3D. E questo è essenziale, sottolinea Hachtel, “perché la qualità non viene direttamente da una stampante 3D quando la si accende.” Piuttosto, si tratta di coordinare i processi e la tecnologia di misurazione esattamente tra loro.

I requisiti di mercato sono motori dell’innovazione
I componenti per il traffico ferroviario richiedono inoltre proprietà materiali speciali nell’area della protezione antincendio. Cubicure è stata in grado di sviluppare il suo primo materiale ignifugo per il progetto in quattro mesi nel 2019. “Attualmente siamo i leader mondiali nelle proprietà antincendio dei fotopolimeri”, assicura Pfaffinger. In Hachtel, questi materiali vengono elaborati su due sistemi Caligma, il cui spazio di installazione è 100 mm di lunghezza × 200 mm di larghezza × 300 mm di altezza. Le tolleranze sono comprese nell’intervallo di centesimi e quindi “bracconaggio” nell’area dei formatori a microiniezione – solo che Caligma non ha bisogno di strumenti e quindi risparmia tempo e sforzi di sviluppo in brevi periodi. Naturalmente Cubicure sta lavorando in parallelo su un ampliamento per componenti più voluminosi o multipli.

Be the first to comment on "Hachtel e Cubicure finanziati nell’ambito del programma “SME Horizon 2020”"

Leave a comment