Gizmo 3D Printers e PayPal che gli blocca i soldi raccolti su Indiegogo

Gizmo 3D Printers  e il ritardo dovuto al congelamento dei loro soldi su PAYPAL  raccolti con una campagna su Indiegogo.
gizmoGrave intralcio da parte di PayPal per Gizmo il produttore di stampanti 3d : sta riscontrando un ritardo di produzione dovuto al servizio di pagamento online PayPal. Dopo il  successo della campagna Indiegogo, il fondatore e co-proprietario di Gizmo  Kobus du Toit ha dato la notizia ai propri sostenitori che PayPal ha di fatto congelato la maggior parte del denaro che è stato preraccolto. L’azienda forse dovrà sospendere la produzione fino a che PayPal deciderà di trasferire i loro soldi o troveranno altri  fondi necessari per iniziare la produzione. Questo ritardo arriva in un momento topico per  Gizmo 3D, visto che hanno già cominciato l’ordinazione delle componenti  per assemblare le nuove stampanti e inoltre devono pagare il brevetto della loro tecnologia.
Partendo dalla meritata attenzione  che hanno suscitato al CES 2016, Gizmo 3D ha lanciato la loro campagna di crowdfunding per la loro nuova famiglia di stampanti r DLP a resina a marzo. La campagna è stato un successo, raccogliendo più di 135.000 dollari superando l’obiettivo di quasi il 40%. Gizmo ha presentato  la loro macchina a Londra all’ iMakr desktop 3D Printing Show. Dal momento che la campagna su Indiegogo si è conclusa al 31 marzo, du Toit ha aggiornato regolarmente i suoi sostenitori sui progressi in corso, anche due settimane fa, quando i loro fondi da Indiegogo sono stati infine depositati sul conto PayPal.

Tutto sembrava filare liscio fino al 19 aprile, quando improvvisamente PayPal ha notificato a Gizmo che i loro fondi sono stati in parte trattenuti come riserva. PayPal ha comunicato loro che  80,000 dollari del denaro depositato sarà trasferito solo in pagamenti a blocchi piccoli un po ‘alla volta, un processo che potrebbe durare  180 giorni. Du Toit ha dichiaratodi aver fornito loro tutte le informazioni che hanno chiesto per  dimostrare che sono una società legittima e che hanno bisogno dei loro fondi congelati per iniziare la produzione delle loro stampanti 3D, ma PayPal è impassibile:
“Durante una recente revisione del conto PayPal, abbiamo stabilito che era opportuno applicare una riserva al tuo account   in 24 ore. Una quantità collaterale di   80,000.00 dollari sarà accantonata dal saldo disponibile corrente. Inoltre, una riserva a rotazione è fissata al 55% dell’importo trattato per ogni giorno per un periodo di 180 giorni.

Ad esempio, il 55% dei pagamenti che ricevi si svolgono alla fine del primo giorno e sarà rilasciato 20/04/2016, il 55% dei pagamenti si svolgono alla fine del secondo giorno e sarà rilasciato il 18 / 10/2016, e così via. ”
Va da sé che un ritardo di queste dimensioni distrugge ogni speranza che le stampanti 3D Gizmo saranno in grado di rispettare le date di spedizione di settembre.   Ma non avere accesso al proprio finanziamento potrebbe anche finire per trascinare l’intera società nel baratro. La società sta attualmente lavorando su come ottenere un brevetto per la sua tecnologia ultra-veloce di stampa DLP 3D e prevede di pagare 10.000 per farlo. Senza i fondi di Indiegogo, è improbabile che  saranno in grado di effettuare tale pagamento.
Naturalmente perdere la capacità di brevettare la loro tecnologia sarebbe devastante, soprattutto se qualcun altro lo farà prima e rivendicherà tutto il lavoro che du Toit ha fatto. La triste ironia è che le ragioni che PayPal addotte per il congelamento del loro conto sono in contrasto con la logica del crowfounding.
“Consegna temporale – (lunghezza estesa della vostra consegna). ( E’ un crowfounding cribbio)

Il volume complessivo di elaborazione – (Vi è un cambiamento significativo nel livello dei pagamenti del vostro business  rispetto alla vostra storia di elaborazione). ( Si improvvisamente vi arrivano troppi soldi insieme per una strana storia cjhiamata Indiegogo…. :))))

Modello di business ad alto rischio – (C’è stato un cambiamento nel modello di business o il vostro modello di business è considerato ad alto rischio a causa di uno, o una combinazione dei seguenti fattori – come e quando gli articoli o i servizi vengono forniti, articoli o servizi  venduti, gestione delle scorte). ”
L’arco di tempo di consegna prolungato, l’aumento dei fondi depositati sul conto e il modello di business a rischio sono tutti condivisi da qualsiasi campagna di crowdfunding, quindi non dovrebbe strano  per  Gizmo 3D. Purtroppo, come chiunque abbia avuto bisogno di parlare con PayPal può confermare, du Toit non ha avuto molta fortuna nel tentativo di  parlare con qualcuno dell’azienda . Non ha nemmeno trovato nessuno che possa fornire chiare informazioni sul perché esattamente i fondi vengono trattenuti in riserva o quanto tempo ci vorrà perchè vengano sbloccati.
“Ho parlato col call center di PayPal e tutti mi hanno dato la stessa risposta – che qualcuno si sta occupando del caso. Allora ho provato a contattare i dipendenti di PayPal direttamente su LinkedIn, sperando di contattare qualcuno che fosse informato o avesse la possibilità di decidere. Mi hanno risposto dicendo che mi avrebbero fatto scrivere da qualcuno . E’ arrivato una  email che diceva che si stavano occupando del caso  e lasuccessiva  e-mail che ho ricevuto  è stata quella che comunicava  il blocco del denaro .
Gizmo e du Toit hanno ufficialmente registrato un contenzioso contro PayPal con il Mediatore finanziario australiano. PayPal ha 21 giorni per rispondere ufficialmente al caso. Purtroppo non vi è alcun periodo di tempo a disposizione per du Toit per quanto riguarda il suo credito nei confronti di PayPal, e fino a quando il Mediatore non prenderà una decisione Gizmo rimarrà  nel limbo. L’azienda è alla ricerca di modi per aggirare l’attesa, compreso il rimborso dei fondi PayPal e la loro sostituzione con trasferimenti bancari diretti, tuttavia non possono fare nulla fino a quando la loro controversia non sarà definita.

Questa non è la prima volta che PayPal ha deciso che una società che raccoglie soldi col crowfunding sia rischiosa. In realtà si scopre che bloccano semplicemente le campagne IndieGoGo del tutto. Anche se nessuno può biasimare PayPal dal voler impedire che i loro clienti spendano soldi per le imprese a rischio, qualcuno dovrebbe probabilmente spiegare loro che le aziende diventano molto più rischiose quando non ricevono i finanziamenti raccolti. Vi terremo aggiornati sullo stato di avanzamento di questo caso, ma è anche possibile controllare la pagina Gizmo Indiegogo per capire la situazione.

Be the first to comment on "Gizmo 3D Printers e PayPal che gli blocca i soldi raccolti su Indiegogo"

Leave a comment