General Atomics Aeronautical Systems e la prova di successo di un drone

General Atomics Aeronautical Systems (GA-ASI) ha pilotato con successo per la prima volta una parte in metallo prodotta in modo additivo.

La società ha iniziato a lavorare con il braccio di consulenza AddWorks di GE Additive nella primavera del 2019 , sfruttando la sua esperienza per formare il proprio personale nella progettazione per la produzione additiva (DfAM), migliorare la sua conoscenza dello sviluppo del processo di industrializzazione e migliorare la sua comprensione della validazione dei materiali nel tentativo di ottimizzare la progettazione e la qualificazione delle parti.

Entro otto mesi, GA-ASI aveva effettuato il primo volo di prova di una parte stampata in metallo in 3D: un’entrata NACA realizzata in titanio Ti6AI4V su un aereo a pilotaggio remoto Sky Guardian (RPA) nel febbraio 2020.

L’ingresso NACA è stato messo in evidenza all’inizio del processo di identificazione dell’applicazione come un “forte contendente” per essere la prima parte in metallo stampato in 3D attraverso il programma Sky Guardian dell’azienda. Sfruttando la macchina Concept Laser M2 di GE Additive, GA-ASI e AddWorks sono stati in grado di ridisegnare l’ingresso NACA, precedentemente composto da tre parti saldate insieme, in un unico pezzo. Ciò ha rimosso i difficili processi di attrezzamento e ispezione, offrendo al contempo una riduzione dei costi del 90% per parte, una riduzione del peso di oltre il 30% e una riduzione degli utensili di circa l’85%.

“Con il team additivo GE Additive, siamo riusciti non solo a raggiungere il nostro obiettivo a breve termine di qualificare l’ingresso NACA, ma abbiamo anche lavorato insieme su una serie di ulteriori sforzi per lo sviluppo e la qualificazione delle applicazioni, che proseguiranno nel 2020 e oltre, “Ha commentato Elie Yehezkel, Senior Vice President Advanced Advanced Manufacturing Technologies presso GA-ASI. “È importante rimanere all’avanguardia delle tecnologie di produzione per i nostri prodotti e i nostri clienti. Questa accelerazione ha guidato la maturazione della nostra strategia di produzione di additivi per metalli e ha anche informato come prevediamo di avvicinarci a uno spazio applicativo molto più ampio già in cantiere. ”

L’iniettore NACA sta ora entrando nella fase di qualificazione finale dopo il successo del volo di prova, mentre il team GA-ASI ha già iniziato ad applicare le migliori pratiche e conoscenze alla più ampia famiglia di componenti dell’iniettore NACA, nonché a numerosi altri componenti e sottosistemi. Inoltre, GA-ASI ha effettuato un ordine per diverse macchine Laser M2 Series 5 di GE Additive Concept, che verranno installate nel suo nuovo Centro di eccellenza per la progettazione e la produzione additiva a Poway, California, entro la fine dell’anno. La società ritiene che la capacità di produzione additiva interna contribuirà allo sviluppo delle applicazioni e alla produzione a reazione rapida.

GA-ASI probabilmente continuerà anche a lavorare con AddWorks, a cui è stata attribuita l’accelerazione e il supporto del processo di industrializzazione e della prontezza di produzione dell’ingresso NACA, contribuendo nel contempo a ridurre i rischi di qualificazione.

“Sappiamo in prima persona che la capacità di garantire il buy-in da più parti interessate interfunzionali è spesso fondamentale per il successo di qualsiasi programma di additivi metallici all’interno di un’organizzazione. Aggiungendo la precedente esperienza e prospettiva di GE agli sforzi di leadership interna di GA-ASI, il team congiunto è stato in grado di raggiungere lo slancio del progetto necessario per raggiungere il loro traguardo “, ha offerto Lauren Thompson, Responsabile del progetto operativo di Additive AddWorks di GE e parte del team che lavora con GA-ASI. “La combinazione della nostra profonda esperienza nel dominio dell’additivo metallico e delle migliori pratiche del nostro viaggio additivo con la competenza altrettanto profonda del dominio GA-ASI delle loro applicazioni RPA ci ha permesso di muoverci rapidamente e lavorare entro i tempi stabiliti.”

Be the first to comment on "General Atomics Aeronautical Systems e la prova di successo di un drone"

Leave a comment