GE Additive e il dispensatore alimentare per suricati stampato in 3d in titanio per lo zoo di Cincinnati che simuli le difficoltà del procurarsi il cibo

GE Additive crea un alimentatore in metallo stampato in 3D per gli animali dello zoo

La stampa 3D viene spesso utilizzata per studiare gli animali e il loro comportamento e persino aiutare a risolvere i loro vari problemi medici . Ora, lo zoo e il giardino botanico di Cincinnati collabora con il team di consulenza AddWorks di GE Additive, sempre a Cincinnati, per migliorare la vita quotidiana degli abitanti dello zoo. Situato a un’ora a sud della mia casa di Dayton, lo zoo ospita 2.000 animali e la sua ricerca di offrire a ciascuno la migliore assistenza possibile lo ha portato alla stampa 3D.

David Orban, responsabile dell’eccellenza animale dello zoo, è responsabile di un importante team che osserva gli animali e documenta il modo in cui trascorrono le loro giornate e interagiscono, sia tra loro sia con l’ambiente. Quindi, usano i dati raccolti per comprendere meglio l’esperienza dello zoo degli animali e determinare i modi per migliorarli attraverso la progettazione dell’habitat, la dieta e l’arricchimento.

Orban ha spiegato: “Qualcosa a cui spesso pensiamo è come imitare i comportamenti di alimentazione naturali negli animali a cui teniamo. In natura, gli animali sono adattati per trovare, acquisire e processare cibo – e non è sempre facile! Nella cura umana, tuttavia, il cibo è sempre disponibile e di buona qualità ed equilibrio, e in molti casi viene consumato abbastanza rapidamente.

“Ad esempio, una sfida che vediamo spesso quando offriamo insetti vivi ad alcuni dei nostri uccelli o piccoli mammiferi è che vengono catturati e consumati in una questione da cinque a dieci minuti. Abbiamo avuto l’idea di creare un alimentatore più complesso che estenda la durata del foraggiamento, a sua volta, estendendo l’attività fisica e la stimolazione mentale degli animali, portando a una fauna più naturale. “

Per aiutare i suoi animali a mantenere i loro comportamenti naturali di foraggiamento, lo zoo ha collaborato con AddWorks a questo interessante progetto pro bono.

“Per dare il via alle cose, il team Zoo ci ha mostrato e spiegato il loro obiettivo di mantenere gli animali coinvolti e arricchiti”, ha dichiarato Shannon Jagodinski, ingegnere capo di GE Additive.

AddWorks ha utilizzato i dati raccolti dallo zoo per formare un piano su come aumentare l’esperienza di foraggiamento degli animali attraverso l’uso della stampa 3D in metallo. Non è stato facile, poiché gli zoologi e gli ingegneri non parlano sempre la stessa lingua, ma AddWorks ha esperienza con progetti unici che sfruttano tutto ciò che la produzione additiva ha da offrire.

“La tecnologia additiva consente a un design di incorporare qualsiasi forma, angolo, struttura o trama necessaria, con metallo o plastica”, ha affermato Jagodinski. “La prima cosa che abbiamo considerato è stata la sicurezza per gli animali, i custodi e i visitatori e quindi la richiesta dello zoo che il dispositivo di arricchimento degli animali appaia naturale nell’ambiente”.

Lo zoo ha raccolto idee per l’alimentatore dal personale addetto alla cura degli animali e gli ingegneri le hanno valutate per vedere se i progetti fossero fattibili in termini di orientamento delle parti, piastra di costruzione, rimozione della polvere e altri parametri. AddWorks ha avuto due idee progettuali e il personale dello zoo ha scelto quello che pensava avrebbe, secondo un comunicato stampa , “fornire il più grande vantaggio al più ampio gruppo di animali”.

L’esterno del dispositivo ha una trama simile a una corteccia, simile a un tronco d’albero, e l’interno presenta un recinto che ospita i grilli. Questo è collegato a tubi di varie lunghezze, che fuoriescono dal dispositivo in punti diversi. A seconda del tubo che sceglie, il cricket impiega più o meno tempo a lasciare l’alimentatore, fornendo gustosi spuntini agli insetti agli animali dello zoo in momenti casuali.

“Dopo aver selezionato questo concetto di alimentatore, le mie domande iniziali erano:” Quanto è grande un cricket e di quali dimensioni hanno bisogno per gattonare? ” Abbiamo ricevuto alcuni feedback dalla squadra di insetti dello Zoo e abbiamo provato tre diverse dimensioni di tubo “, ha spiegato Jagodinski. “Abbiamo stampato tubi prototipo con tre diametri diversi e li abbiamo testati in un recinto di cricket allo zoo per vedere quale formato funzionava meglio.”

L’alimentatore fornisce agli animali un’esperienza di alimentazione più realistica distribuendo cibo nei loro habitat in momenti diversi – come vedrebbero in natura – e rimuovendo i custodi dall’esperienza.

“Sono entusiasta di poter andare allo zoo con la mia famiglia e i miei amici e di indicare un habitat e dire che ho lavorato su quello, che è una parte additiva in titanio e che è stato creato usando la tecnologia di stampa 3D”, ha detto Jagodinski .

Purtroppo, quella visita dovrà aspettare. AddWorks 3D ha stampato la prima parte del dispositivo all’inizio di quest’anno con polvere di titanio riciclata e ha consegnato una versione completa allo zoo in un attimo, proprio prima che la pandemia costringesse gli zoo di tutto il mondo a chiudere temporaneamente i loro cancelli. Ma, a causa dell’attuale crisi COVID-19, i guardiani dello zoo hanno avuto un sacco di tempo per testare l’alimentatore stampato in 3D, prima con gli uccelli e poi con piccoli mammiferi, come i suricati.

“Abbiamo visto che il tempo di foraggiamento e l’indagine e l’interazione degli animali durano fino a poche ore nei nostri test rispetto a pochi minuti, il che è davvero eccitante per noi perché ciò significa che possiamo utilizzarlo più volte al giorno e in diversi habitat “, ha spiegato Orban. “Abbiamo davvero visto che molti animali sono stati interessati a questo e continuano a rimanere interessati ad esso, che è esattamente quello che volevamo”.

GE Additive fornirà alla fine allo zoo un numero maggiore di dispositivi stampati in metallo, incluso un pezzo dimostrativo che verrà utilizzato per educare i visitatori sulla stampa 3D e sull’arricchimento degli animali. Questo dispositivo avrà una parte dell’esterno rimossa in modo che siano visibili gli intricati passaggi del cricket.

“Se c’è una cosa che continuo a imparare con l’additivo è che ogni cliente ha le proprie sfide uniche”, ha dichiarato Dave Chapin, leader del team di consulenza AddWorks. “È incredibile vedere l’impatto positivo che questa partnership unica ha avuto per gli animali”.

Be the first to comment on "GE Additive e il dispensatore alimentare per suricati stampato in 3d in titanio per lo zoo di Cincinnati che simuli le difficoltà del procurarsi il cibo"

Leave a comment