Ganit Goldstein Between the Layers la moda ecologica con la stampa 3d

Stampa 3D ecologica al centro dell’ultima collezione del designer

La stampa 3D ha fatto parecchio per il mondo della moda, consentendo ai designer di creare nuove geometrie e trame che hanno ridefinito la passerella. La tecnologia consente inoltre ai designer di creare capi sostenibili, e questo è un obiettivo principale di Ganit Goldstein, diplomata all’Accademia delle arti e del design Bezalel . Goldstein ha recentemente lanciato una raccolta chiamata “Between the Layers”, che è iniziata come progetto di laurea. Sette abiti e sei paia di scarpe compongono la collezione, realizzata in 3D stampato in PLA e TPU.

Goldstein mirava a combinare le tecniche tradizionali con le nuove tecnologie per la collezione.

“Il mio lavoro inizia esaminando le caratteristiche del materiale, le qualità con le quali posso lavorare”, ha detto. “Lavorare con il software 3D mi dà la libertà di testare quali limiti possono essere violati. Fornisce la comprensione che la connessione al materiale artigianale tradizionale creerà un’essenza completamente nuova per il materiale originale. Ad esempio, la tecnica della stampa 3D a strati mi consente di riesaminare quali livelli possono essere aggiunti e quali nuove connessioni posso creare. “

Goldstein ha trascorso del tempo in Giappone come parte di un programma di scambio presso l’ Università delle Arti di Tokyo . Il paese ha contribuito a ispirare la sua nuova collezione.

“Sono rimasto estremamente affascinato dall’estetica e dal design giapponese, dalla loro prospettiva e dai modi davvero unici di guardare le cose”, ha detto.

Ha iniziato a lavorare con l’upcycling, a frantumare tessuti di seconda mano e avanzi tessili industriali e poi a creare nuovi capi usando una tecnica tessile giapponese chiamata tessitura IKAT.

“La tecnica di tessitura IKAT mi consente di creare modelli dalla tintura delle corde prima del processo di tessitura finale”, ha affermato.

Quando è tornata a casa in Israele, Goldstein ha sviluppato il suo processo di tessitura utilizzando una stampante 3D Prusa i3 Mk3, combinando la stampa con strati intrecciati a mano. La sostenibilità è un valore importante per lei e apprezza la stampa 3D per le opportunità ecocompatibili che apre.

“La tecnica della stampa 3D nella moda è un ottimo strumento sostenibile”, ha affermato. “Consente ai designer di sperimentare un’ampia libertà creativa, offrendo allo stesso tempo la possibilità di esercitare il controllo completo su ciò che stampiamo e creiamo. Con la stampa 3D, siamo in grado di scegliere esattamente quali materiali stampare e quanto abbiamo bisogno, così come il modello preciso che vogliamo ottenere, senza incorrere in sprechi inutili, una nozione che sia al contempo autorizzante e di impatto. “

Goldstein utilizza molti materiali riutilizzabili e riciclati nel suo lavoro e vorrebbe lavorare di più con materie plastiche riciclate in futuro.

“Creare progetti di plastica riciclata è un mio interesse sempre crescente e vorrei creare un numero crescente di progetti che utilizzano questo materiale”, ha affermato.

Oltre alle sue tecniche di stampa 3D e di tessitura, Goldstein ha anche collaborato con Stratasys alla stampa 3D di un paio di scarpe, utilizzando una stampante 3D a colori Connex3. Ultimamente ha girato il mondo con la sua collezione di abiti e scarpe stampate in 3D, partecipando (e conquistando il secondo posto) a “Redress Design Award 2018” ad Hong Kong, così come nel 2018 “Arts of Fashion” Competition presso The Asian Museo d’arte di San Francisco

“Lavorare con i metodi tradizionali e combinarli con nuove tecnologie è la mia visione e la mia ispirazione per i miei lavori futuri”, ha affermato.

Be the first to comment on "Ganit Goldstein Between the Layers la moda ecologica con la stampa 3d"

Leave a comment