FORTIS Exoskeleton della Lockheed Martin sviluppato con la Deakin University

Team Lockheed Martin Con Deakin University per sfruttare FORTIS Exoskeleton

Lockheed Martin Australia e l’Istituto Deakin dell’Università per la ricerca e l’innovazione dei sistemi intelligenti (IISRI) hanno collaborato a un programma di sviluppo di 12 mesi per estendere la capacità di FORTIS Exoskeleton della Lockheed Martin .

FORTIS è un esoscheletro leggero e non alimentato progettato da Lockheed Martin in grado di supportare strumenti fino a 16,3 chilogrammi (36 libbre) e trasferire il carico dalle mani e dalle braccia di un lavoratore a terra. L’obiettivo è quello di alleggerire i carichi dei lavoratori e migliorare la sicurezza dei lavoratori. Lockheed Martin ha concesso in licenza la tecnologia di potenziamento bionico di B-Temia chiamata Dermoskeleton da incorporare nel suo programma di esoscheletro ad aprile 2017.

Il team IISRI ha utilizzato la biomeccanica per testare gli effetti ergonomici dell’uso di strumenti elettrici sul corpo umano utilizzando la cattura del movimento ottenuta dai sensori sulle braccia e sulle spalle degli operatori di esoscheletro e analizzata mediante tecniche di elaborazione del segnale.

I ricercatori di Deakin IISRI hanno anche progettato e stampato in 3D nuovi allegati per espandere la funzionalità dell’Esoscheletro FORTIS, consentendo di ospitare carichi esterni solitamente montati sul retro del corpo umano.

James Heading, senior manager dello sviluppo commerciale, Lockheed Martin Australia, ha elogiato il gruppo di ricerca Deakin e ha delineato le sfide inerenti alla ricerca sugli esoscheletri.

“Originati dalla ricerca sull’esoscheletro di Lockheed Martin per aiutare i soldati a trasportare attrezzature pesanti per lunghe distanze, gli stessi principi su come il corpo lavora e spende energia sono stati applicati allo sviluppo dell’esoscheletro per l’utilizzo in ambienti industriali”, ha affermato Heading.

“La tecnologia che supporta l’esoscheletro può sembrare semplice, ma lo sviluppo di tecnologie che sono di aiuto e non di ostacolo è un compito ingegneristico ingannevolmente difficile. Non esistono due persone uguali, quindi l’esoscheletro deve essere progettato per adattarsi e adattarsi a qualsiasi persona di dimensioni diverse e adattare una diversa antropometria “, ha concluso.

Dr. Hossny, Senior Research Fellow, IISRI presso Deakin University, ha elogiato il progetto di ricerca, guidato da Darius Nahavandi come parte del suo dottorato di ricerca. ricerca, per identificare l’importanza dell’analisi biomeccanica dei dispositivi di assistenza.

“Il progetto ha accelerato il ciclo di test di progettazione per la progettazione e la messa a punto degli esoscheletri”, ha affermato. “Quando si adottano dispositivi di assistenza sul posto di lavoro, spesso viene considerato un compromesso mentre i dispositivi di assistenza aiutano a convogliare il carico attraverso la struttura scheletrica dell’esoscheletro, il nostro lavoro ottimizza i movimenti dell’operatore in modo che siano in grado di affrontare ripetizioni ripetute e indiretti carichi durante i movimenti “, ha spiegato.

Altri ricercatori dell’IISRI coinvolti nel progetto sono stati Navid Mohajer, Imali Hettiarachchi e Julie Iskander.

Be the first to comment on "FORTIS Exoskeleton della Lockheed Martin sviluppato con la Deakin University"

Leave a comment