Foodini la prossima stampante alimentare utilizzerà i laser per cucinare il cibo

Lynnette Kucsma: “La nostra prossima stampante alimentare utilizzerà i laser per cucinare il cibo”

La tecnologia di stampa 3D potrebbe sfidare il modo in cui mangiamo in futuro , rendendo le ricette banali e liberando l’immaginazione. Fondamentalmente interromperà la cucina. Quando Paul Bocuse , uno dei più famosi chef francesi di tutti i tempi, ha ridisegnato lo stile della cucina nei ristoranti, molti non erano felici. Portare ingredienti freschi, combinazioni insolite e un grande senso di creatività nel modo in cui le istituzioni stellari Michelin hanno offerto le loro preparazioni alimentari classiche avrebbe spezzato il modo in cui la cucina professionale veniva fatta nei ristoranti per sempre. La stampa 3D alimentare sta anche lavorando per una possibile rivoluzione della cottura futura seguendo le stesse linee di Bocuse, con prodotti freschi, combinazioni non convenzionali e creazioni che funzionano al di là di qualsiasi ricetta possa mai essere proposta, in un processo automatizzato.La stampa 3D nell’industria alimentare sta anche cambiando il modo in cui i pazienti ricoverati mangiano, nonché il modo in cui l’alimentazione dovrebbe essere fornita durante i pasti.

Per Lynette Kucsma, la mente appassionata dietro la macchina da stampa alimentare 3D Foodini , non si può tornare indietro. Crede che nei prossimi 10-15 anni questa tecnologia cambierà il modo in cui le persone guardano il cibo. Foodini , sviluppato da Natural Machines , è un elettrodomestico da cucina per la stampa di alimenti in 3D che consente alimenti personalizzati, un’alimentazione più sana, maggiore efficienza in cucina e meno sprechi alimentari. Chiunque può stampare usando i propri ingredienti reali, naturali e freschi; personalizzare gli alimenti, l’alimentazione e le presentazioni e stampare solo la quantità di cui hanno bisogno e niente di più.

Co-fondato da Kucsma ed Emilio Sepulveda, che è anche CEO della società, Natural Machines ha cercato di creare tecnologie alimentari che consentissero un’alimentazione sana, consentendo alle persone di controllare il cibo che viene immesso nella stampante 3D, la Foodini. Per capire il successo dietro la tecnologia e ciò che ci aspetta per l’azienda, 3DPrint.com ha parlato con Kucsma.

“La nostra visione è che la stampante 3D per alimenti diventerà un comune elettrodomestico da cucina, proprio come un forno a microonde o un forno”, ha suggerito l’imprenditore e il CMO di Natural Machines. “ Quando le persone pensano alla stampa 3D di alimenti, immaginano cibi e disegni fantasiosi, cosa che la macchina può fare ovviamente, ma funziona anche per tutto il resto. Aiuta a sbarazzarsi dei conservanti ma anche a seguire i macrotrend per le persone che vogliono mangiare più sano e sapere di più su cosa c’è nel loro cibo. Inoltre, utilizzando ingredienti freschi disponibili, le persone possono fare meno affidamento sui prodotti confezionati, che è qualcosa a cui siamo così abituati ad acquistare. “

Gli alimenti stampati in 3D sono in un settore completamente nuovo e Natural Machines è in circolazione da sette anni. Ma per Kucsma, non è da molto tempo che scoop in un’industria. La società, tuttavia, è in crescita, con vendite globali e uffici a New York City, Milano, Pechino e quartier generale a Barcellona. I loro mercati principali sono in Europa, Nord America e Asia. La loro base di clienti principale comprende ristoranti e chef, come i fratelli Torres di Barcellona che attualmente possiedono due dispositivi Foodini e gestiscono oltre 100 piatti ogni giorno; fornitori di servizi di ristorazione; produttori alimentari; industria dell’istruzione; ricercatori; esperti di nutrizione e aziende sanitarie.

“Naturalmente, con il cibo stampato in 3D, stiamo parlando di cucine professionali: alcuni chef preparano in anticipo ingredienti e piatti, altri ristoranti stampano di fronte ai loro clienti e lo usano anche come un pezzo forte, mentre altri usano in cucina e non ti immagini nemmeno di mangiare cibo stampato in 3D. ”

Kucsma ha spiegato che dal punto di vista tecnologico, stanno fondamentalmente usando la stampa a deposizione; tuttavia, non hanno semplicemente preso una stampante 3D dallo scaffale e poi l’hanno manipolata per gestire il cibo. Invece, il dispositivo è stato creato da zero perché ne aveva bisogno per essere sicuro per gli alimenti. Foodini è a base di estrusione e viene fornito con cinque ugelli di varie dimensioni e cinque capsule in acciaio inossidabile, insieme ad altri accessori. Gli alimenti possono essere trasformati in una pasta e facilmente stampati, come impasti, cioccolato, pollo e molto altro ancora. Anche la carne macinata può essere trasformata in hamburger. Le capsule possono contenere ” infiniti tipi di trame diverse”, ha spiegato Kucsma.

Suggerisce inoltre che “la tecnologia è leggermente diversa, nel senso che non utilizziamo software di slicing standard o una velocità di stampa. In genere con le stampanti 3D che utilizzano plastica o metallo, stai lavorando con un ingrediente e una velocità di stampa, ma non lo facciamo. Invece, stiamo ottimizzando gli ingredienti che stai stampando e personalizzandolo grazie alle diverse dimensioni degli ugelli disponibili. ”

Natural Machines è coinvolta in numerosi progetti attivi, dall’incoraggiare le giovani generazioni ad agire a favore della sostenibilità degli alimenti fino a nuovi prodotti alimentari tecnologicamente avanzati e nutrizionalmente bilanciati in formati innovativi. Insieme agli ospedali e alle cliniche dell’Università dello Utah , usano Foodini per stampare creazioni accattivanti e saporite per servire i pazienti con diete disfagiche o altre condizioni che richiedono diete modificate per coerenza.

Serie di stampe della disfagia Foodini: una lastra stampata composta da bistecca, patate e verdure per pazienti con problemi di nutrizione a causa di problemi di salute o deglutizione (Immagine: macchine naturali)

Foodini è utilizzato anche da numerose società di ricerca e sviluppo che perseguono progressi innovativi nelle soluzioni di produzione alimentare e alimentare. Con gli istituti che addestrano la prossima generazione di ospitalità e arti culinarie, i professionisti utilizzano la macchina come esempio di evoluzione nelle pratiche culinarie.

Più recentemente la società è diventata partner del consorzio EIT Food in Europa e sta lavorando a un progetto oncologico chiamato ONCOFOOD , che fornisce nuove soluzioni alimentari innovative per i malati di cancro tenendo conto delle esigenze nutrizionali e delle alterazioni sensoriali, promuovendo il piacere di mangiare e prevenendo la malnutrizione.

Be the first to comment on "Foodini la prossima stampante alimentare utilizzerà i laser per cucinare il cibo"

Leave a comment