Filamentive e i filamenti riciclati con lo standard ISO 14021

Secondo Filamentive , la fabbrica di materiali di stampa 3D con sede nel Regno Unito , il 90% di tutta la plastica utilizzata nel mondo proviene da fonti non rinnovabili, il che significa che c’è sicuramente una grande necessità ambientale per il filamento di stampa 3D riciclato. Ecco perché Ravi Toor , fondatore e direttore della startup, ha deciso di lanciare Filamentive nel 2015, con il supporto dell’Università di Leeds.

Toor si è reso conto che il mercato dei materiali di stampa 3D doveva cambiare, e mettere alla prova la sua laurea in ambiente e l’esperienza di un’azienda di stampa 3D. Ha fondato la startup per offrire filamenti più sostenibili in grado di affrontare sia l’impatto ambientale sia la necessità di materiali di alta qualità allo stesso tempo.

SONY DSC

“Man mano che la stampa 3D diventa più popolare, la produzione e il consumo di plastica aumenteranno, causando molti impatti ambientali”, le note di avvio sul suo sito web. “Filamentive è stato creato per affrontare i problemi ambientali nella stampa 3D, impegnandosi a utilizzare materiali riciclati laddove possibile, senza compromettere la qualità. “

Filamentive è un marchio etico, impegnato nella sostenibilità sia sociale che ambientale, motivo per cui è così orgoglioso di annunciare la notizia che il contenuto riciclato di tutti i suoi prodotti di filamenti di stampa 3D è ora conforme allo standard ISO 14021.

Toor ha dichiarato: “Sta diventando evidente che tutti i consumatori – dagli hobbisti alle grandi aziende – stanno diventando sempre più attenti all’ambiente e quindi continueremo a fissare obiettivi elevati per il contenuto riciclato e la riciclabilità dei nostri imballaggi”.

I prodotti di stampa 3D filamentosi elencati di seguito sono stati tutti valutati dall’Organizzazione internazionale degli standard (ISO) in conformità a BS EN ISO 14021: 2016 – Etichette e dichiarazioni ambientali – Dichiarazioni ambientali autodichiarate (etichettatura ambientale di Tipo II).

Filamentive ha risposto al problema sempre più diffuso di plastica di scarto nocivo e all’aumento dell’uso di plastica dovuto al settore della stampa 3D, rimanendo fermi nel suo impegno a utilizzare una percentuale maggiore di materiali riciclati in tutti i prodotti che produce e vende . Inoltre, la startup del West Yorkshire si impegna a creare bobine e imballaggi riciclabili, grazie in gran parte all’iniziativa di ritorno a bobina vuota lanciata nel 2017.

“A causa delle stampanti 3D FDM / FFF che utilizzano materiali plastici come materie prime, purtroppo con l’aumento della popolarità della stampa 3D, la produzione e il consumo di plastica aumenteranno, provocando l’aggravamento del problema globale della plastica. Filamentiva è specializzata in materiali per filamenti di stampa 3D sostenibili. La società è stata fondata per rispondere all’esigenza ambientale di utilizzare più materie plastiche riciclate nella stampa 3D e alleviare le preoccupazioni del mercato sulla qualità e sulla sostenibilità a lungo termine “, ha dichiarato Toor.

Mentre la stampa 3D è in realtà molto meno dispendiosa rispetto ai metodi tradizionali di produzione sottrattiva, come la lavorazione CNC, l’uso della plastica come materia prima potrebbe effettivamente, secondo l’avvio, “esacerbare l’epidemia di plastica globale”.

Fortunatamente, ci sono molte iniziative in tutto il mondo che si basano sull’uso della stampa 3D per ridurre la quantità di plastica che sprechiamo , facendo cose come protesi , mobili , scarpe e filamenti dal materiale usato. Filamentive si sta ovviamente concentrando su quest’ultimo, ed è stato fondato anche per sfidare il pensiero comune che i prodotti realizzati con materiali riciclati siano in qualche modo di qualità inferiore.

La startup sa che le stampe di alta qualità possono provenire solo da filamenti di alta qualità, motivo per cui si è impegnata a “rigorose procedure di selezione e produzione dei rifiuti”, quindi le prestazioni di stampa 3D dei suoi utenti non sono influenzate. La notizia che i suoi filamenti di stampa 3D sono ora conformi allo standard ISO 14021 servirà solo ad aiutare Filamentive a continuare la sua missione.

Be the first to comment on "Filamentive e i filamenti riciclati con lo standard ISO 14021"

Leave a comment