Festo BionicFlyingFox la volpe volante, il pipistrello robotico stampato in 3d

Abbiamo visto molti esempi di tecnologia di stampa 3D utilizzata per simulare il mondo naturale, in particolare i movimenti unici e altri aspetti del comportamento animale. La svolta più recente arriva da una società di elettronica tedesca, che ha stampato in 3D una replica robotica della volpe volante, il pipistrello originario dell’Asia e dell’Australasia. Realizzato con componenti stampati 3D e tessuto elastan, il BionicFlyingFox completamente funzionale può librarsi nell’aria in modo simile alla creazione di Madre Natura.

Festo produce una vasta gamma di apparecchiature elettroniche e ha sperimentato l’aerodinamica nella progettazione di robotica, in particolare in base al mondo naturale. Il progetto BionicFlyingFox è il risultato di questa ricerca e la tecnologia di stampa 3D ha permesso di modellare la sua struttura molto attentamente dopo il corpo aerodinamico lucido della mazza più grande del mondo.

Il vero animale vola sventolando le ali per spingere il suo corpo, usando le sue dita infilate sotto le sue ali per aiutare a dirigere il suo percorso di volo. La membrana delle sue ali è una parte molto importante del volo, essendo fatta di una sostanza elastica leggera e fine che fornisce molte delle stesse caratteristiche delle piume agli uccelli.

Nel prototipo artificiale di Festo, gli ingegneri hanno utilizzato barre di carbonio per creare il corpo della volpe bionica, oltre a vari componenti stampati in 3D per aiutarlo a muoversi in modo efficace. Per replicare la pelle delle ali del pipistrello, hanno fatto uso del tessuto elastan sottilissimo. L’elastan è tipicamente utilizzato in capi come la biancheria intima e jeans skinny fit, grazie alla sua elevata flessibilità.

Il BionicFlyingFox finito ha un’apertura alare di oltre 7 piedi (228 cm) ed è lungo quasi 3 piedi (87 cm) ma è relativamente leggero, pesa solo 580 grammi. Ha circa 45.000 punti di saldatura, che riflettono il livello di attenzione ai dettagli necessari per ottenere il design giusto, e la straordinaria complessità di molte creazioni naturali come la Flying Fox, tecnicamente nota come Pteropus. La macchina può completare un percorso di volo predeterminato, con un operatore umano richiesto solo per il decollo e l’atterraggio, facendo uso di una termocamera ad infrarossi.

Secondo un portavoce di Festo, “Così che BionicFlyingFox è in grado di muoversi in modo semi-autonomo in uno spazio definito, comunica con un sistema di tracciamento del movimento. L’installazione registra costantemente la sua posizione. Una persona esegue l’avvio e l’atterraggio manualmente. L’autopilota prende il volo. ”

La registrazione video di BionicFlyingFox in movimento è impressionante. È in grado di appendere a testa in giù in picchiata in un’immersione spettacolare e scivolare dolcemente a terra senza scontrarsi o essere disturbato dal suo ambiente. È un esempio di come il potenziale di progettazione migliorato e i materiali e i processi relativamente economici coinvolti nella tecnologia di stampa 3D possano davvero consentire agli ingegneri di essere creativi, oltre a mostrare la varietà della natura e il potenziale offerto dalla crescente accessibilità alla robotica.

Festo ha creato varie altre impressionanti repliche di creature naturali, abbracciando le sfide ingegneristiche e le possibilità di progettazione presentate da tutti i tipi di diverse strutture organiche. Il successo del passato include una replica di una farfalla, un robot intelligente di libellule e un canguro che salta bionico, così come l’AirPenguin, che non è modellato altrettanto fedelmente dopo la sua controparte naturale.

Be the first to comment on "Festo BionicFlyingFox la volpe volante, il pipistrello robotico stampato in 3d"

Leave a comment