Facciamo il punto sulla stampa del tessuto umano e di organi funzionanti con i problemi etici annessi

la biostampante 3dLa stampa 3D avanza ad un ritmo impressionante , ma sarà possibile presto stampare in 3D il corpo umano ?

La stampa di organi da trapiantare nell’uomo potrebbe essere una realtà prima di quanto pensiamo
Bioprinting , o il processo di creazione di tessuti umani attraverso le stampanti 3D , è una zona fortemente contestata dell’innovazione tecnologica . Teoricamente si potrebbe risparmiare miliardi  su scala globale ,  aumentando l’accesso dei paesi deboli e dilaniati dalla guerra ad una  sanità più accessibile e alla produzione di protesi altamente personalizzate .

Dal punto di vista tecnologico , la nascita e lo sviluppo della stampa 3D e le sue capacità giocheranno un ruolo innegabile nella nostra vita futura . Ma come funziona il processo?
LA PrinterInks una società britannica ha collaborato con l’americana Organovo , azienda specializzata nella progettazione e stampa di tessuti umani per la ricerca medica e le applicazioni terapeutiche .
Del tessuto umano viene creato utilizzando cartucce per stampanti modificate  provenienti da biopsie di pazienti . Le cellule sono coltivate utilizzando tecniche standard e coltivate in un terreno di coltura, permettendo loro di moltiplicarsi .
Una volta che le cellule sono abbastanza cresciute , sono raccolte e formate in sferoidi o altre forme ed inserite in una cartuccia per creare BioInk .

Il BioInk viene caricato in un bioprinter Novogen MMX con una cartuccia di Hydrogel , una sorta di matrice sintetica efficacemente utilizzata come una sorta di impalcatura per la costruzione di livelli  di cellule . La stampante stampa un strato di gel a base di acqua , seguito da uno strato di cellule BioInk , e così via . E poi gli strati si amalgano naturalmente

Una volta che la quantità desiderata di strati è stampata , il tessuto viene lasciato a maturare e crescere come una struttura , durante questo processo l’idrogel viene rimosso . Altri ricercatori che sperimentano il bioprinting hanno utilizzato una soluzione di acqua e zucchero come forma di sostegno alle strutture vascolari con grande successo.
Attualmente i tessuti stampati sono generalmente utilizzati per la ricerca medica ,con  l’introduzione di una  malattia per monitorare come il tessuto reagisce e come i trattamenti futuri possono essere sviluppati .

In futuro , è molto probabile che le stampanti 3D saranno utilizzate per creare tessuti semplici per impiantare negli organi attuali degli organi parziali o un vero e proprio trapianto . La stampa di interi organi , se approvata, potrebbe essere una realtà entro il prossimo decennio .
Organovo ha recentemente biostampato il suo primo tessuto epatico in 3D a scopo di test , e può creare 24 strisce di tessuti del fegato in una unica soluzione. Nel 2010 la società ha anche stampato il primo vaso sanguigno umano senza l’uso di ponteggi .
Si stima che attualmente ci vogliono 10 giorni  per stampare un fegato di dimensioni medie, ma questa velocità crescerà esponenzialmente con il progredire della tecnologia .
Nel frattempo , Organovo prevede di commercializzare e lanciare il suo tessuto epatico 3D per le aziende farmaceutiche e laboratori di ricerca entro la fine di dicembre e sta attualmente sviluppando tessuti di cancro al seno biostampati accanto a tessuti polmonari e muscolari.

Nel mese di agosto dello scorso anno Hangzhou Dianzi University in Cina ha annunciato di aver creato biomateriale stampato in  3D, mentre Regenovo , ha stampato un piccolo rene funzionante, che è durato quattro mesi. In precedenza nel 2013 , un bambino di due anni negli Stati Uniti ha ricevuto una trachea costruita con le proprie cellule staminali , e la Princeton University ha stampato un ‘ orecchio bionico ‘ utilizzando una stampante a getto d’inchiostro modificata su una piastra di Petri .
Eticamente e moralmente , le preoccupazioni  sollevate sono tante dalla garanzia della qualità degli organi , e da chi controlla il diritto di produrre gli organi stessi . Alcui sostengono che stampare materiale umano in 3d  diminuisca notevolmete la linea di demarcazione tra l’uomo e la macchina , dandoci il diritto di ‘ giocare a fare Dio ‘ su una scala senza precedenti . Ma non si può negare che il bioprinting ha il potenziale per rivoluzionare la medicina al dilà di quello che era anche solo immaginabile solo 20 anni fa .

Rhiannon Williams the telegraph

Be the first to comment on "Facciamo il punto sulla stampa del tessuto umano e di organi funzionanti con i problemi etici annessi"

Leave a comment