Evonik round di finanziamento per Meditool start-up di dispositivi medici a Shanghai

EVONIK GUIDA I FINANZIAMENTI PER L’AVVIO MEDICO CINESE DELLA STAMPA 3D

La società chimica industriale tedesca Evonik ha condotto un round di finanziamento “ad alta cifra da un milione di euro” per Meditool , una start-up di dispositivi medici a Shanghai, il primo investimento diretto dell’azienda in Cina.

I produttori di Meditool stampano impianti di chirurgia neuro-vertebrale stampati in 3D usando il polimero Evonik PEEK al posto dei metalli. Per i pazienti, questa tecnologia permette f recupero aster e un minor numero di controlli post-operazione. Gli impianti di Meditool riducono anche il rischio chirurgico per i medici.

“Questo è il nostro primo investimento diretto in Cina e il nostro primo investimento diretto dopo l’avvio del nostro secondo fondo di venture capital quest’anno”, ha dichiarato Bernhard Mohr, capo di Evonik Venture Capital.

L’investimento di Evonik mira a rafforzare Il motore di crescita Smart Materials di Evonik con un’applicazione innovativa per polimeri ad alte prestazioni. I coinvestitori di Meditool includono ZN Ventures, Morningside Ventures e Puhua Capital.

Gli impianti medici stampati in 3D e i servizi sanitari sono sempre più utilizzati dagli operatori sanitari. Il software interno di Meditool è in grado di leggere ed elaborare le immagini direttamente dai dispositivi di scansione MRI o CT comunemente utilizzati, generando quindi un modello 3D. La personalizzazione consentita dalla stampa 3D può far sì che le piastre si adattino esattamente al cranio di un paziente. Ciò riduce la probabilità di ulteriori operazioni per regolare le dimensioni, la forma o il posizionamento dell’impianto.

La soluzione convenzionale nel mercato degli impianti ortopedici è principalmente i metalli. In precedenza, Renishaw , NexxtSpine e DePuy Synthes hanno rispettivamente creato impianti spinali in titanio stampati in 3D. Il materiale di stampa scelto da Meditool è stato il polietereeterchetone (PEEK) polimerico ad alte prestazioni di Evonik . Rispetto ai metalli, gli impianti PEEK stampati in 3D sono meno conduttivi termicamente, quindi gli impianti non si riscaldano o si raffreddano eccessivamente con la temperatura alla quale il paziente è esposto. Inoltre, il materiale è biocompatibile, rendendo possibili esami TC e RM dopo l’intervento chirurgico.

Commentando la strategia di Evonik di espandere le applicazioni ad alta tecnologia dei suoi materiali di produzione additiva, Thomas Grosse-Puppendahl, capo del settore di crescita dell’innovazione di Evonik, la produzione di additivi ha commentato “Le applicazioni mediche sono di particolare interesse e i nostri polimeri ad alte prestazioni si sono già dimostrati affidabili materiale per impianti in altre applicazioni come quella dentale. “

Evonik Venture Capital svolge un ruolo strategico nell’obiettivo di Evonik di diventare un’azienda chimica di specialità di prim’ordine, aiutando l’accesso sicuro alle tecnologie dirompenti e supportando la trasformazione digitale per l’azienda. Fin dalla sua istituzione nel 2012, Evonik Venture Capital ha investito in giovani aziende tecnologiche nei settori della sanità e dell’assistenza, dei materiali intelligenti, della nutrizione animale e degli additivi speciali. All’inizio del 2019, ha lanciato il suo secondo fondo di venture capital con un volume di € 150 milioni, più che raddoppiando l’importo gestito a € 250 milioni.

La società considera la Cina un mercato in crescita chiave, in quanto è la seconda più grande al mondo per impianti medici. Con la popolazione cinese e la crescita della classe media, Evonik ritiene che questi stimoleranno una domanda frenetica e stimeranno i tassi di crescita annuali per raggiungere il 10-15%.

Be the first to comment on "Evonik round di finanziamento per Meditool start-up di dispositivi medici a Shanghai"

Leave a comment