Evonik Industries 2.0

Evonik: il macchinario per la stampa 3D deve essere aggiornato con i materiali
Evonik Industries è la più grande azienda chimica specializzata nel mondo e non ha avuto paura di dedicarsi alla stampa 3D, collaborando con HP nello sviluppo di materiali di stampa 3D ad alte prestazioni. L’azienda è anche fornitore a lungo termine di polvere di poliammide per la sinterizzazione laser. Le polveri di poliammide PA 12 (PA2200) utilizzate sia da EOS che da 3D Systems provenivano entrambe da Evonik. Di recente, la società ha sviluppato una polvere PEBA per la sinterizzazione laser, la sinterizzazione ad alta velocità e il binder jetting. Il materiale flessibile consentirà ai produttori di creare strutture morbide come elementi di smorzamento, tubi, tubi e sigillanti, secondo Sylvia Monsheimer, Head of New 3D Technologies di Evonik. Evonik è pronta a consegnare anche altri materiali ad alte prestazioni, ma in primo luogo, ha detto Monsheimer, i macchinari di stampa 3D devono recuperare in termini di capacità produttiva.

“Perché la tecnologia decida davvero, la disponibilità delle macchine è fondamentale – e qui parlo di macchine in grado di produrre”, ha detto Monsheimer. “Evonik è pronto a fornire materiale dopo il decollo della stampa 3D.”
Potresti pensare “ma la stampa 3D non è già decollata?” Ha, ma in termini di diventare una tecnologia di produzione piuttosto che di prototipazione, sta ancora lavorando per superare la gobba, anche se ha fatto progressi. I materiali ci sono, ma è questione di sviluppare più velocemente più macchinari che possono stampare con questi materiali. Monsheimer sostiene che questo è il più grande ostacolo alla stampa 3D al momento.

“L’obiettivo [per i macchinari] sta cambiando da rapido ad affidabile ed economico”, ha affermato. “Il processo di stampa 3D deve essere incorporato nella catena di produzione; non può essere una situazione autonoma. Tutti i requisiti per una catena di produzione sicura e sostenibile devono essere soddisfatti. ”
Pensa, tuttavia, che la stampa 3D stia diventando la vera tecnologia di produzione, ed Evonik è pronta a diventare un importante fornitore per i produttori una volta che possono posizionarsi per la produzione.

“Oltre a soddisfare le esigenze tecniche, ha anche senso per noi offrire capacità di scalabilità, garanzia della qualità e affidabilità”, ha detto Monsheimer. “L’attività di produzione additiva di Evonik appartiene a uno dei quattro motori di crescita del gruppo, nonché a uno dei sei campi di crescita dell’innovazione all’interno dell’azienda di specialità chimiche. Il comitato esecutivo di Evonik è impegnato a sviluppare ulteriormente le nostre attività in PA [poliammide] 12 “.
All’inizio di quest’anno, Evonik ha aperto una nuova linea di produzione di polveri PA speciali presso il sito Marl Chemical Park in Germania, aumentando le capacità annuali dell’azienda per le polveri PA 12 del 50%. Ha inoltre aperto un centro di ricerca per temi di efficienza delle risorse a Singapore, espandendo la sua ricerca su argomenti come la produzione additiva e le superfici funzionali. Evonik non sta certamente assumendo un atteggiamento negativo nei confronti della stampa 3D – semmai, la società si sente molto positiva riguardo la tecnologia, semplicemente volendo vederla accelerare un po ‘più velocemente. E sta facendo la sua parte per aiutare la stampa 3D ad accelerare, continuando a lavorare con i clienti per sviluppare nuovi materiali che apriranno applicazioni avanzate.

“I progettisti stanno per esplorare strutture che non sarebbero state possibili prima”, ha detto Monsheimer. “Le caratteristiche del materiale non sono l’unica strada per ottenere le proprietà necessarie per un’applicazione – la struttura macroscopica può portarci anche lì”.

Be the first to comment on "Evonik Industries 2.0"

Leave a comment