Eric Klarenbeek e Maartje Dros e il biomateriale stampabile in 3d dalle alghe

I progettisti olandesi producono filamenti di stampa 3D ecologici da alghe essiccate e alghe marine

Il duo di designer olandese Eric Klarenbeek e Maartje Dros hanno creato un biomateriale  stampabile in 3d a base di alghe. Il nuovo filamento, che è attualmente presente nella mostra “Change the System” al Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam, potrebbe offrire un’alternativa ecologica ai materiali plastici fossili e a base di olio.

Klarenbeek e Dros, entrambi laureati presso la Design Academy di Eindhoven, hanno lavorato per lo sviluppo di un materiale polimerico sostenibile ed ecologico per molto tempo. Klarenbeek, da parte sua, ha lavorato allo sviluppo di biomateriali stampabili in 3D per almeno sei anni (ha anche creato la prima sedia stampata in 3D al mondo composta da funghi viventi ).

Ora, tuttavia, Klarenbeek e Dros stanno lavorando con un diverso tipo di materiale naturale per creare un biopolimero stampabile: le alghe. In breve, i progettisti hanno sviluppato un metodo per coltivare le alghe , asciugarle e trasformarle in un filamento stampabile in 3D.

Secondo i progettisti, questo eco-materiale potrebbe essere utilizzato per produrre una vasta gamma di prodotti comunemente usati, tra cui bottiglie per shampoo, bidoni della spazzatura, articoli per la tavola e altro. In definitiva, sperano di essere in grado di scalare il loro sistema di crescita delle alghe in modo localizzato, al fine di sostituire completamente le materie plastiche fossili e a base di olio.

In particolare, le alghe non solo presentano benefici ambientali perché sono naturali, ma sono anche in grado di filtrare l’anidride carbonica dall’atmosfera. Infatti, le alghe stessa crescono attraverso l’assorbimento di CO2.

Come spiega la coppia di designer, “Le alghe crescono assorbendo il carbonio e producendo un amido che può essere utilizzato come materia prima per bioplastiche o agenti leganti. Il prodotto di scarto è ossigeno, aria pulita. “E cosa è più ecologico dell’aria pulita?

“Come designer, non amiamo altro che produrre massa: prodotti e materiali”, hanno aggiunto. “Quindi, per noi è la formula d’oro. Tutto ciò che ci circonda, i nostri prodotti, case e automobili, può essere una forma di legame di CO2. Se pensiamo in questi termini, i produttori possono portare a una rivoluzione. Si tratta di pensare oltre l’impronta di carbonio: invece di emissioni zero abbiamo bisogno di emissioni “negative”.

La ricerca sui materiali innovativi, supportata da Wageningen University, Salga Seaweeds, Avans Biobased Lab di Breda e altre organizzazioni, è stata recentemente richiamata all’attenzione della Luma Foundation di Arles, in Francia, da tre anni.

Ora, Klarenbeek e Dros stanno dividendo il loro tempo di ricerca tra il loro laboratorio nei Paesi Bassi e il loro laboratorio di ricerca e produzione di alghe aperto presso la Fondazione Luma. Nei Paesi Bassi, i due stanno lavorando alla coltivazione delle alghe, mentre il laboratorio di Arles sta coltivando le alghe locali. Entrambi i materiali vengono utilizzati per produrre gli stessi prodotti, tuttavia.

“Entrambi hanno esattamente la stessa forma, ma sono realizzati con materiali locali. Questo è il cambiamento in cui crediamo; progettare prodotti distribuiti via internet, ma realizzati localmente “, hanno spiegato i progettisti.

Andando avanti, il team spera di stabilire quello che chiamano “3D Bakery”, che sarebbe essenzialmente una “rete locale di stampanti 3D biopolimeriche”. Un po ‘come gli hub 3D, ma solo per la stampa 3D a base di alghe ecocompatibile.

“La nostra idea è che in futuro ci sarà un negozio su ogni angolo di strada dove poter” cuocere “materie prime biologiche, proprio come il pane fresco”, ha detto Klarenbeek. “Non dovrai andare in zone industriali remote per acquistare mobili e prodotti delle catene multinazionali: la stampa 3D sarà la nuova arte e l’economia decentrata “.

Anche se potrebbe passare ancora un po ‘di tempo prima che i panifici 3D emergano, Klarenbeek sembra sicuro che possano diventare una realtà entro i prossimi dieci anni.

I designer stanno attualmente esibendo i loro campioni di alghe stampate in 3D al Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam. Come parte della mostra, Klarenbeek e Dros stanno addirittura crescendo alghe nello stagno del museo, che trasformeranno in un filamento e utilizzeranno per stampare in 3D una replica di un oggetto in vetro proveniente dal museo.

Se vi capita di essere nell’area di Rotterdam, la mostra è aperta fino al 14 gennaio 2018.

Be the first to comment on "Eric Klarenbeek e Maartje Dros e il biomateriale stampabile in 3d dalle alghe"

Leave a comment