Ergoterapia terapia occupazionale e la stampa 3d

Nel mondo della medicina, la stampa 3D si sta diffondendo su vari campi e settori, tra cui la terapia occupazionale (La terapia occupazionale (TO), definita anche ergoterapia, e in inglese occupational therapy, è una disciplina riabilitativa che utilizza la valutazione e il trattamento per sviluppare, recuperare o mantenere le competenze della vita quotidiana e lavorativa delle persone con disabilità cognitive, fisiche, psichiche ) . Ad esempio, molti professionisti del settore medico stanno scoprendo che le stecche o gli stampi stampati in 3D sono preferibili al gesso tradizionale, poiché consentono traspirabilità, comfort, leggerezza e vestibilità personalizzata. Inoltre, gli scanner 3D possono acquisire parti dell’anatomia umana che possono poi essere stampate in 3D per lo studio, la pratica o per la creazione di dispositivi personalizzati. Anche i contenitori per pillole possono essere personalizzati per ogni paziente utilizzando la stampa 3D.

C’è ancora molto potenziale per un ulteriore sviluppo della stampa 3D e della terapia occupazionale, e il Dipartimento di Terapia Occupazionale di Winston-Salem State University  (WSSU) sta esaminando le possibilità di stampa 3D nel dipartimento attraverso un nuovo progetto di curriculum di trasformazione. Il dottor Diego Herrera e il professore assistente Elizabeth Fain sono a capo del progetto, conducendo ricerche utilizzando una  stampante Ultimaker 3D che l’università ha recentemente acquistato con una borsa di Islamic Relief USA .

“Ci sono enormi implicazioni per l’uso della tecnologia di stampa 3D nella pratica della terapia occupazionale”, ha detto Fain. “Questa tecnologia emergente può produrre attrezzature, strumenti e protesi che sono personalizzabili e ad un costo molto inferiore. Pertanto, esporre la prossima generazione di professionisti OT alla sua potenziale applicazione è fondamentale ed è una tecnologia emergente che non viene offerta in molti programmi OT “.
Fain e Herrera hanno stampato in 3D più strumenti per aiutare i pazienti fino ad ora, tra cui apribottiglie per pillole, ganci a bottone e utensili per mangiare. Ogni articolo costa circa 25 centesimi per la stampa. Gli strumenti saranno offerti gratuitamente ai pazienti della Clinica di Terapia Occupazionale del programma, che ha sede presso il Community Care Center della Contea di Forsyth , la più grande e completa clinica gratuita del North Carolina.

Secondo Fain, l’obiettivo a lungo termine è quello di avviare le protesi di stampa 3D che possono essere offerte ai residenti non assicurati attraverso l’Helping Hands Organization e la Community Care Clinic. Gli studenti di terapia occupazionale iscritti al corso Advanced Topics saranno inoltre tenuti a creare un pezzo di attrezzatura adattiva stampata in 3D, a partire da questo autunno o la prossima primavera.

Ci sono molti dispositivi assistiti stampati in 3D disponibili online e molti di questi dispositivi sono stati realizzati attraverso le competizioni che sfida i partecipanti agli strumenti di stampa 3D per le persone con disabilità. Alcuni di questi strumenti sono stati progettati anche dai bambini. È diventato evidente che la stampa 3D può essere di grande beneficio nel campo della terapia occupazionale, ma non troppi programmi di terapia occupazionale si sono ancora concentrati molto sulla tecnologia. Fain, Herrera e il Reparto di Terapia Occupazionale presso la Winston-Salem State University sperano di cambiare la situazione mostrando ai pazienti e ai terapeuti quanto sia efficace, economica e accessibile la stampa 3D per la creazione di dispositivi assistivi. Essendo una delle poche scuole che offre un programma di terapia occupazionale a livello di master, WSSU è perfettamente in grado di aprire la strada incorporando nuove tecnologie nel campo.

Be the first to comment on "Ergoterapia terapia occupazionale e la stampa 3d"

Leave a comment