Ehi Model ! I modelli interattivi e modulari stampati in 3D che aiutano gli utenti non vedenti

I ricercatori australiani Samuel Reinders, Matthew Butler e Kim Marriott stanno esplorando i modi per migliorare gli strumenti stampati in 3D per le persone non vedenti o ipovedenti (BLV). Rilasciando i dettagli del loro studio nel ‘ Hey Model pubblicato di recente ! ” – Interazioni utente naturali e agenzia in modelli 3D interattivi accessibili “, i ricercatori discutono dei problemi che gli utenti BLV devono affrontare e quali cambiamenti li aiuterebbero, oltre a esplorare nuove funzionalità e modalità di interazione preferite.

La stampa 3D ha avuto un ruolo in una varietà di diversi progetti e programmi per le persone BLV negli ultimi anni: dal consentire loro di provare la gioia di ammirare l’ arte famosa alla creazione di sculture interattive e allo sviluppo di campagne per aiutare i bambini non vedenti ad imparare . E, sebbene alcuni programmi di stampa 3D siano incentrati sulla creazione di etichette in braille, in molti casi tali sforzi sono inutili in quanto così spesso i non vedenti non sanno nemmeno leggere il braille in modo fluido. Logicamente, le etichette audio sarebbero più utili, ma i ricercatori hanno capito la vera necessità di parlare con le persone BLV delle loro effettive preferenze per l’interazione.

Nella prima parte del loro studio, i ricercatori hanno tentato di capire quali tipi di strategie di interazione sono “più naturali”, usando una metodologia del Mago di Oz, usando un mago per offrire risorse uditive per il modello. Gli otto partecipanti sono stati in grado di interagire con i modelli 3D senza limiti tecnologici. Gli esperimenti sono durati da una a due ore, con i partecipanti che utilizzano i loro smartphone e Siri o Google per completare attività di lettura, risposta ai messaggi, chiamate, ricerca di percorsi di trasporto pubblico e persino richiesta di ascoltare battute.

Informazioni demografiche dei partecipanti

I sei modelli utilizzati sono stati scelti per variare nel dominio dell’applicazione, nel tipo di attività che potrebbero supportare e nella complessità. Complessivamente, consistevano in quanto segue, con almeno due partecipanti che esploravano ciascuno:

Due grafici a barre con barre rimovibili
Modello di una cellula animale
Mappa di un famoso parco pubblico di Melbourne
Mappa tematica dell’Australia
Modello di dissezione rana con organi rimovibili
Modello del sistema solare con pianeti rimovibili
“Questi erano destinati a suscitare i comportamenti di interazione desiderati quando i componenti venivano rimossi o riassemblati, nonché per determinare se i partecipanti rimossi i componenti per confrontarli”, hanno affermato i ricercatori.

Dopo aver interagito con i modelli, i partecipanti allo studio sono stati intervistati in merito ai loro pensieri e livelli di comfort con i modelli stampati in 3D, e gli è stato chiesto se sarebbero state utili “diverse capacità di agenzia”. Le interviste sono state memorizzate su una videocassetta, con filmati audio, tutti trascritti.

“L’uso di parti rimovibili, ove appropriato, si è rivelato una scelta chiave nel design”, hanno affermato i ricercatori. Le parti supportavano il confronto (come la dimensione dei pianeti) e creavano anche esperienze più avvincenti, “Essere in grado di raccoglierli? Sì, mi è piaciuto … Mi piace essere in grado di tenerli in termini di densità e dimensioni, è un po ‘difficile da dire quando non li raccogli. “

“Alcune scelte progettuali hanno causato confusione. Il più notevole è stata la mancanza di un equatore sulla Terra nel modello del sistema solare e l’inclusione dell’anello di Saturno, che era confuso per l’equatore della Terra. “

Il secondo studio era incentrato sulla convalida di un I3M più funzionale, integrando le tecniche di interazione e la funzionalità degli agenti dello studio precedente. Scegliendo di prototipare ulteriormente un modello, è stato scelto il sistema solare. Alla fine, come osservato dai ricercatori, il modello è stato “apprezzato immensamente da tutti i partecipanti” e un individuo ha dato input più specifici affermando di aver goduto di tale accesso a modelli educativi notevolmente e a causa della mancanza di accesso a tali risorse a scuola .

“In effetti sembrava esserci un gap di conoscenza riguardo al sistema solare con la maggior parte dei partecipanti che hanno utilizzato questo modello nello Studio 1”, hanno affermato i ricercatori.

Il modello del sistema solare è stato scelto poiché i ricercatori hanno capito che poteva essere utilizzato per:

Toccando gesti per estrarre informazioni uditive
Panoramica opzionale
Funzionalità On / Off
Etichettatura Braille
Interfaccia agente conversazionale
Intervento modello
I partecipanti si sono interfacciati con il modello, ispirato dall’interfaccia Apple nel dire “Hey Model!” (come in “Ehi Siri!”) prima di fare una domanda. Gli esperimenti sono durati da una a due ore, a seconda dell’entusiasmo del partecipante.

“Quando hanno parlato con il modello, i partecipanti lo hanno trattato come un agente di conversazione e hanno indicato di preferire modelli più intelligenti che supportano il linguaggio naturale e che, se del caso, possono fornire una guida all’utente”, hanno concluso i ricercatori. “I partecipanti desideravano essere il più indipendenti possibile e stabilire le proprie interpretazioni. Volevano iniziare interazioni con il modello e generalmente preferivano un’agenzia di modelli inferiori. Tuttavia, volevano che il modello intervenisse se facevano qualcosa di sbagliato, come posizionare un componente nel posto sbagliato.

“Tali agenti conversazionali fisicamente incorporati sollevano molte interessanti domande di ricerca, tra cui la loro agenzia percepita, l’autonomia e l’accettazione da parte dell’utente finale. Ci sono anche molte domande a cui rispondere su come implementare tali agenti. Uno degli obiettivi principali della nostra ricerca futura sarà quello di progettare e costruire un prototipo completamente funzionale, condurre valutazioni degli utenti più estese con una varietà di modelli, comprese le mappe, ed esplorare se le preferenze dell’agenzia di modelli differiscono con l’età e l’ambiente “.

Be the first to comment on "Ehi Model ! I modelli interattivi e modulari stampati in 3D che aiutano gli utenti non vedenti"

Leave a comment