EDG lo studio di architettura di New York e le applicazioni di stampa 3d nei restauri

Lo Studio di architettura e ingegneria EDG , con sede a New York, progetta nuovi edifici, ristrutturazioni e progetti di restauro. Ora, l’azienda sta studiando le diverse funzionalità che la stampa 3D può apportare al suo settore. Negli ultimi cinque anni, EDG ha ricercato la possibile combinazione di fusione di calcestruzzo e stampa 3D per creare stampi personalizzabili.

John Meyer, fondatore e Managing Partner dell’azienda, è stato ispirato a esaminare le applicazioni per la tecnologia durante i primi passi della stampa 3D nel settore dell’architettura. Usando una MakerBot Replicator Z18 , Meyer e il resto del team di EDG, che ora ha 30 impiegati, ha iniziato la prototipazione e la ricerca.

Nei suoi 12 anni di attività, l’azienda guidata dalla tecnologia ha completato 2.650 progetti, più di 300 dei quali si sono svolti lo scorso anno. L’azienda è specializzata in layout e codice dell’edilizia, restauro, scienza dei materiali, ingegneria strutturale e progettazione architettonica, tra le altre cose. Nell’investigare la stampa 3D, l’obiettivo era di passare oltre usando la tecnologia solo per costruire piccole parti che erano delicate e fragili, mettendole a funzionare con applicazioni del mondo reale.

Concentrandosi su qualcosa di diverso dalle solide parti stampate in 3D, il team di ricerca della società si è concentrato sulla possibilità di utilizzare la stampa 3D per fabbricare stampi in calcestruzzo complessi. Una volta che EDG ha capito come applicarlo correttamente, le implicazioni di questa decisione sono cresciute. La compagnia sapendo che la 574 Fifth Avenue, un edificio degli anni ’40 con intricati ornamenti, doveva essere demolito e  ha deciso che il progetto di restauro diventasse un caso di studio, che era, come dice The Architects Newspaper , “un perfetto suggerimento per pensare a modi alternativi per ripristinare e preservare dal deterioramento degli ornamenti “.

“Il restauro degli edifici è un settore specializzato, che richiede una conoscenza approfondita delle tecniche di costruzione storiche”, si legge nel sito web di EDG. “Dalla costante osservazione del fallimento, arriva la nostra progettazione di riparazioni.

“Il nostro personale ha esperienza con tutti i tipi di costruzioni, permettendoci di progettare riparazioni pratiche ed economiche. Combiniamo la nostra esperienza con gli ultimi progressi della tecnologia per identificare con precisione l’entità del danno esistente senza congetture. Con i costi di costruzione spesso più di dieci volte la nostra tariffa di progettazione, cerchiamo sempre di aggiungere valore e risparmiare denaro, coprendo le nostre commissioni su ogni progetto. ”

EDG ha ricercato lo spessore e i materiali di uno stampo su un tetto vicino al suo ufficio e alla fine ha trovato la giusta combinazione di resistenza, materiale ed efficienza dei costi per l’edificio. La plastica stampata in 3D che l’azienda ha creato è intarsiata con una rete metallica tagliata al laser e le staffe aiutano a rafforzare il cast. Inoltre, l’azienda ha progettato un semplice sistema di connessione delle piastre, che è formato nell’area stampata in 3D per un semplice collegamento alla facciata dell’edificio.

La società ha deciso di non utilizzare la stampante MakerBot 3D per il prototipo finale, chiamando invece su voxeljet e la sua stampante 3D VX1000 per produrre gli stampi di fusione, che sono stati creati internamente utilizzando il calcestruzzo Sika.

Mentre la loro ricerca ha aperto molte implicazioni positive per il futuro della conservazione storica, ha anche molte possibilità per la progettazione e la costruzione di facciate. EDG ha dichiarato che i progettisti possono utilizzare la stampa 3D per modellare e modellare “elementi costruttivi in ​​dettagli senza precedenti”.

L’azienda continua con la sua innovativa ricerca sulla stampa 3D e ha già due nuovi progetti su cui sta lavorando. Uno di questi è un progetto plurifamiliare a Brooklyn e, insieme al secondo progetto, utilizzerà la stessa metodologia originale, ma “attraverso un obiettivo più contemporaneo”.

Meyer ha dichiarato: “Questa tecnica consente più trame, finiture, forme fluide e pattern unici che è possibile ottenere solo quando non si paga per un modulo prefabbricato.”
Meyer e il resto del team EDG stanno attualmente costruendo la propria stampante 3D personalizzata che sarà più adatta per i limiti di materiale e dimensioni dell’azienda. Inoltre, l’azienda sta pianificando un concorso di design, in cui i partecipanti potranno trovare i possibili usi per la loro nuova tecnica sulle facciate architettoniche. Ciò contribuirà ad aprire il processo di progettazione della facciata a designer che lavorano in settori diversi dall’architettura.

Be the first to comment on "EDG lo studio di architettura di New York e le applicazioni di stampa 3d nei restauri"

Leave a comment