ECCO QUANT-U scarpe stampate 3D personalizzate ad un nuovo livello

Il marchio di calzature ECCO esplora scarpe stampate 3D personalizzate nel progetto pilota QUANT-U

Il famoso marchio di calzature danese ECCO sta portando il suo design di scarpe a nuove altezze tecnologiche con il suo nuovo progetto pilota, QUANT-U. Il progetto, che riunisce la scansione 3D e la stampa 3D per calzature personalizzate, viene lanciato nel concept store EC-21  di Amsterdam nei Paesi Bassi questo aprile.

Le calzature stampate in 3D non sono esattamente un concetto nuovo, in quanto start-up come  Feetz e produttori di sneaker affermati come Adidas hanno lavorato con la tecnologia per anni. Eppure, vedere la tendenza crescere e farsi prendere da altri marchi di calzature riconosciuti è sempre emozionante.

ECCO, noto per le sue scarpe di qualità e articoli in pelle, è l’ultima azienda a indagare il potenziale delle calzature stampate in 3D. La ragione principale per farlo, come la maggior parte degli altri progetti di scarpe stampate in 3D, è offrire ai clienti la possibilità di personalizzare completamente le loro calzature.

Il progetto pilota di scarpe con stampa 3D QUANT-U, riunito da Innovation Lab ECCO (ILE), è in grado di produrre un paio di scarpe personalizzate sul posto in poche ore. Un gruppo selezionato di persone sarà in grado di vedere il processo di prima mano quando ECCO avvierà il sistema ad Amsterdam il prossimo mese.

“Nel corso della mia esperienza nel design e nell’ingegneria delle calzature, il concetto di vestibilità perfetta, dinamica perfetta e prestazioni eccellenti è stato per lungo tempo un’ossessione”, ha affermato Patrizio Carlucci, responsabile di ILE. “Con QUANT-U ora stiamo unendo le tecnologie del futuro per personalizzare la funzionalità e il comfort delle calzature senza interferire con la sua estetica.”

Come funzionerà il sistema di scarpe personalizzate ECCO? Bene, l’azienda ha definito il processo suddividendolo in tre semplici passaggi: analisi in tempo reale, progettazione basata sui dati e stampa 3D in negozio.

Il primo passo, l’analisi in tempo reale, consiste nell’utilizzare una scansione 3D anatomica e dati di sensori per catturare l’impronta digitale dell’utente. Questo passaggio, afferma ECCO, può essere completato in soli 30 secondi e fornirà informazioni essenziali sull’adattamento ortottico specifico dell’utente e sul modo in cui si muovono.

La tecnologia di scansione e sensori 3D utilizzata da ECCO è stata sviluppata in collaborazione con Cambridge Design Partnership, del Regno Unito, che l’ha aiutata a realizzare un sistema di sensori indossabili su misura. ECCO spiega: “I sensori misurano una moltitudine di dati utilizzando giroscopi, sensori di pressione e accelerometri, oltre a temperatura e umidità all’interno della scarpa, per creare un’immagine della firma dell’andatura di un individuo.”

Con questi dati biomeccanici in mano, ECCO può quindi generare un modello 3D di intersuola personalizzata per chi lo indossa. Il software utilizzato per generare le intersuole personalizzate è stato sviluppato in collaborazione con FashionLab di Dassault Systèmes e utilizza le simulazioni strutturali e di apprendimento automatico per trovare la soluzione ideale.

“La piattaforma 3DEXPERIENCE basata su cloud interpreta i dati biomeccanici in geometrie per la stampa 3D”, ha aggiunto l’azienda. “I progetti generativi sono convalidati tramite simulazioni FEA per garantire funzionalità superiori.”

Quando questa fase di progettazione è completa, ECCO è quindi pronto per stampare in 3D le intersuole utilizzando un sistema di produzione additivo RepRap tedesco personalizzato. La stampante 3D, che opera in negozio, sarà in grado di produrre le intersuole su misura in poche ore. Le stesse intersuole verranno stampate da un materiale a base di silicone specializzato sviluppato dalla Dow Chemical Company.

“Vediamo un sacco di attività sul tema delle calzature stampate in 3D senza una solida soluzione per una vera personalizzazione di massa da parte dei concorrenti”, ha commentato Carlucci. “La produzione additiva offre la possibilità di creare parti su misura in serie, ma questo è raramente tradotto in un prodotto di consumo; molto probabilmente a causa della complessità dei modelli 3D e della mancanza di dati di misurazione per cominciare.

“Per risolvere questo problema, ci siamo concentrati pesantemente sull’acquisizione digitale e sull’interpretazione del movimento e dei dati ortesi, quindi ci siamo assicurati che questa esperienza non sarebbe stata più complicata che provare una scarpa nel negozio e camminare per alcuni minuti. Abbiamo veramente tradotto oltre 50 anni di esperienza nella produzione di scarpe in un algoritmo “.

Come già accennato, ECCO lancerà il suo progetto pilota QUANT-U ad aprile nel suo concept store W-21 ad Amsterdam. Per una settimana, un pubblico selezionato sarà in grado di vedere la tecnologia di stampa 3D in azione.

Be the first to comment on "ECCO QUANT-U scarpe stampate 3D personalizzate ad un nuovo livello"

Leave a comment