DyeMansion Vaporfuse Surfacing (VFS) e PolyShot Surfacing (PSS)

DyeMansion sta introducendo nuovi coloranti e materiali colorati nel suo portafoglio e una tecnologia che afferma di poter ottenere superfici che rivaleggiano con le parti stampate ad iniezione, denominate Vaporfuse Surfacing (VFS).
DyeMansion , la società additiva di sistemi di finitura per la produzione, insieme a centinaia di altre aziende di stampa 3D, questa settimana si è accampata al Formnext 2018 per mostrare i suoi ultimi sviluppi.

In primo luogo, dall’azienda tedesca proviene una maggiore varietà di colori per i suoi colori e materiali di finitura. L’azienda mira a fornire ai clienti il ​​maggior numero possibile di prospettive.

DyeMansion incoraggia le persone a “entrare nel futuro colorato dei prodotti stampati 3D” presso Formnext per verificare l’ultima gamma di colori e le possibilità di finitura completamente nuove.

Tuttavia, è in mostra anche una nuova tecnologia sviluppata internamente per ottenere superfici che, secondo lui, possono rivaleggiare con le parti stampate ad iniezione, denominate VaporFuse Surfacing (VFS). È la prima tecnologia a vapore pulito per le parti stampate in 3D.

“Noi, come DyeMansion, crediamo che il futuro della produzione additiva, ora dove sono disponibili diverse tecnologie, riguardi la finitura appropriata per le parti e le applicazioni finali finali, che sfruttano appieno AM. La collaborazione con i produttori di stampanti dimostra che DyeMansion sta diventando sempre più una piattaforma per esattamente quelle applicazioni. Pertanto, lavoriamo costantemente all’ampliamento del nostro portafoglio con nuovi sistemi e tecnologie “, afferma Felix Ewald, CEO e co-fondatore di DyeMansion.

VaporFuse Surfacing funziona con un solvente che DyeMansion assicura è sicuro da usare nell’industria. Al termine di questo processo, le stampe risultanti sono quindi lisce e lucide.

“La forza trainante del nostro VaporFuse Surfacing è un’energia di superficie ridotta. Durante  il processo, la superficie viene dissolta mediante vapore condensato. Pertanto, le catene polimeriche  hanno una mobilità sufficientemente elevata e si riorganizzano in superficie. La superficie complessiva  e l’energia di superficie sono ridotte. Contemporaneamente, la parte viene levigata. Dopo aver  rimosso il solvente, il polimero si indurisce di nuovo. La nostra tecnologia VaporFuse consente  di ottenere parti stampate in 3D con una superficie liscia e chiusa ” , afferma la dottoressa Alena Folger, Chimica R & D di DyeMansion.

Questa tecnologia sarà integrata nel flusso di lavoro Print-to-Product già stabilito. Inoltre, l’azienda aggiunge che consentirà una maggiore diversità di materiali, come TPU e altri materiali morbidi.

Gli utenti della stampa 3D potranno ora scegliere tra le opzioni di superficie PolyShot Surfacing (PSS) o VaporFuse Surfacing (VFS), a seconda di quale si adatta meglio alle loro esigenze. DyeMansion crede che offrendo un processo meccanico o chimico, essi offrono ai clienti una vera libertà di design.

PolyShot Surfacing (PSS) fornisce agli utenti standard e finiture di alta qualità per le parti in polimero stampate in 3D negli ultimi anni. Offre un’elevata resistenza ai graffi e un aspetto opaco e lucido.

Tuttavia, VaporFuse Surfacing differisce dal fatto che può raggiungere superfici lisce e lucide, ma anche idrorepellenti. Gli usi per questa finitura potrebbero essere nel settore medico, sportivo o della moda.

Be the first to comment on "DyeMansion Vaporfuse Surfacing (VFS) e PolyShot Surfacing (PSS)"

Leave a comment