Dora Goodman e le macchine fotografiche analogiche da stampare in 3d open sources

Telecamere e accessori analogici stampati in 3d  Open Source 3D, creati da Dora Goodman

Essendo cresciuto come parte di quella che a volte viene chiamata la “Oregon Trail generation” – la più antica dei millennial – ho scattato la maggior parte delle mie foto con una vera cinepresa, e non con uno smartphone. Nel mio ufficio a casa, ho una piccola libreria piena di album fotografici e scatole piene fino all’orlo di immagini che non sono ancora state trasformate in un album. Mentre amo e apprezzo il mio attuale iPhone e la sua eccellente fotocamera, ho sempre pensato che ci fosse qualcosa di magico nel catturare un momento, averlo sviluppato o stampato, e poi essere riuscito a tenere quel momento nella tua mano.

Tuttavia, il tempo continua e, come nel caso di molte altre tecnologie precedenti, la stampa 3D si sta fondendo con la fotografia per rendere possibili ogni tipo di innovazione, come fotocamere 3D , nuovi strumenti e accessori per fotocamere stampate in 3D . Ma ciò non significa che la fotografia analogica sia morta.

Dora Goodman produce fotocamere stampate 3D open source artigianali, insieme a cinturini per fotocamere e altri progetti di fotocamere open source, come una borsa fotografica.

“In quei giorni tutto era stato creato per durare e servire per tutta la vita. Personalizza capi su misura che potrebbero servire per decenni, mentre le telecamere analogiche sono state progettate per sopravvivere anche ai loro proprietari “, afferma Goodman sul suo sito web. “Al contrario, al giorno d’oggi in un mondo così accelerato, sembra che stiamo vivendo nel momento in cui i prodotti vengono sostituiti ogni anno o giù di lì secondo una direzione attualmente in trend. Eppure, mentre sia il nostro punto di vista che il risultato finale possono evolversi costantemente, la fotografia analogica è rimasta una catena che ci lega alla permanenza attraverso la nostra connessione immutabile alla nostra macchina fotografica.

“Con l’aiuto dei miei prodotti, cerco di trasmettere la mia prospettiva e il modo in cui visualizzo l’atemporalità della fotografia analogica”.
Con Goodman Lab , un team di appassionati di design e fotografia locale, fa parte di un movimento dedicato alla realizzazione di progetti open source 3D di alta qualità e stampabili. Ora, Goodman vuole condividere i suoi concetti e idee con i creatori di tutto il mondo.

“Ho lavorato alla creazione di progetti open source che ora mi piacerebbe condividere con quanti più appassionati e creatori di fotografia possibile”, ha dichiarato Goodman a 3DPrint.com. “Fornisco i file necessari e la pianificazione / progettazione per questo, quindi sarebbe fondamentalmente disponibile per chiunque abbia accesso a una stampante 3D.”
Il primo di questi progetti open source è la fotocamera Goodman One , su cui Goodman ha lavorato negli ultimi due anni.

“L’essenza di fondo era il sogno di vestire il classico medio / grande formato in un nuovo look moderno, pur rimanendo nella traccia di permettere qualche esperimento, giocosità e mobilità”, ha scritto Goodman.

“Volevo realizzare una fotocamera modulare che accetti facilmente gli obiettivi con otturatore a lame e che consenta più tecniche di fotografia, sia sul collodio a piastra umida che sul dorso digitale.”

Goodman spera di condividere la videocamera open source con chiunque abbia accesso a una stampante 3D. Mentre sta prendendo donazioni per “migliorare costantemente il Goodman One”, Goodman realizzerà gratuitamente i piani di stampa 3D per Goodman One e i suoi accessori in futuro.

” Ho caricato la semplice versione M3 e la versione BRASS leggermente più complicata della fotocamera. C’è anche una rivista cinematografica Roll e un vetro smerigliato nella cartella degli accessori “, ha scritto Goodman.

“Molto presto condividerò il mirino ottico, l’adattatore per otturatore a lamelle, attacco per flash freddo, fermacavo per otturatore, supporto per pellicola in fogli, taglierina per pellicola, supporto per pellicola per il serbatoio dello sviluppatore, attacco per cinghia fotocamera e la versione GOODMAN ONE IGUS.”
Usando le istruzioni di assemblaggio di Goodman, i produttori possono creare la fotocamera 3D stampabile così com’è, apportare qualche ritocco ad essa, o addirittura riprogettare l’intera faccenda e trasmetterla ad altri.

“Ho già progettato un film in rotolo e un foglio di pellicola posteriore, mirini, attacco per flash freddo e un paio di altri accessori da attaccare, ma vorrei sfidare tutti i produttori là fuori per andare avanti e sviluppare ulteriormente la fotocamera”, Goodman ha scritto. “The Goodman One potrebbe quindi essere un dispositivo quasi libero ma piuttosto leggero e resistente che consente la libertà creativa per qualsiasi fotografo sperimentale.”
Goodman dice che ha caricato una “prima sfida” sul suo sito per aiutare i produttori a iniziare con il loro Goodman One. La sfida include le impostazioni della stampante, una moltitudine di file e “una nota dettagliata su entrambe le particelle necessarie e la procedura necessaria per mettere insieme la fotocamera”.

Di recente, Goodman ha anche lanciato Goodman AA (Art Adapter), il suo secondo progetto di videocamera open source. L’AA è un adattatore DOF stampabile 3D che funziona con qualsiasi smartphone e viene fornito con uno schermo di proiezione sostituibile.

Secondo il sito Web di Goodman, “Offre una grande flessibilità creativa, inoltre è molto facile da assemblare”.

Be the first to comment on "Dora Goodman e le macchine fotografiche analogiche da stampare in 3d open sources"

Leave a comment