Division By Zero e la tecnologia brevettata AFPM Advanced Fusion Plastic Modeling

Division By Zero è  una società indiana di stampa 3d : con il sistema brevettato AFPM Advanced Fusion Plastic Modeling che dovrebbe sostituire la tecnologia FDM

E’ un nuovo processo di fabbricazione additiva in grado di controllare con precisione la temperatura e il flusso di materiale.

Division By Zero ha integrato l’ AFPM nella sua massiccia stampante 3D Aion 500

Division By Zero da alcuni anni, fornisce alcune delle più avanzata tecnologia di stampa 3D del suo paese, sotto forma delle sue stampanti 3d Accucraft, Aion, e Aeqon , e dei suoi materiali di stampa. L’azienda adesso si merita anche un posto nella storia della stampa 3D dell’India, dopo aver brevettato il primo processo di stampa 3D dell’India. Presentato come una forma più precisa,più dinamica e affidabile di stampa 3D con la  plastica del Fused Deposition Modeling (FDM), L’Advanced Fusion plastica Modeling (APFM) utilizza variazioni di temperatura per la produzione di parti in plastica di alta qualità, e potrebbe presto cominciare a sostituire il FDM tradizionale sia in India che all’estero.

Secondo Division By Zero, la sua tecnologia di stampa APFM 3D è stata creata appositamente per risolvere i problemi insiti in altri processi, tra cui la stampa 3d metal. Il comunicato stampa della società afferma: “le tecnologie additive quali SLS, FDM, e FFF sono d’uso comune da qualche tempo e, al momento, sembra che siao qui per rimanere. La maggior parte delle macchine oggi supportao queste tecnologie e questo  ha una correlazione diretta con la loro popolarità.

Molti utenti di stampanti 3D  giurano che la FDM potrebbe contestare l’affermazione come “la qualità è compromessa e manca la finitura,” almeno nelle macchine di fascia alta, ma Division By Zero  sostiene tuttavia che si può fare di meglio. In particolare, il processo di stampa APFM 3D depone la plastica in un modo alquanto diverso dalle FDM, controllando la temperatura e la portata del materiale di costruzione in funzione della geometria del pezzo. Questo, secondo Division By Zero, aiuta a migliorare la forza, la precisione e la duttilità dei prodotti.
In un libro bianco sul dettaglio della tecnologia APFM, Division By Zero spiega come lavora la temperatura e la tecnologia del flusso di lavoro: “Questa tecnologia per Division By Zero si basa fortemente su automazione intuitiva e sull’applicazione intelligente del software che stabilisce automaticamente le potenziali insidie, adotta misure correttive, e minuziosamente calibra l’estrusore per ottimizzare il movimento e il flusso per fornire una qualità di uscita di gran lunga superiore a tutte le altre tecnologie FDM e FFF  attualmente disponibili nel mercato sulle . ”

Se questo non dipinge un quadro abbastanza chiaro di ciò che per Division By Zero è tutto, la start up di stampa 3D con sede a Mumbai ha distillato il suo processo di stampa APFM 3D nelle sue tre caratteristiche più importanti: il riconoscimento della  dimensione dello strato, del tratto e della stima della temperatura e del controllo; cotrollo della deposizione del materiale; e riparazione del fallimento di estrusione e controllo. Queste caratteristiche vengono utilizzate per regolare dinamicamente le impostazioni della stampante in risposta alla forma e al livello di complessità nello strato nella specifica fase di stampa, e Division By Zero sostiene che questo approccio dinamico offre notevoli risultati in termini di resistenza, resistenza allo stress, e per l’aspetto finale.

Il primo passo del processo APFM, il riconoscimento della caratteristica e delle dimensioni dello strato e la stima della temperatura e il controllo, coinvolge il software e la lettura di vari aspetti della stampa, come la lunghezza e la temperatura dello strato incorporato nel gcode, e  lavora con il controller PID e il riscaldatore per portare l’estrusore alla temperatura ottimale.

Durante la seconda fase del processo di stampa APFM , la stima del materiale e il controllo di deposizione del flusso, il software determina la lunghezza e la frequenza dello strato incorporato nel gcode influenza la subroutine di controllo di flusso , migliorando la circolazione di estrusione per la deposizione di materiale accurata.

Nella terza ed ultima fase del APFM, in caso di insufficienza di estrusione la riparazione e il  controllo, il software  legge aspetti quali la lunghezza e la lunghezza di estrusione per la riga corrente per controllare la quantità di materiale che viene utilizzato dalla macchina. Sulla base di queste informazioni, la macchina può eseguire test diagnostici per riparare gli errori o per salvaguardare la testina di estrusione per avvisare l’utente con un messaggio di errore.

Division By Zero riconosce che la sinterizzazione laser selettiva  Selective Laser Sintering (SLS) della Stampa 3D, è una tecnologia consolidata per la stampa con polveri metalliche, è anche in grado di produrre  parti precise e robuste. Dato però il cartellino del prezzo delle stampanti SLS 3D, la start up indiana ritiene che la sua tecnologia APFM offra agli utenti di stampanti 3D una più ragionevole opzione di qualità

La tecnologia APFM è stata integrata da Division By Zero  nella linea di stampanti 3d di grandi dimensioni  Aion 500 (500 x 500 x 500 mm volume di costruzione) , macchine di livello industriale che sono state adottate da aziende tecnologiche e studi di progettazione in India. Aion 500 raccomanda che la tecnologia  APFM potrebbe essere utilizzata per tutte le applicazioni in cui lo sviluppo del prototipo è fatta su base giornaliera, e stima che la tecnologia possa stampare a partire da 9 centesimi di dollaro per centimetro cubo.

 

Be the first to comment on "Division By Zero e la tecnologia brevettata AFPM Advanced Fusion Plastic Modeling"

Leave a comment