Darren Lomman e l’impresa sociale GreenBatch contro la plastica negli oceani

Il 34enne nativo di Perth, Darren Lomman, ha iniziato la sua prima avventura quando aveva solo 19 anni, mentre studiava ingegneria meccanica presso la University of Western Australia ( UWA ). Ha lanciato una iniziativa no-profit chiamata Dreamfit, che sviluppa attrezzature per aiutare a migliorare la mobilità delle persone con disabilità.

Lomman, che ha vinto il  WA Young Australian dell’Anno 2007  per il suo lavoro con Dreamfit, è stato amministratore delegato dell’organizzazione per 15 anni, e ha ricoperto il ruolo di capo del design e dell’innovazione quando è stato acquisito tre anni fa da Ability Center, che fornisce servizi e supporto per le persone disabili in WA. Ma presto fu pronto per iniziare una nuova avventura, preferibilmente coinvolgendo la stampa 3D.

Lomman ha detto: “Dreamfit era diventato così grande che non aveva più bisogno di me, così ho deciso di slegare le mie ali imprenditoriali.

“Avevo una tela bianca e potevo dipingere la mia vita”.
Poi, nel dicembre 2016, Lomman ha visto quello che per lui era un annuncio televisivo che cambiava la vita per le bottiglie d’acqua riutilizzabili, secondo cui entro la fine del 2050, nei nostri oceani ci sarà più plastica che pesce .

Lomman ha detto: “La mia prima reazione è stata che sembrava inverosimile.

“L’ho cercato e ho scoperto che in realtà si basa sulla ricerca scientifica. Ho una figlia di 2 anni – è questo il tipo di eredità che stiamo lasciando ai nostri figli? ”
Come molti altri, Lomman separa i suoi rifiuti e quindi i suoi oggetti riciclabili vanno nel posto giusto. Ma dopo aver visto la pubblicità e aver iniziato a formare un piano per la sua prossima avventura, ha avuto difficoltà a trovare un impianto di riciclaggio di plastica nel suo stato. Ha anche visitato un impianto di recupero dei materiali e ha chiesto dove sono stati inviati i materiali per il riciclaggio.

Lomman ha spiegato: “È stato allora che ho scoperto la verità dietro la nostra industria del riciclaggio.

“[La plastica] viene messa su una nave e  venduta attraverso il mercato internazionale dei rifiuti  a chiunque la comprerà. Abbiamo zero rielaborazione in WA. ”
Alla ricerca di un impianto di riciclaggio PET in tutto il continente, Lomman ne ha trovato uno solo nel Nuovo Galles del Sud e ha riciclato solo una parte delle materie plastiche dello stato.

Lomman disse: “Non una singola bottiglia che ho messo in un cestino per il riciclaggio è mai stata riciclata in Australia.

“Sentivo che ci avevano mentito. Ho solo pensato, come diavolo non ci siamo occupati di questo? ”
Quindi Lomman ha deciso di fare la differenza da solo: convertendo i rifiuti di plastica in filamenti di stampanti 3D. Anche se questa non è una nuova idea , è sicuramente utile quando si parla di ambiente.

Quando la sua idea di creare una macchina desktop in grado di distruggere e fondere le bottiglie di plastica per creare un filamento si è rivelata troppo costosa, ha invece lanciato l’impresa sociale GreenBatch , che sta lavorando per costruire un sistema che rielaborerà le bottiglie di plastica nel filamento. Vai alla grande o vai a casa, giusto?

Lomman e GreenBatch stanno costruendo un impianto di riciclaggio su scala industriale e una rete di scuole secondarie nell’Australia occidentale raccoglierà la plastica e la invierà alla struttura. Quindi, una volta che i rifiuti di plastica sono stati trasformati in filamenti, verrà restituito alle stesse scuole per l’utilizzo in progetti di stampa 3D educativi.

Il piano originale prevedeva che la pianta producesse 300 kg di filamenti alla settimana con plastica riciclata, ma poiché GreenBatch ha iniziato a ricevere più offerte di supporto e assistenza, Lomman ha previsto che l’impianto finirà col riciclare circa 131 milioni di bottiglie di plastica all’anno.

Lomman ha dichiarato: “Dato che ho più sostenitori a bordo, stiamo ridimensionando l’impianto a 300 kg [di filamento] all’ora.

“Dovremo creare altre linee di prodotti e continueremo finché una bottiglia in PET non esce dalla riva dell’ON, perché in quale altro modo possiamo garantire che la plastica non finirà in un inceneritore di rifiuti o in un discarica o un fiume che alimenta i nostri oceani? ”
Lo scorso ottobre, Lomman ha lanciato una campagna di crowdfunding di un mese per aiutare a far decollare GreenBatch e ha raccolto $ 70.000, che secondo lui è “una delle più grandi campagne di crowdfunding che escano da WA”.

Lomman ha spiegato: “Non volevo prendere gli investitori commerciali a bordo con questo.

“Voglio che sia guidato dai guadagni ambientali per la comunità”.
WorleyParsons sta contribuendo in modo pro bono al progetto dell’impianto, mentre UWA ha dato a Lomman l’accesso alla sua rete, agli uffici, ai terreni per costruire l’impianto e otto studenti stagisti.

“Darren è venuto da noi quando il business era in uno stadio nascente e noi eravamo come, ‘wow’. Riteniamo che GreenBatch diventerà grande molto rapidamente “, ha dichiarato Kent Anderson, vice-cancelliere dell’UWA.
Se ha successo con una recente domanda di sovvenzione, Lomman potrebbe persino riuscire a guadagnare presto uno stipendio. L’impianto di riciclaggio dell’impresa è ancora in fase di progettazione, ma dovrebbe essere operativo entro luglio 2019 e Lomman è “sopraffatto” dal sostegno della comunità che sta ottenendo.

Lomman ha detto: “Un sacco di gente dice che questa dovrebbe essere la responsabilità del governo.

“Alzai la mano e dissi: ‘Ehi, non aspetterò. Sto facendo qualcosa al riguardo. ‘

“Ci vuole determinazione risoluta a combattere tutti gli oppositori e le persone che non rispondono perché non è sul loro radar”.

“Ma lo sto spingendo e lo sto guidando. Non posso farlo da solo, ma quello che posso sperare è ispirare gli altri ad unirsi a me. ”

Per ora, sta continuando a costruire la rete di supporto di GreenBatch, e questa estate ha collaborato con il progetto Million Waves – un’altra organizzazione che utilizza la stampa 3D per ridurre la quantità di rifiuti di plastica nei nostri oceani. GreenBatch sta anche lavorando con 50 scuole secondarie in tutta WA, con l’obiettivo di aumentare tale numero a 300 l’anno prossimo. Secondo l’insegnante di scienze del Santa Maria College Hannah Fay, gli studenti che lavorano con GreenBatch stanno “imparando lezioni importanti dal loro coinvolgimento”.

Fay ha spiegato: “Dal punto di vista dell’istruzione, GreenBatch non solo mostra agli studenti l’importanza di considerare il loro impatto ambientale, ma li incoraggia anche a guardare oltre la carriera standard e in ruoli più innovativi.”

Be the first to comment on "Darren Lomman e l’impresa sociale GreenBatch contro la plastica negli oceani"

Leave a comment