Danish University riciclare i rifiuti di plastica in un prodotto a filamento standard per mettere fine al Far West della stampa 3d

LA TECNOLOGIA DI RICICLAGGIO DELLA PLASTICA DELLA DANISH UNIVERSITY SPERA DI PORRE FINE ALLA STAMPA 3D “WILD WEST”

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Aarhus, in Danimarca, vuole rivoluzionare l’uso della plastica nella stampa 3D. L’obiettivo è riciclare i rifiuti di plastica in un prodotto a filamento standard poiché l’industria non ha gli standard del filamento di qualità di stampa – afferma il professore e esperto di materie plastiche Mogens Hinge. L’università sta collaborando con la società di riciclaggio della plastica Aage Vestergaard Larsen A / S e il progetto ha già ricevuto finanziamenti per 84.000 EUR.

L’industria della stampa 3D ha chiesto al professor Hinge ulteriori dettagli.

“L’industria è un selvaggio West per gli utenti”

Secondo il professore, la necessità della riforma è dovuta alla crescente necessità di filamenti di stampa 3D, poiché l’industria è in rapida crescita e la pratica dell’uso della plastica è spesso ad hoc e priva di standard. Questo rende l’industria come il “selvaggio West” per gli utenti, afferma Hinge.

“IL PROBLEMA SORGE DALL’USO DISINTERESSATO DELLA PLASTICA PER IL FILAMENTO DELLA STAMPANTE 3D E DAL NON DIMENSIONAMENTO DEI COMPONENTI IN RELAZIONE AL MATERIALE, COME È ALTRIMENTI PRATICA NEL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE.”

La qualità del filamento è imprevedibile?

Secondo Hinge, il filamento per la stampa 3D può variare in termini di qualità, anche se il prodotto è realizzato con lo stesso tipo di plastica e proviene dallo stesso fornitore. Spiega le sue preoccupazioni attraverso l’analogia della produzione di legname. Poiché la resistenza e la densità possono differire nel caso di assi di legno, realizzate con lo stesso processo e con lo stesso tipo di albero, così possono esserci variazioni da lotto a lotto durante la produzione di plastica.

Hinge afferma: “Anche se acquisti un filamento di marca affidabile, ci sono ancora problemi perché non ci sono standard per ciò che metti nella macchina che produce il filamento. Questo è fastidioso per il singolo consumatore, ma può essere disastroso per il settore, che, in larga misura, richiede documentazione per il prodotto. ”Hinge ha dichiarato al settore della stampa 3D che nella sua esperienza lo stesso marchio e tipo di filamento non stampa in modo coerente e la temperatura, la velocità e la velocità di avanzamento devono essere regolate in base alla qualità di stampa desiderata, che trova difficile e che richiede tempo.

In molti casi né il tipo di polimero, né la temperatura di stampa è adeguatamente fornita sulle bobine del filamento, afferma il professore danese. Secondo lui, le informazioni pertinenti per gli utenti, che dovrebbero essere fornite dai produttori includono la temperatura di transizione del vetro del filamento (Tg), la temperatura di fusione (Tm), le proprietà reologiche (almeno un indice di flusso di fusione) e le proprietà di superficie / bagnatura ( ad es. tensione superficiale critica).

Collaborazione con un’azienda di riciclaggio della plastica

La ricerca svilupperà un filamento di stampa 3D standardizzato e documentabile di alta e stabile qualità da materie plastiche riciclate con il supporto di Aage Vestergaard Larsen A / S, società danese di riciclaggio di plastica. “Aage Vestergard Larsen è un’azienda che ricicla la plastica dagli anni ’70. Hanno un vasto know-how, una fabbrica e strutture per il riciclaggio e la lavorazione della plastica. Noi di Uni abbiamo una visione approfondita della stampa 3D, della plastica e dei polimeri “, ci ha detto Hinge.

Scuola di ingegneria dell’Università di Aarhus. Foto via hudevad.com
Scuola di ingegneria dell’Università di Aarhus. Foto via hudevad.com
Gitte Buk Larsen, sviluppatore aziendale e responsabile marketing del gigante del riciclaggio Aage Vestergaard Larsen A / S afferma: “Se il progetto avrà successo, rivoluzionerà il consumo di materiale delle stampanti 3D. Stiamo parlando della possibilità di utilizzare i rifiuti di plastica per creare nuovi filamenti di alta qualità. Avrà un impatto significativo per l’ambiente e il clima a lungo termine ”.

Impatto positivo sull’ambiente?

Oggi l’industria è principalmente costituita da materie plastiche nuove o vergini, spiega Mogens Hinge. Il riciclaggio della plastica ha minori emissioni di CO2. Diverse aziende stanno affrontando i rifiuti di plastica della stampa 3D. Lo scorso anno Nefilatek ha lanciato un Kickstarter per i suoi filamenti di plastica riciclata al 100%. Lancashire3D , anche ufficio di servizi di stampa 3D con sede nel Regno Unito, ha anche l’obiettivo di ridurre l’impronta ambientale e di essere più eco-responsabile assicurando che il 95 percento della sua plastica di produzione di rifiuti venga recuperata e riciclata in materiale di stampa 3D sostenibile. Il 2020 è destinato a essere un anno di rinnovata attenzione e impegno per la sostenibilità secondo molti esperti di stampa 3D che abbiamo intervistato per lo studio del nostro leader annuale.

“È già possibile”

Gitte Buk Larsen, responsabile marketing di Aage Vestergaard Larsen A / S sottolinea che “nessuno ha violato il codice per la produzione di filamenti basato su una scheda tecnica al fine di garantire una qualità uniforme, e inoltre, attualmente non ci sono produttori di filamenti in Danimarca “.

Il professor Hinge ritiene che l’industria della stampa 3D apprezzerà l’approccio: “È già possibile, ma non è ancora stato fatto. Penso che questo sia il prossimo passo necessario per mettere in produzione la tecnologia di stampa 3D (FDM). ”

Il progetto si chiama “Sviluppo di filamenti per la stampa 3D a base di plastica riciclata” è diretto da Aage Vestergaard Larsen A / S.

Be the first to comment on "Danish University riciclare i rifiuti di plastica in un prodotto a filamento standard per mettere fine al Far West della stampa 3d"

Leave a comment