Danish Technological Institute e Scopic per stampare in 3d parti in nylon rilevabili al metallo per l’industria alimentare.

Il Danish Technological Institute (DTI), con sede a Taastrup, ha collaborato con Scopic , un produttore di prodotti rilevabili con sede in Galles, per creare parti in nylon stampate in 3D rilevabili al metallo per l’industria alimentare.

Con lo scopo di aiutare a rilevare parti estranee all’interno delle catene alimentari, le parti stampate in 3D sono state prodotte per un cliente DTI senza nome, che ha anche richiesto le parti per soddisfare gli standard di approvazione del contatto alimentare .

“Siamo venuti a conoscenza per la prima volta della polvere rilevabile per metallo attraverso esperienze nel settore dello stampaggio ad iniezione e crediamo che abbia un grande potenziale anche nella stampa 3D”, commenta Mads Østergaard, Business Manager presso DTI.

“CON LA POLVERE RILEVABILE PER METALLI DI SCOPIC, SIAMO IN GRADO DI ESPLORARE NUOVE OPPORTUNITÀ COMMERCIALI, SVILUPPARE NUOVI TIPI DI PRODOTTI ED ENTRARE IN NUOVI MERCATI, DOVE POSSIAMO DIMOSTRARE IL POTENZIALE DELLA STAMPA 3D.”

Fondata nel 1906, DTI è un istituto di ricerca senza scopo di lucro che mira a utilizzare le ultime conoscenze e tecnologie per creare prodotti, materiali, processi, metodi o modalità organizzativi nuovi o migliori per le aziende danesi.

L’istituto partecipa a progetti di sviluppo con istituti di ricerca e di istruzione sia in Danimarca che all’estero. DTI offre consulenza e servizi in una vasta gamma di aree di business come l’edilizia e l’edilizia per la chimica e la biotecnologia.

Pertanto, l’istituto ha preso parte a numerosi progetti di ricerca e sviluppo sulla stampa 3D, compresa la sua collaborazione con la Royal Danish Academy of Fine Arts Schools of Architecture, Design and Conservation per sviluppare un nuovo approccio alla stampa 3D in edilizia . Nell’aprile 2019, DTI ha anche ricevuto 10,6 milioni di euro per istituire un Open Innovation Test Bed (OITB) incentrato sull’avanzamento del campo dell’elettronica stampata in 3D . Di recente, DTI ha collaborato con CeramicSpeed , un fornitore di cuscinetti in ceramica, per sviluppare una ruota dentata per ciclisti professionisti che utilizzano la stampa 3D.

Il cliente di DTI ha richiesto le parti in nylon stampate in 3D rilevabili in metallo in risposta al numero di richiami di prodotti causati da parti estranee che contaminano le catene alimentari. L’integrazione della tecnologia rilevabile negli ambienti di trasformazione alimentare può aiutare a garantire la salute e il benessere del consumatore, oltre a ridurre i costi causati dai richiami.

Scopic offre numerosi prodotti e materiali per diverse tecnologie rilevabili, tra cui metallo, raggi X, anti-contraffazione e co-branding. DTI ha combinato la polvere rilevabile al metallo di Scopic con il suo polimero di base per sviluppare i parametri e consentire la produzione di parti in nylon stampate in 3D rilevabili al metallo. La polvere di Scopic è conforme alle normative in materia di contatto alimentare, rendendola adatta all’industria di trasformazione alimentare.

Be the first to comment on "Danish Technological Institute e Scopic per stampare in 3d parti in nylon rilevabili al metallo per l’industria alimentare."

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi