Da Singapore materiali termoindurenti 3DPRT da stampare in 3d e da riciclare

Mentre il nostro mondo diventa sempre più attento all’ambiente, l’argomento su come inquinare meno  ovunque andiamo è molto popolare. E la stampa 3D non fa eccezione, poiché chi crea spesso si sforza di utilizzare hardware e materiali che lasciano il minimo impatto possibile. Smaltire i rifiuti di plastica può essere difficile e, nel tempo, numerosi individui e aziende hanno pensato a modi innovativi per ridurre gli sprechi, dal trasformare effettivamente i rifiuti elettronici in stampanti 3D per creare filamenti dalla spazzatura e creare oggetti interessanti .

I ricercatori della Singapore University of Technology and Design (SUTD) stanno affrontando questa sfida creando materiali termoindurenti stampati 3D (3DPRT). Il loro lavoro, incentrato sul rimodellamento, la riparazione e il riciclaggio di strutture stampate in 3D, è stato recentemente spiegato in ” Thermoset riutilizzabili per una stampa tridimensionale sostenibile “.

Mentre cresce il volume della stampa 3D in tutto il mondo, i ricercatori di SUTD sono preoccupati:

“… Le strutture stampate in 3D formate con i tradizionali fotopolimeri termoindurenti non possono essere rielaborate in quanto le reti polimeriche sono reticolate covalentemente”, affermano nel loro lavoro di ricerca. “Questa natura non processabile, combinata con l’esplosione della stampa 3D a livello globale, sta portando a un enorme spreco di materiali di stampa 3D con gravi implicazioni ambientali”.
Le stampe 3D danneggiate non possono essere riparate con metodi tradizionali in quanto le reti sono rese inutilizzabili; con l’uso di 3DPRT, tuttavia, gli oggetti possono essere riparati tramite autorigenerazione termica.

“I trattamenti termici sono stati effettuati posizionando campioni polimerizzati UV in un forno di riscaldamento universale (Memmert Oven U, Germania) ad una temperatura impostata per un periodo di tempo stabilito”, affermano i ricercatori.
Ad esempio, i ricercatori hanno lavorato a una stampa 3D a forma di coniglio. Le orecchie erano state staccate, quindi hanno iniziato lucidando le aree da riparare e poi hanno riscaldato il pezzo a 180 ° C per quattro ore. Questo livello di maggiore malleabilità ha permesso loro di rimodellare e riparare il coniglio grazie al miglioramento delle prestazioni meccaniche.

I ricercatori hanno anche avuto successo nei loro sforzi di riciclaggio macinando i campioni in “polveri fini” e poi pressandoli tra le piastre di metallo rivestite di alluminio.

“Abbiamo sviluppato, per la prima volta, i fotopolimeri termoindurenti rielaborabili progettati per la stampa 3D ad alta risoluzione basata su DLP”, ha affermato Assistant Professor Qi (Kevin) Ge del Science and Math Cluster di SUTD, un co-leader del progetto.
“Complessivamente, crediamo che lo sviluppo di 3DPRT rappresenti una soluzione pratica per affrontare le sfide ambientali associate al continuo rapido aumento del consumo di materiali di stampa 3D che vengono sempre più utilizzati in una vasta gamma di applicazioni avanzate tra cui ingegneria tissutale, robotica morbida, nano -Dispositivi, e molti altri “, ha detto il professor Martin Dunn, altro co-leader per il progetto, e Dean del College of Engineering e Applied Science presso l’Università del Colorado Denver.

Be the first to comment on "Da Singapore materiali termoindurenti 3DPRT da stampare in 3d e da riciclare"

Leave a comment