Da Karlsruhe le microstrutture fluorescenti stampate in 3D contro le falsificazioni

Le microstrutture fluorescenti stampate in 3D potrebbero contrastare la contraffazione monetaria

I ricercatori austriaci dell’Istituto di tecnologia di Karlsruhe e della famosa società di lenti ZEISS utilizzano microstrutture fluorescenti stampate in 3D per migliorare la protezione dalle contraffazioni. L’innovazione potrebbe impedire la falsificazione di banconote, documenti e prodotti di marca.

Quando si sente parlare di sicurezza e stampa 3D, le notizie spesso riguardano i maker che trovano modi per elidere i sistemi di sicurezza . Proprio questa settimana, ad esempio, abbiamo visto come una società di sicurezza ha utilizzato una maschera 3D stampata per violare il sistema di identificazione volto di iPhone X .

Occasionalmente, tuttavia, la stampa 3D viene semplicemente utilizzata per proteggere o migliorare i sistemi di sicurezza e una nuova innovazione dell’Istituto tedesco di tecnologia di Karlsruhe (KIT) e ZEISS mira a proteggere uno dei pilastri più importanti della società: il denaro.

I ricercatori ritengono che la loro nuova tecnica di microstruttura 3D potrebbe essere uno dei metodi migliori per garantire l’autenticità del denaro, dei documenti e dei prodotti commerciali. E tutto ciò che serve per passare da un approccio 2D a uno 3D.

“Oggi, le caratteristiche di sicurezza ottica come gli ologrammi sono spesso basate su microstrutture bidimensionali”, ha spiegato il professor Martin Wegener, esperto di stampa 3D presso l’Institute of Nanotechnology del KIT. “Utilizzando le microstrutture fluorescenti stampate in 3D, è possibile aumentare la protezione contraffatta.”

Queste microstrutture fluorescenti stampate in 3D misurano solo circa 100 μm di lunghezza e sono praticamente invisibili a occhio nudo. Ma nonostante le loro dimensioni, hanno dimostrato di essere estremamente efficaci.

Le microstrutture stampate in 3D sono costituite da una struttura di scaffold a griglia incrociata, con punti fluorescenti colorati in vari punti.

Non è un sistema che puoi facilmente rimuovere sulla tua stampante desktop FDM 3D. Piuttosto, i ricercatori hanno utilizzato una stampante laser a litografia di Nanoscribe , uno spinoff di KIT, per stampare o strutture voluminose con una lunghezza del bordo di pochi millimetri o superfici microstrutturate che misurano una dimensione di pochi centimetri quadrati.

Il segreto per produrre i minuscoli punti fluorescenti in tutta la struttura è un fotoresist a base di acrilato contenente punti quantici di semiconduttori a nucleo-shell basati su CdSSe. Utilizzando questo resist nel processo di stampa 3D, i ricercatori possono incorporare la struttura a filigrana all’interno di un polimero trasparente, proteggendolo contro i danni.

Queste minuscole funzionalità di sicurezza 3D alle funzionalità potrebbero essere incorporate nelle finestre trasparenti delle banconote e potrebbero anche essere inserite nei tag di sicurezza per proteggere dalla contraffazione cose come prodotti farmaceutici, pezzi di ricambio per automobili e accumulatori mobili.

Speciali dispositivi di scansione sarebbero utilizzati per leggere le microstrutture stampate in 3D, ad esempio, una cassa.

“Le caratteristiche di sicurezza prodotte in questo modo non sono solo di carattere individuale, ma anche molto complesse nella produzione”, ha dichiarato Frederik Mayer del KIT. “Questo rende la vita difficile ai falsari”.

Lo studio completo dei ricercatori, “Funzioni di sicurezza basate sulla fluorescenza 3D mediante litografia laser 3D”, può essere trovato a questo indirizzo http:/ /onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/admt.201700212/abstract . Gli altri autori sono Stefan Richter, Philipp Hübner e Toufic Jabbour.

 

Be the first to comment on "Da Karlsruhe le microstrutture fluorescenti stampate in 3D contro le falsificazioni"

Leave a comment