Conferenza Europes sulla stampa 3d e sulle tecnologie addittive

Il Parlamento europeo cerca una strategia comune e competitiva nella stampa 3D

Il Parlamento europeo il secondo più grande elettorato democratico e il più grande elettorato democratico transnazionale in tutto il mondo, ha presentato la seconda Conferenza europea della stampa 3d, in cui si sottolinea la necessità urgente di una strategia europea comune per promuovere la ricerca nella stampa 3D , nei materiali, nell’istruzione, nell valore di mercato e nello sviluppo tecnologico in generale.

Nella Conferenza europea sulla stampa 3d del 2015, la necessità di una strategia comune, transnazionale è diventata evidente. Ora, in occasione della Conferenza 2016, i rappresentanti di alto livello provenienti da aziende, istituzioni e dal settore delle macchine utensili si sono riuniti ancora una volta per mettere un piano in azione.

Le tecnologie di produzione avanzate, che includono la produzione di additivi e la stampa 3D, stanno diventando globalmente riconosciute come una forza da non sottovalutare, che presentano il potenziale per ridurre i costi della supply chain, aumentare la sostenibilità (dai materiali di risparmio allo spreco di energia), e col potenziale di modificare sostanzialmente come produciamo i beni commerciali e industriali.

Riconoscendo questo, l’Europa ha dimostrato di essere un leader in certi campi AM-correlati, tra cui la stampa metal 3D, ma se vuole restare competitiva, in particolare con le regioni come Stati Uniti, Cina e Giappone che avanzano rapidamente si deve stabilire una strategia globale ed unificata per garantire un “costante sviluppo, di lunga durata, e coerente” della tecnologia di stampa 3D all’interno dei propri confini.

La Conferenza Europea 2016, presso la sede del Parlamento a Bruxelles, è stata co-ospitata da cinque membri del Parlamento europeo provenienti da quattro gruppi politici. Questi includono Dario Tamburrano (EFDD), David Borrelli (EFDD), Reinhard Bütikofer (Verdi / ALE), Eva Kaili (S & D) e Andrey Novakov (PPE).

A rappresentare l’industria della stampa 3D c’erano relatori provenienti da aziende chiave, tra cui Stratasys, Siemens, soluzioni SLM, Ultimaker, Materialise, e 3D Italy.

Insieme, i relatori e i partecipanti hanno individuato le esigenze più urgenti per rafforzare la posizione europea nel settore manifatturiero additivo, e in tal modo rafforzare la competitività industriale dell’Europa nel suo complesso.

In primo luogo, è stato stabilito che la strategia globale dovrebbe includere l’accesso ai finanziamenti di sostegno, la ricerca e l’innovazione, e alla standardizzazione e alla certificazione. Un altro punto affrontato è stato quello dei materiali di stampa 3D. I relatori hanno chiesto regole chiare e specifiche sulla disponibilità, lo sviluppo e la certificazione di tali materiali, che svolgono un ruolo sempre più importante nello sviluppo tecnologico della produzione di additivi .

Inoltre, la strategia europea per la produzione di additivi deve “andare al di là dei finanziamenti per accelerare la diffusione sul mercato” delle tecnologie di stampa   3D e affini , assicurando che le PMI, in particolare, siano in grado di beneficiare della formazione e dello sviluppo delle competenze, la proiezione dei diritti di proprietà intellettuale, delle norme di responsabilità, e della qualificazione e delle procedure di certificazione.

Tutti questi passaggi contribuiranno a garantire la fiducia del mercato e a sostenere lo sviluppo sostenibile delle tecnologie di produzione addittiva. Il Parlamento ha continuato a dichiarare che per questi obiettivi da raggiungere, il dialogo tra le parti interessate  è fondamentale, e che il sostegno politico dovrebbe essere costantemente fornito sia a livello europeo che nazionale.

CECIMO, l’Associazione europea delle industrie della macchina utensile, era presente alla  Conferenza Europea 2016 sulla stampa 3d . Filip Geerts, Direttore Generale, ha dichiarato: “CECIMO riconosce che in Europa,  i governi nazionali e la Commissione europea hanno sostenuto lo sviluppo della AM, gli investimenti in R & I e i relativi partenariati pubblico-privati attraverso progetti diretti e il finanziamento di centri di R & I. Come risultato, grazie anche a imprenditori innovativi e coraggiosi, l’Europa assume la guida nella produzione di sistemi metal AM a livello globale, sfruttando la sua eredità nel campo delle tecnologie di produzione industriale “.

“Tuttavia”, ha continuato, “ci sono sfide e gli ostacoli sulla strada per la sua industrializzazione che dovrebbere essere affrontati e, a tal fine, la politica del governo deve svolgere un ruolo nello sviluppo della tecnologia e la diffusione sul mercato. Con il suo know-how, la forza lavoro e le risorse qualificate, l’Europa ha il potenziale per diventare  un centro globale di eccellenza nella AM “.

La Conferenza Europea 2016 è stata registrata ed è disponibile in video

 

Be the first to comment on "Conferenza Europes sulla stampa 3d e sulle tecnologie addittive"

Leave a comment